ISSN: 2038-0925

15/ RECENSIONE: Johann CHAPOUTOT, Il nazismo e l’Antichità, Torino, Einaudi, 2017, 523 pp.

a cura di Alberto SCIGLIANO

Diacronie. Studi di Storia Contemporanea, N. 34, 2|2018

Johann CHAPOUTOT, Il nazismo e l’Antichità, Bologna, Pendragon, 2017, 153 pp.

Johann CHAPOUTOT, Il nazismo e l’Antichità, Torino, Einaudi, 2017, 523 pp.

Il giovane e talentuoso storico francese Johann Chapoutot, docente di storia tedesca all’Università di Paris III – Sorbonne nouvelle si è occupato principalmente dell’aspetto culturale del nazismo, dedicando i suoi studi ai processi di trasformazione etica e culturale operati dal regime hitleriano fra gli anni Trenta e Quaranta del secolo scorso. Le ricerche di Chapoutot, all’interno del più ampio contesto degli studi dedicati all’esperienza nazista, sono dotati però di un taglio più peculiare.

.

[» Scarica l’articolo in PDF]

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.


Testo integrale


Download (PDF, 482KB)


.


Per citare questo articolo


SCIGLIANO, Alberto, «RECENSIONE: Johann CHAPOUTOT, Il nazismo e l’Antichità, Torino, Einaudi, 2017, 523 pp.», Diacronie. Studi di Storia Contemporanea, N. 34, 2|2018

URL: <http://www.studistorici.com/2018/06/29/scigliano_numero_34/>

.


Licenze


Creative Commons License«Recensione: Johann CHAPOUTOT, Il nazismo e l’Antichità, Torino, Einaudi, 2017, 523 pp.» by Alberto Scigliano / Diacronie. Studi di Storia Contemporanea is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.

.

Scrivi un commento