ISSN: 2038-0925

Autori

"Writing" by JKim1 on Flickr (CC-BY-NC).

Diacronie, in quanto collettivo in fieri, fa caldamente appello ai contributori esterni alla redazione, sollecitando e incoraggiando la partecipazione al progetto. In questa pagina pubblichiamo dei brevi profili curricolari dei ricercatori esterni al comitato di redazione che hanno scritto sulla rivista.

Valentina ABALZATI↓ – Marco ABRAM↓ – Enrico ACCIAI↓ – Federica ADDIS↓ – Maria Serena ADESSO↓ – Daniela ADORNI↓ – Gregorio ALONSO↓ – Francesco ALTAVILLA↓ – Giampaolo AMODEI↓ – Marco ALBELTARO↓ – Matteo ANASTASI↓ – Piera ANCARANI↓ – Janice ARGAILLOT↓ – Alessandro BADELLA↓ – Ivonne BARRAGÁN↓ – Pierluigi BASILE↓ – Sabrina BASSI↓ – Sarah BATTERSON↓ – Gökçe BAYINDIR GOULARAS↓ – Luca BENVENGA↓ – Sara BERNARD↓ – João Fábio BERTONHA↓ – María Elena BESSO PIANETTO↓ – Rafaella BETTAMIO↓ – Cecilia BIAGGI↓ – Marco BIZZOCCHI↓ – Cinzia BONATO↓ – Salvatore BONFIGLIO↓ – Paolo BORIONI↓ – Gaia BOTTONI↓ – Kaspar BRASKÉN↓ – Carlo BOVOLO↓ – Gianluigi BRIGUGLIO↓ – Enrico BULLIAN↓ – Cécile BUREL↓ – Priscila CABRAL ALMEIDA↓ – Giorgio CACCAMO↓ – Rebeca CAMAÑO SEMPRINI↓ – Antonio CANOVI↓ – Jimena CARAVACA↓ – Nicola CAROLI↓ – Stefania Elena CARNEMOLLA↓ – Ana Beatriz CARVALHO BAIOCCHI↓ – Giulia CASADEI↓ – Enrico CASTELLI di GATTINARA↓ – Valentina CATELAN↓ – Alessandro CATTUNAR↓ – Andrea CAVALETTO↓ – Piera CAVENAGHI↓ – Alessandro CELI↓ – Daniel Santiago CHAVES RIBEIRO↓ – Davide CHIEREGATTI↓ – Guido CIMADOMO↓ – Marco CINI↓ – Valentin CIONINI↓ – Frédéric CLAVERT↓ – Jean CLOT↓ – Maurizio COCCO↓ – Mario COGLITORE↓ – Štefan ČOK↓ – Roberto COLOZZA↓ – Georgios CONTOGEORGIS↓ – Robert Douglas COPE↓ – Andrea CORDA↓ – Lucileide COSTA CARDOSO↓ – Luca COSTANTINI↓ – Kimberly COULTER↓ – Guido CRAINZ↓ – Sante CRUCIANI↓ – Isaac CURTIS↓ – Maria D’Amuri↓ – Romina DE CARLI↓ – Marina de GHANTUZ CUBBE↓ – Nicola DEGLI ESPOSTI↓ – Alessandro De LUCA↓ – Alessandro De LUCA↓ – Stefania DE NARDIS↓ – Carlo de MARIA↓ – Christiane DEMEULENAERE-DOUYÈRE↓ – Chantal DENNIN-LALART↓ – Barbara DE POLI↓ – Massimiliano DE PRÀ↓ – Mario DE PROSPO↓ – Alice de RENSIS↓ – Vitor Leandro de SOUZA↓ – Wlaumir Donisete de SOUZA↓ – Francisco Miguel DE TORO MUÑOZ↓ – Vicente Jesús DÍAZ BURILLO↓ – Michelangela DI GIACOMO↓ – Lorenzo DI