ISSN: 2038-0925

“Il conflitto, i traumi. Psichiatria e Prima guerra mondiale”

Convegno di studi

Reggio Emilia, Museo di storia della psichiatria S. Lazzaro, 

Settembre 2016, 

Call for papers.

La Prima guerra mondiale è stata, come si sa, un grande laboratorio in vivo anche e soprattutto in campo

psicologico e psichiatrico. Il tema delle “nevrosi di guerra”, dei traumi psichici subiti dai militari impegnati

su tutti i fronti della Grande Guerra, è un dato acquisito e approfondito dalla storiografia. Ci interessano

contributi dedicati in particolare alla realtà italiana, ma anche al confronto con la situazione in altri paesi.

Ma, anche in occasione del lungo centenario del conflitto, ci sembra importate dedicare attenzione a questo

tema, che presenta comunque ancora molti, essenziali elementi da far emergere e discutere.

In modo particolare si richiedono interventi sui seguenti temi:

· la psichiatria castrense e il Servizio neuropsichiatrico di guerra dell’Esercito italiano: le strutture e i

protagonisti, con particolare riferimento ai Centri di prima raccolta e neurologici, anche in confronto con i servizi equivalenti esistenti negli altri eserciti;

· la guerra, gli psichiatri, gli psicologi: come e in quanti hanno partecipato al conflitto? quali

riflessioni ne sono derivate? quale è stato, in Italia come all’estero, il dibattito politico e scientifico sulle riviste?

· la questione nosografica: quali termini sono state più utilizzati per descrivere le patologie presentate

dai militari? Che significato veniva dato in contesti diversi alle diverse diagnosi?

· la vita nei manicomi negli anni del conflitto (in zone di guerra o nel “fronte interno”) e del primo

dopoguerra: quale influenza ha avuto la guerra sull’esistenza dei ricoverati, militari e civili, e degli operatori?

· l’esperienza dei prigionieri di guerra, degli internati, dei profughi e degli sfollati: quali conseguenze sulle loro menti?

Studiosi di ogni livello di esperienza sono invitati a inviare proposte di contributo, in italiano o in inglese.

Verrà data precedenza ai contributi che presenteranno ricerche svolte in archivio. I partecipanti dovranno

inviare un abstract (di non oltre 500 parole) entro il 31/03/2016, allegando la domanda di partecipazione

come da schema allegato e il proprio cv aggiornato, all’indirizzo email chiara.bombardieri@ausl.re.it

(specificando nell’oggetto “Convegno: Il conflitto, i traumi. Psichiatria e Prima guerra mondiale”).

Il Comitato Tecnico Scientifico del Centro di storia della psichiatria analizzerà le proposte per scegliere i

contributi da inserire nel programma ufficiale che sarà elaborato entro la fine del mese di maggio. E’ prevista

la pubblicazione degli atti del Convegno.

Per info:

Mail chiara.bombardieri@ausl.re.it

Sito http://www.ausl.re.it/biblioteca-scientifica-c-livi/centro-di-storia-dellapsichiatria

Il Comitato scientifico del Centro: Vinzia Fiorino, Gian Maria Galeazzi, Giorgia Lombardini, Roberto Macellari,

Francesco Paolella, Paolo Francesco Peloso, Luca Pingani, Lisa Roscioni, Roberto Salati, Mauro Simonazzi, Luigi Tagliabue

Il Comitato esecutivo del Centro: Gaddomaria Grassi, Mila Ferri, Giordano Gasparini, Elisabetta Farioli, Chiara Bombardieri

Referenti per il Convegno: Francesco Paolella e Paolo Francesco Peloso; revisori incaricati: Luca Pingani, Mauro Simonazzi; membro esterno: Mirco Carrattieri.

Partner istituzionali del convegno: Ausl di Reggio Emilia, Istoreco, Comune di Reggio Emilia.

Scrivi un commento