ISSN: 2038-0925

Numero 9 | Invio di contributi

CFP_9_2012IT | FR | ES | EN | PT

QUANDO LA CLASSE OPERAIA ANDAVA IN PARADISO.
Le sinistre europee nell’”età dell’oro” del capitalismo

Morta o in crisi irreversibile per alcuni, smarrita e oramai priva dei suoi confini e di riferimenti culturali per altri, la sinistra europea è il tema proposto da Diacronie per il numero di gennaio 2012. L’arco cronologico preso in esame è il trentennio 1945-1973, dal secondo dopoguerra ai prodromi della grande crisi economica degli anni Settanta. Questo periodo è stato definito dalla storiografia francese come les trente glorieuses, una fase della storia europea in cui una prolungata crescita economica si è accompagnata a politiche di redistribuzione della ricchezza. In questi anni la sinistra, in tutte le sue diverse accezioni, si è dovuta confrontare con due fenomeni: da un lato con la fase espansiva del capitalismo seguita alla ricostruzione postbellica, dall’altro con i mutamenti sociali e culturali indotti dall’avvento dei fenomeni caratteristici della società di massa. L’integrazione europea e la tensione tra i blocchi, le politiche di welfare, la nazionalizzazione dei settori chiave della produzione, la programmazione economica, ma anche la memoria dell’antifascismo e la rilettura della storia recente sono stati alcuni dei nodi che hanno costituito un’occasione di confronto e di scontro tra le varie anime della sinistra. Intendiamo il termine “sinistra” non solo nell’accezione partitica ma soprattutto come espressione dell’incontro tra culture politiche, orientamenti di pensiero e visioni del mondo spesso anche molto differenti tra loro. Socialdemocratici, laburisti e socialisti, comunisti ortodossi e dissidenti, anarchici e trotskisti: tra questi gruppi, contaminazioni e osmosi furono più frequenti di quanto normalmente si ritenga. Anche la distinzione classica tra “riformisti” e “rivoluzionari” può essere a volte fuorviante, non risultando sempre così netta in tutti i paesi e in ogni momento storico. L’intento di Diacronie è quello di promuovere una riflessione su questi temi, che possa fornire anche qualche spunto di analisi sullo stato attuale delle sinistre in Europa.

Inviare un articolo
Gli autori posso inviarci i loro articoli in italiano, inglese, francese o spagnolo (30.000-40.000 battute, spazi, note e bibliografie compresi, rispettando le regole redazionali (http://www.studistorici.com/proposte-di-contributi/) e le istruzioni presenti al seguente indirizzo e-mail:
Scrivi una mail redazione.diacronie[at]hotmail.it.
Informateci della vostra intenzione di partecipare con un contributo, prendendo contatto con la redazione.
La data di consegna degli articoli è fissata al 20 novembre 2011.

Nota Bene
La rivista Diacronie. Studi di Storia Contemporanea pubblica regolarmente articoli e recensioni. Gli autori che desiderino inviare un testo di qualsiasi tipo, anche non legato alla tematica precisa del presente dossier, possono dunque farlo in qualsiasi momento.

Immagine: “Keep Left” by Jim Moran, on Flickr (by-nc-nd)

Scrivi un commento