STEFANO↓ – Natália do CARMO LOUZADA↓ – Arnaud DOLIDIER↓ – Gemma DOMÈNECH CASADEVALL↓ – Petrônio DOMINGUES↓ – Rubén DOMÍNGUEZ MÉNDEZ↓ – Raffaello Ares DORO↓ – Pedro EGEA BRUNO↓ – Antônio Manoel ELÍBIO JÚNIOR↓ – Esteban ELENA GONZÁLEZ↓ – Alejandra ESTEVEZ↓ – Lorenzo ETTORRE↓ – Francescomaria EVANGELISTI↓ – Mariano FABRIS↓ – Giulia FASSIO↓ – Bettina FAVERO↓ – Patrizia FAZZI↓ – Greta FEDELE↓ – Milena FERNANDES de OLIVEIRA↓ – Iñigo FERNÁNDEZ↓ – José Luis FERNÁNDEZ JEREZ↓ – Nicolas FERRAND↓ – Filippo FERRARA↓ – Steven FORTI↓ – Itamar FREITAS↓ – Barbara GALIMBERTI↓ – Carlo GALLI↓ – Daniel GALVÁN DESVAUX↓ – Carmen GARCÍA MONERRIS↓ – Encarna GARCÍA MONERRIS↓ – Alessandro GHIGNOLI↓ – Mirko GIANCOLA↓ – Francesco GIOIELLO↓ – Fabio GIOMI↓ – Benedetta GIULIANI↓ – Llanos GÓMEZ MENÉNDEZ↓ – Cécile GONÇALVES↓ – Alberto GONZÁLEZ GONZÁLEZ↓ – Carmen GONZÁLEZ MARTÍN↓ – Carlos GONZÁLEZ MARTÍNEZ↓ – Wilko GRAF VON HARDENBERG↓ – Paolo GRASSI↓ – Edoardo GRASSIA↓ – Diane GRILLÈRE↓ – Justine GUITARD↓ – María Eugenia GUTIÉRREZ JIMÉNEZ↓ – Redi HALIMI↓ – Matthias HÄUSSLER↓ – Franziska HEIMBURGER↓ – Maria Ángeles HIJANO PÉREZ↓ – Sara del HOYO MAZA↓ – Carlos Fernando HUDSON↓ – Nadine HUNT↓ – Alessandro IACOPINI↓ – Daniel IGLESIAS↓ – Lidia JUREK↓ – Lorenzo KAMEL↓ – Olga KAZAKOVA↓ – Pedro Vinicius Asterito LAPERA↓ – Caroline LAURENT↓ – Renzo LECARDANE↓ – Antonio LENZI↓ – Rosaria LEONARDI↓ – Marie-Claude LEPELTIER↓ – Mathieu LE TALLEC↓ – Antonis LIAKOS↓ – Emanuela LOCCI↓ – Marina LOFFREDO↓ – Misael Arturo LÓPEZ ZAPICO↓ – Jacopo LORENZINI↓ – Chiara LOSCHI↓ – Christelle LOZÈRE↓ – Stefano LUCONI↓ – Federica LUZI↓ – Niall MacGALLOWAY↓ – Julio Héctor MACÍAS↓ – Pascal MADONNA↓ – Silvia MADOTTO↓ – Stefano MAGAGNOLI↓ – Claudio MANCUSO↓ – Slobodan MANDIĆ↓ – Luca Giuseppe MANENTI↓ – Francesco MANTOVANI↓ – Silvia MANZI↓ – Tina MARAUCCI↓ – Valentina MARCELLA↓ – Muriel MARCHAL↓ – Elisa MARCOBELLI↓ – Concepción MARCOS DEL OLMO↓ – Carmine MARINO↓ – Martina MARTIGNONI↓ – Andrea MARTINI↓ – Marco MASULLI↓ – Andreza Santos Cruz MAYNARD↓ – Dilton Cândido Santos MAYNARD↓ – William MAZZAFERRO↓ – Federico MAZZINI↓ – Jonathan McCOLLUM↓ – Nader MEDDEB↓ – Francesco Maria MENGO↓ – Jesús MILLÁN↓ – Michele MIONI↓ – Francesca MISIANO↓ – Pascale MOIRON↓ – Gabriele MONTALBANO↓ – Fabio