ISSN: 2038-0925

Gli archivi degli ex ospedali psichiatrici nel portale Carte da legare #40° leggebasaglia

Il 13 maggio 1978 veniva emanata la legge 180, nota anche come “legge Basaglia”, per il ruolo che lo psichiatra veneziano ebbe nel processo di revisione dell’ordinamento dei manicomi italiani fino alla loro chiusura, realizzatasi grazie a questo provvedimento legislativo. Ed è proprio in quella promulgazione che trova la sua origine l’operazione di storicizzazione dei materiali documentari degli ex ospedali psichiatrici i cui risultati sono raccolti nel portale Carte da legare, dedicato agli archivi della psichiatria italiana ed in particolare delle istituzioni manicomiali.

Il portale nasce dal progetto omonimo, promosso dalla Direzione generale archivi fin dalla fine degli anni Novanta, quando, ormai giunto alla conclusione, quasi dappertutto, l’iter di chiusura definitiva degli ex ospedali psichiatrici, emerse la necessità di effettuare azioni durature di tutela e valorizzazione della documentazione di queste istituzioni risalente, talvolta, addirittura al periodo preunitario. Furono così avviate un insieme di attività che prevedevano, innanzitutto, il censimento – che può dirsi ormai concluso – del patrimonio archivistico degli ex manicomi; in realtà, nel corso degli anni, la rilevazione di dati ha riguardato anche la documentazione di centri di igiene o salute mentale, case di cura e di salute ed anche di un ospedale psichiatrico giudiziario, quello di Castiglione delle Stiviere. Una volta individuati gli archivi, fu intrapresa la loro messa in sicurezza dal punto di vista conservativo, promuovendone, quando necessario, il trasferimento presso gli Archivi di Stato e finanziando, stimolando e appoggiando interventi di riordinamento ed inventariazione di questi complessi documentari. Ad oggi più di un terzo dei fondi degli ex manicomi dispone di uno strumento di ricerca analitico, a disposizione degli utenti nel portale del progetto.

Il portale vuole rappresentare un punto di riferimento per tutti coloro che, sia dal punto di vista archivistico che degli studi storici e sociali, affrontano le problematiche legate alla “follia” ed alle istituzioni cui ne è stata delegata la cura nel corso del tempo, che, grazie proprio alla legge 180/1978 e a tutto il movimento che ne ha in qualche modo preparato ed aperto il terreno – e che ha visto in Franco Basaglia uno degli suoi maggiori artefici – hanno avuto in Italia un percorso sicuramente originale, realizzando, prima e dopo la legge, esperienze avanzate ed innovative basate sulla centralità del paziente e il superamento dell’istituzione manicomiale. E proprio perché Carte da legare ha l’ambizione di essere questo punto di riferimento, all’interno del portale è anche presente una sezione dedicata a progetti correlati, come quello dell’Archivio storico della psicologia italiana, del Centro interdisciplinare di ricerca dell’Università degli studi Milano-Bicocca, o Fuori dal manicomio, del Dipartimento di storia, archeologia, geografia, arte e spettacolo dell’Università degli studi di Firenze, che hanno concentrato il loro interesse sul censimento delle fonti della psicologia, il primo, ed extramanicomiali, il secondo. Progetti che incontrano ed intersecano, sempre a partire dagli archivi, gli obiettivi specifici di Carte da legare, interlocutore ormai riconosciuto anche per quanti autonomamente, come ad esempio la Biblioteca scientifica Carlo Livi della AUSL di Reggio Emilia. Il Centro studi e ricerche Santa Maria della Pietà della ASL Roma 1, l’Azienda sanitaria di Firenze, l’Azienda USL Toscana Sud Est di Siena e quella Sud Ovest di Volterra, la società San Servolo Servizi Metropolitani di Venezia e la Biblioteca di psichiatria e di psicologia clinica del Dipartimento di scienze neurologiche, biomediche e del movimento dell’Università degli studi di Verona, si sono mossi alla ricerca di finanziamenti per sostenere specifiche attività del progetto, utilizzando gli strumenti descrittivi e il portale che la DGA mette a disposizione.

 

Scrivi un commento