ISSN: 2038-0925

“Colonialismo e identità nazionale. L’oltremare tra fascismo e Repubblica”

Seminario nazionale SISSCO

 

Seminario II

l’Italia e gli ‘altri’ colonialismi. Ricostruzione storica, contestualizzazione e comparazione

Call for paper

 

Dipartimento di Studi Linguistici e CulturaliUniversità di Modena e Reggio Emilia

26-27 settembre 2014

 

I recenti sviluppi della storiografia italiana sul tema del colonialismo e gli studi sul post-colonialismo stanno mostrando grande vivacità e maturità coniugando approcci di varie discipline (dalla storia sociale, culturale alla storia dell’arte, alla filmologia e all’antropologia) e focalizzandosi principalmente sull’immaginario coloniale e sulla memoria. Questa prospettiva ha consentito di ‘ripensare’ il ruolo del colonialismo come processo culturale svincolando lo studio della storia coloniale italiana dai meri limiti cronologici e disciplinari. Collegando l’Impero e l’Oltremare alla costruzione della nazione essa ha quindi permesso di ricostruire anche per il periodo repubblicano un permeante precipitato culturale di alcuni aspetti del colonialismo.

Se l’aspetto rimosso e inesplorato dell’esperienza coloniale ha fatto dunque da apripista alla rinascita dell’interesse, questo dibattito storiografico ha tuttavia privilegiato i ‘colonizzatori’ e gli ‘invasori’, le loro ambiguità e rappresentazioni, l’immaginario collettivo che hanno contribuito a sedimentare prediligendo insomma l’aspetto ‘privato’ della vicenda coloniale, suffragato peraltro da una florida memorialistica e da un materiale fotografico e audiovisivo recentemente riscoperto.

Muovendo da qui, per il secondo appuntamento del Seminario nazionale SISSCo Colonialismo e identità nazionale. L’Oltremare tra Fascismo e Repubblica ci pare necessario ampliare lo sguardo e valicare i confini euristici posti sinora dalla letteratura per stimolare una riflessione che sia in grado di riesaminare non solo le conseguenze del colonialismo sulla società e sulla cultura coeva e contemporanea, ma che sia capace di riportare il discorso coloniale alla sua dimensione pubblica e nel suo perimetro politico. L’obiettivo è quello di ricostruirne vicenda storica, dibattito pubblico e discorso coloniale anche da altri punti di vista, valorizzando non solo gli aspetti legati alla costruzione della memoria e alle voci oppresse; e inserendo l’esperienza italiana nel quadro più ampio del colonialismo europeo.

 

Il seminario intende promuovere l’incontro di studiosi le cui ricerche riguardino i temi del colonialismo italiano e del suo peculiare processo di decolonizzazione nei periodi fascista e repubblicano. In modo particolare saranno apprezzati interventi che privilegino l’aspetto transnazionale, che utilizzino una metodologia interdisciplinare, che procedano a uno studio comparativo della vicenda coloniale italiana.

 

Di seguito alcuni temi, ma non esclusivi, su cui si intende concentrare l’attenzione:

-    discorso pubblico e dibattito intellettuale nei confronti del colonialismo   italiano (periodo fascista; età repubblicana)

-         ricezione dei temi dell’anticolonialismo europeo nell’Italia repubblicana

-   reazioni alle aggressioni coloniali italiane da parte di altri stati: nuove ritrovamenti documentari

-        colonialismo italiano in prospettiva comparata

-  relazioni transnazionali fra l’antifascismo europeo e l’antifascismo e l’anticolonialismo italiano

-        (ri)comparsa del discorso anticoloniale nel dibattito politico italiano

-        neofascismo e discorso coloniale

 

Studiosi di ogni livello di esperienza sono invitati a inviare proposte di contributo, in italiano o in inglese. Abstracts (di non oltre 300 parole) e breve nota biografica vanno inviati entro il 31 marzo 2014 all’indirizzo email italiacoloniale@gmail.com. L’elenco delle proposte accettate sarà comunicato entro il 30 aprile 2014.

 

Il comitato scientifico: Paolo Bertella Farnetti (coordinatore), Paolo Borruso, Charles Burdett, Valeria Deplano, Marzia Maccaferri, Luciano Marrocu, Cecilia Novelli, Alessandro Pes (coordinatore), Gabriele Proglio, Alessandro Triulzi

 

Scrivi un commento