MONTELLA↓ – Constantino Gonzalo MORELL↓ – Antonio César MORENO CANTANO↓ – Francisco MOSIEWICKI↓ – Giuseppe MOTTA↓ – Federico NANNI↓ – Bastien NOËL↓ – Bill O’DRISCOLL↓ – Carla PEÑALOZA PALMA↓ – Michele PANDOLFO↓ – Giacomo PARRINELLO↓ – Dario PASQUINI↓ – José-Vidal PELAZ LÓPEZ↓ – Anna PELLEGRINO↓ – Maila PENTUCCI↓ – Jacopo PERAZZOLI↓ – David PÉREZ GUILLÉN↓ – Pablo Javier PÉREZ LÓPEZ↓ – Paolo PERRI↓ – Andrea PERRONE↓ – Alessandro PES↓ – Alessandro PETRALIA↓ – Gian Luca PODESTÀ↓ – Paolo POMBENI↓ – Enrico PONTIERI↓ – Andrea POZZETTA↓ – Lourdes PRADES-ARTIGAS↓ – Monica PRIANTE↓ – Nicolas PROGNON↓ – Enrico PUGLIESE↓ – Grégory QUIN↓ – Laurent QUISEFIT↓ – Marcus REDIKER↓ – César RINA SIMÓN↓ – Camillo ROBERTINI↓ – Francesca ROLANDI↓ – Maria Cruz ROMEO↓ – Valerio ROMITELLI↓ – Jordi RUBIÓ↓ – Rebeca SAAVEDRA ARIAS↓ – Giorgio SACCHETTI↓ – María Pilar SALOMÓN CHÉLIZ↓ – Fabricio Gabriel SALVATTO↓ – Francesca SANNA↓ – Martina SANNA↓ – Guglielmo SANO↓ – Francisco das Chagas F. SANTIAGO JÚNIOR↓ – Lora SARIASLAN↓ – Brian SARNACKI↓ – Alfredo SASSO↓ – Magdalena SCHELOTTO↓ – Elena SCHLEIN↓ – Karl SCHURSTER↓ – Roberto SCIARRONE↓ – Alberto SCIGLIANO↓ – Gianluca SCROCCU↓ – Montserrat SEBASTIÁ-SALAT↓ – Brian SHAEV↓ – Kenan Behzat SHARPE↓ – Nedjib SIDI MOUSSA↓ – Juan Antonio SIMÓN↓ – Igor José SIQUIERI SAVENHAGO↓ – Josep SITJÀR↓ – Ariel Ignacio SLAVUTSKY↓ – Ana Lorym SOARES↓ – Carlos Hugo SORIA CÁCERES↓ – Carolina SOCCIO DI MANNO De ALMEIDA↓ – Débora SOUZA CRUZ↓ – Jens SPÄTH↓ – Lorenzo SPURIO PASSAMONTI↓ – Carlo Andrea STAZZI↓ – Swen STEINBERG↓ – Alessandro STOPPOLONI↓ – Giulia STRIPPOLI↓ – Davide TABOR↓ – Giulio TATASCIORE↓ – Marco Antônio TEIXEIRA↓ – Elisa TIZZONI↓ – Cecilia TOGNON↓ – Nicola TONIETTO↓ – Alejandro TORRES GUTIÉRREZ↓ – Matteo TROILO↓ – Flavia TUDINI↓ – Aleksandra UZUNOVA↓ – Mairon Escorsi VALÉRIO↓ – Sergio VALERO↓ – Lisa VALLI↓ – Eduardo Henrique Barbosa de VASCONCELOS↓ – Rocío VELASCO de CASTRO↓ – Giovanni VENEGONI↓ – Roberto VENTRESCA↓ – Nicola VERDERAME↓ – Oreste VERONESI↓ – Alberto VIEIRA↓ – Manuel VIERA de MIGUEL↓ – Francesc VILANOVA i VILA-ABADAL↓ – Marco VISCARDI↓ – Philippe VONNARD↓ – Sonia WANDERLEY↓ – Andrea ZAFFONATO↓ – Valerio ZANDONÀ↓ – Costanza ZANASI↓ – Ana Belén ZAPATA↓ – Jesús María ZARATIEGUI↓ – Annarita ZAZZARONI

