ISSN: 2038-0925

“L’Europa di ieri, l’Europa che verrà”

Call for Papers 

Persistenze o Rimozioni 8 

L’Europa di ieri, l’Europa che verrà

 Università degli Studi di Perugia

Dipartimento di Lettere – Lingue, Letterature e Civiltà Antiche e Moderne.

28-29 giugno 2018 

In collaborazione con

318314_261286203910589_13981022_n

 

L’Associazione Culturale “Persistenze o Rimozioni”, bandisce un Call for papers per il suo VIII convegno annuale dal titolo “L’Europa di ieri, l’Europa che verrà”.

Il convegno si inserisce in un progetto pluriennale di studi sull’età̀ contemporanea e intende rivolgersi verso le nuove ricerche sulla storia e sul concetto stesso di Europa tra XIX e XXI secolo, attraverso un approccio interdisciplinare tra storia, scienze politiche ed economiche, letteratura e scienze sociali.

È quindi su questi temi che il Progetto “Persistenze o Rimozioni” declinerà quest’anno la sua specificità come vetrina delle ricerche in corso di una nuova generazione di studiosi, promuovendo la circolazione dei loro risultati e favorendo al contempo la discussione e l’incontro con le generazioni precedenti.

Attraverso lo sguardo interdisciplinare si vuole ripercorre la storia dell’idea d’Europa, dalle sue formulazioni originarie nel XIX secolo passando per la cesura delle due guerre mondiali, dei totalitarismi e della nascita delle istituzioni comunitarie, fino ai giorni nostri. Alla luce della recente crisi dell’europeismo, minato, da un lato, dal fallimento del processo d’integrazione sovranazionale e dall’incipiente ruolo degli organismi finanziari, e, dall’altro, dal ritorno di un nazionalismo escludente e xenofobo, riteniamo necessaria una riflessione approfondita sulle ragioni di tale crisi. Ripercorrere la storia del processo d’integrazione, delle forze politiche che si sono spese in favore o contro l’idea di un’Europa unita, lo stentato percorso verso lo sviluppo di un’identità propriamente europea e il delinearsi di un’integrazione incentrata sull’aspetto economico, favorirà una migliore comprensione del quadro politico attuale.

Il call for papers di quest’anno intende mettere a fuoco proprio il carattere eterogeneo e mutevole del concetto di Europa con un particolare riferimento alla sua dimensione storica, politica e culturale, prediligendo quei contributi che facciano dell’oggi il punto di partenza per la riflessione sul passato.

Per il raggiungimento di tali obiettivi si invitano i ricercatori junior (dottorandi e neo-dottori di ricerca) italiani e stranieri ad inviare proposte di contributi sui seguenti ambiti tematici principali, senza che questi siano strettamente vincolanti:

– Spazio della Storia: Le diverse idee d’Europa tra XIX e XX secolo: dalla “primavera dei popoli” alla Brexit; Il terzo polo: l’Europa nella guerra fredda; La storia delle istituzioni europee dal manifesto di Ventotene agli accordi di Dublino; Dall’Europa del welfare all’Europa all’emergenza securitaria.

– Spazio dell’Economia e della Politica: partiti e movimenti europeisti; il sogno federalista; l’antieuropeismo tra sovranismo e movimenti anti-sistema; il ruolo della finanza e il capitalismo predatore; l’Europa degli stati-nazione e l’Europa delle regioni; se Kadmo abbandona Europa: mezzogiorni d’Europa, la cultura mitteleuropea e l’Europa a due velocità.

– Spazio Letterario: l’immagine dell’Europa prima dell’Europa; Scambi, diffusioni, innesti e“contrabbandi” culturali attraverso la letteratura odeporica e gli scritti epistolari, con particolare riferimento al caso dei fuoriusciti politici.

– Spazio delle Rappresentazioni: nuove forme museali dedicate all’Europa e il loro rapporto con i musei nazionali; l’Europa come spazio immaginario nell’arte, cinema e architettura; le esposizioni Europee come spazio di confronto/cooperazione.

Un Comitato Scientifico appositamente costituito vaglierà̀ le proposte sulla base di un abstract di 500 parole accompagnato da un breve curriculum che dovrà̀ pervenire entro il 20 aprile 2019

Le proposte devono essere via email: persistenzeorimozioni@gmail.com (indicando come oggetto “POR8 + cognome”).

Si pubblicheranno gli Atti entro il 2019 nella collana editoriale Persistenze o Rimozioni presso la casa editrice Aracne, Roma.

L’iscrizione al Convegno è di 40 € (la quota include il contributo per la pubblicazione degli Atti e la quota di iscrizione annuale all’Associazione, ridotta a 5 € per l’occasione del convegno).

Comitato scientifico: Mireno Berrettini (Università Cattolica), Stefano Braghiroli (Università di Tartu), Salvatore Cingari (Università di Perugia), Adriano Cirulli (Uninettuno), Michelangela Di Giacomo (M9 Museum), Novella di Nunzio (University of Vilnius), Steven Forti (Università Autonoma di Barcellona), Annarita Gori (ICS, Lisbona), Oscar Greco (Università della Calabria), Livio Karrer (M9 Museum), Tommaso Nencioni, Paolo Perri (University of Calabria), Massimo Piermattei, Paolo Raspadori (Università di Perugia), Francesca Zantedeschi (Gerda Henkel Stiftung).

Cfp POR8_Europe

Scrivi un commento