ISSN: 2038-0925

“Minatori di memorie”

 

 

Le tematiche trattate nella prima edizione di Minatori di memorie da punti di vista interdisciplinari (storici, sociologici, antropologici, geografici e letterari), saranno affrontate nella nuova edizione con un focus più specifico, centrato su narrazioni e performance. Verranno prese in esame (ri)costruzioni e mediazioni di quei contesti e vissuti, affidate alla scrittura (in italiano, francese, neerlandese), più o meno finzionale, all’oralità e alle arti performative (teatro, cinema, videoarte, musica, fotografia, ecc.), con al centro trasformazioni, negoziazioni e performance identitarie e memoriali.

Saranno presenti, accanto a studiosi delle varie discipline coinvolte, anche artisti dall’Italia, dal Belgio e dall’Olanda, talvolta di retroterra migratorio: il poeta Wiel Kusters, lo scrittore e sceneggiatore Gustaaf Peek (che presenterà il film Gluckauf, vincitore del festival del cinema di Utrecht del 2015), il regista e attore Alessandro Idonea, gli artisti di foto e videoinstallazioni Silvia Caracciolo & Fabio Caramaschi.

Nella prima giornata vi saranno due sessioni di dibattiti con vari esperti che tratteranno temi quali scrittura, memorialistica, e il conservarsi della memoria attraverso musei ed installazioni. La giornata terminerà con la proiezione del film Gluckauf del regista Remy van Heugten, di cui parlerò prossimamente in modo più approfondito.

Nella seconda giornata l’attenzione si sposterà sulla performance poetica. Ospite del giorno Wiel Kusters, rinomato poeta nederlandese, che presenterà alcune fra le sue poesie in lingua, che verranno tradotte durante la sessione sia in italiano che in LIS, ovvero la lingua italiana dei segni.
La giornata si concluderà con la proiezione del film 262 abiti appesi, di Alessandro Idonea.

 

 

 

Scrivi un commento