.

Valentina ABALZATI, conseguita la laurea magistrale in Scienze Internazionali e Diplomatiche nella facoltà “R. Ruffilli” di Forlì (Università di Bologna), con una tesi sulla riconfigurazione del confine tra Messico e Stati Uniti tra economie aperte e frontiere chiuse, si è trasferita a Città del Messico dove aveva precedentemente trascorso un semestre di studio presso la Universidad Nacional Autónoma de México. Attualmente lavora come analista free lance per questioni di politica e sicurezza e collabora saltuariamente con alcune riviste di politica internazionale, tra cui «Limes» e «World in Progress».

Marco ABRAM ha conseguito il Dottorato di ricerca presso l’Università di Udine ed è stato visiting PhD student presso l’Università di Belgrado. Si occupa soprattutto di storia culturale della Jugoslavia socialista. Tra il 2013 e il 2014 ha lavorato come ricercatore presso Osservatorio Balcani e Caucaso, mentre nel 2015 è stato research fellow al Center for Advanced Studies – South Eastern Europe. Attualmente è research fellow presso il Dipartimento di Storia dell’Università di Fiume.Ha fatto parte della redazione di «Diacronie. Studi di Storia contemporanea» dal 2009 al 2013.

Enrico ACCIAI si è addottorato in storia dell’Europa contemporanea presso l’Università degli Studi della Tuscia, nel corso del 2010 ha svolto attività di ricerca grazie ad una borsa della Fondazione Luigi Salvatorelli. Già titolare di un assegno di ricerca presso il dipartimento per lo Studio delle Lingue e delle Civiltà Classiche e Moderne (CICLAMO) dell’Università degli Studi della Tuscia è attualmente ricercatore presso il departamento de Historia Moderna y Contemporanea della Universidad de Cantabria. Nel 2011 è inoltre risultato vincitore del premio annuale bandito dall’Associazione Casa Di Vittorio. Si è occupato di storia dell’anarchismo spagnolo e dell’antifascismo italiano; attualmente sta portando avanti un progetto di ricerca sui volontari italiani che presero parte alla guerra civile.

Federica ADDIS è laureata in Scienze Politiche presso l’Università di Padova. È dottoranda borsista in Storia dell’Europa dal Medioevo all’Età Contemporanea presso l’Università degli Studi di Teramo. Il suo progetto di ricerca dottorale mira ad indagare l’atteggiamento della Repubblica Democratica Tedesca nei confronti della sinistra extra-parlamentare, della violenza politica e del fenomeno terroristico in Italia tra il 1968 e la fine degli Anni Ottanta.

Maria Serena ADESSO, Phd in “Storia dell’Europa moderna e contemporanea” presso l’Università degli studi di Bari, si occupa di storia dell’integrazione europea e storia dei partiti politici. Collabora con l’Istituto Gramsci Puglia e con l’Associazione per la storia della Puglia e del Mezzogiorno nell’integrazione europea. Le sue ultime pubblicazioni sono «Il PCI e lo Stato d’Israele attraverso la lettura degli organi di stampa comunisti (1948-1973)» in CASILIO, Silvia, CEGNA, Annalisa, GUERRIERI, Loredana (a cura di), Paradigma lager. Vecchi e nuovi conflitti del mondo contemporaneo, Clueb, Bologna, 2011; ADESSO, Maria Serena, NEVE, Vincenzo, «Ricordando la “discesa in campo”. Cenni sull’uso politico della storia nell’Italia del Cavaliere (1994-1996)» in Historia Magistra, 6/2011, pp. 37-49.

Daniela ADORNI insegna storia contemporanea all’Università di Torino. Nei suoi studi si è soffermata sulla figura di Francesco Crispi e sulle relazioni fra centro e periferia nel XIX secolo.

Gregorio ALONSO enseña historia de España y de América Latina en la Universidad de Leeds. Es autor de La nación en capilla. Ciudadanía católica y cuestión religiosa en España, 1793-1874 (Comares, Granada, 2014); y autor y coeditor de The Politics and the Memory of Democratic Transition: The Spanish Model (Nueva York, Routledge, 2011) con Diego Muro; y de Londres y el Liberalismo Hispánico (Madrid/Frankfurt am Main, Iberoamericana/Vervuert, 2011) con Daniel Muñoz-Sempere. Sus intereses como investigador abarcan los conflictos político-religiosos y la transferencia de ideas en el mundo ibérico- atlántico en la edad contemporánea.

Francesco ALTAVILLA è studente del corso di Laurea Magistrale in Storia d’Europa presso l’Università di Bologna. Ha frequentato il corso di Laurea Triennale in Storia presso lo stesso ateneo, laureandosi con una tesi in storia dell’ebraismo dal titolo Il Podestà e il Prefetto. Renzo Ravenna e Renato Hirsch. Essere ebrei nella Ferrara che cambia. 1920-1947, relatrice la Professoressa Francesca Sofia.

Giampaolo AMODEI ha conseguito la laurea specialistica in Storia d’Europa presso l’Università di Bologna nell’A.A. 2007/2008 con una tesi in Storia delle dottrine politiche sul rapporto tra Technik e Staat nella Germania weimariana attraverso l’analisi del percorso politico e intellettuale di Walther Rathenau. Nei suoi studi ha analizzato: il concetto di politico ed il rapporto amico/nemico presenti nel pensiero di Carl Schmitt; gli apporti intellettuali degli autori appartenenti alla Kulturkritik, primo fra tutti quello di Walther Rathenau nella Germania del II Reich; il contributo dei principali esponenti del pensiero tecnico.

Marco ALBELTARO, laureato in scienze politiche presso l’università di Torino, è dottorando in storia delle società contemporanee nel medesimo ateneo. Si occupa di storia delle idee politiche, di storia del movimento operaio e di storia del giornalismo. Oltre a numerosi saggi in riviste italiane e straniere ha curato L’assalto al cielo. Le ragioni del comunismo, oggi, Napoli, La Città del Sole, 2010 e ha pubblicato La parentesi antifascista. Giornali e giornalisti a Torino 1945-1948, Torino, SEB, 2011. Collabora al Dizionario biografico degli Italiani e all’Oxford Handbook of Communism. È redattore di «Historia Magistra. Rivista di storia critica».

Matteo ANASTASI ha conseguito la laurea in Storia presso l’Università Europea di Roma discutendo una tesi sull’attività del quarto governo di Amintore Fanfani. Attualmente si sta specializzando in Relazioni Internazionali presso l’Università LUISS Guido Carli, sotto la supervisione del professor Francesco Perfetti. I suoi campi di studio sono l’analisi del fenomeno politico dell’ apertura a sinistra nel dopoguerra e la storia diplomatica italiana.

Piera ANCARANI, insegnante di scuola primaria, lavora nel tempo pieno dal 1979. Ha svolto attività di coordinamento del plesso e di supporto ai Dirigenti nei circoli didattici di appartenenza. Da quando lavora in un Istituto Comprensivo, ha rivestito incarichi di Funzione Strumentale per la promozione di percorsi sulle Pari Opportunità e per l’innalzamento del successo scolastico. Attualmente è docente referente di progetti legati alla “Cultura della Memoria”. È coautrice di un saggio sull’integrazione degli alunni autistici (Il mondo di Alessandro, Roma, Il Minotauro, 2001) e di libri di testo e di sussidi parascolastici. L’ultima pubblicazione propone un percorso di “Didattica della Storia personale” nella scuola elementare.

Janice ARGAILLOT est docteur en études hispanophones (spécialité civilisation latino-américaine) et enseignante contractuelle de l’Université de Cergy-Pontoise (UFR Langues et Études Internationales).

Alessandro BADELLA è dottorando in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Genova con un progetto sul ruolo del sistema internazionale nella transizione post-socialista di Cuba. Nel 2012 ha pubblicato il volume monografico La spina nel fianco. Stati Uniti e Cuba in una prospettiva razziale, 1823-1912 (Salerno, Arcoiris). Collabora con diversi think tank geopolitici, tra cui ISPI, per i quali scrive articoli sulle relazioni tra Cuba e Stati Uniti.

Ivonne BARRAGÁN, doctoranda en historia en la Universidad Nacional de Buenos Aires, becaria del Consejo Nacional de Investigaciones Científicas y Técnicas (CONICET), se interesa por los procesos de disciplinamiento, violencia y represión a colectivos obreros en empresas estatales bajo gestión de la Armada Argentina. En la actualidad indaga en la conformación de repertorios políticos en las fuerzas armadas con vistas a la represión a la clase trabajadora en las décadas de 1960 y 1970.

Pierluigi BASILE : dottore magistrale (Master’s degree) in Storia europea all’Università degli Studi di Palermo (2008) è attualmente dottorando di ricerca (PhD Student) in Storia presso l’Università di Roma Tre. Vincitore di un concorso per laureati nelle università siciliane indetto dal Centro di studi ed iniziative culturali “Pio La Torre” (2006). Diplomato in archivistica, paleografia e diplomatica ha collaborato all’attività di descrizione e inventariazione (cartacea ed elettronica) del patrimonio conservato presso l’Archivio di Stato di Palermo. Ha inoltre collaborato al progetto di ricerca di storia orale La memoria e il lutto: la strage di Portella della Ginestra nel vissuto dei protagonisti promosso dall’Istituto Meridionale di Storia e Scienze Sociali (Imes). Autore della monografia Le carte in regola. Piersanti Mattarella, un democristiano diverso (Palermo, 2010²). Nel corso delle sue ricerche si è occupato di storia sociale e politica della Sicilia contemporanea, studiando in particolare il rapporto tra mafia e potere politico tra età liberale e fascismo, la Democrazia Cristiana e la politica regionale tra gli anni Cinquanta e Settanta.

Sabrina BASSI è studentessa del corso di Laurea in Discipline delle arti, della musica e dello spettacolo (DAMS) dell’Università di Bologna.

Sarah BATTERSON is a Ph.D. candidate at the University of New Hampshire. Her research analyzes the role of the United States in the suppression of the Atlantic slave trade and the obstacles preventing the effective prohibition of the trade.

Gökçe BAYINDIR GOULARAS, Maitre de Conférences au Département francophone de Science Politique et Relations Internationales de l’Université Yeditepe d’Istanbul, est Associée de l’Unité Mixte de Recherche, Géographie-Cités-UMR 8504. Elle est spécialisée dans les migrations internationales, avec particulier attention pour les relations gréco-turques, l’identité et la culture des migrants.

Luca BENVENGA è sociologo e si occupa prevalentemente del rapporto soggetto giovanile-conflitto nel contesto metropolitano. Attualmente sta curando la ristampa italiana del libro Underground. Sociologia della contestazione giovanile di Walter Hollstein.

Sara BERNARD ha conseguito il Dottorato di ricerca in Storia del Sud-est Europa presso l’Università di Ratisbona con una ricerca sulle migrazioni di ritorno nella Jugoslavia socialista. I suoi interessi di ricerca riguardano principalmente dinamiche politiche e socio-economiche legate alle migrazioni internazionali che hanno caratterizzato le interazioni tra paesi socialisti e/o in via di sviluppo e l’Europa occidentale durante la guerra fredda.

João Fábio BERTONHA è Dottore in Storia sociale presso l’Universidade Estadual de Campinas (UNICAMP); ha portato a termine due stage di Post-dottorato, presso l’Università La Sapienza di Roma (2010-2011) e presso l’Universidade de São Paulo (2012). Specialista in temi strategici internazionali presso la National Defense University (EUA), è professore di Storia contemporanea presso l’Universidade Estadual de Maringá/PR (Brasile) e ricercatore del CNPq. È autore di molte opere, tra cui più di una decina di libri, nell’ambito degli studi sul fascismo, le relazioni internazionali, la difesa, l’immigrazione, la storia d’Italia e quella degli Stati Uniti.

María Elena BESSO PIANETTO se ha graduado en la Universidad Nacional de Rosario (Argentina) y ha desarrollado su carrera como docente en el Instituto de Educación Superior Nº 28 “Olga Cossettini” de Rosario. Es coordinadora del Centro de Estudios de Historia del Mundo Actual y directora del Postítulo de Especialización Superior en estudios de Historia del mundo actual. Ha participado en diversos proyectos de investigación en convocatorias del INFOD y del CONICET/UNR y es autora, entre otras, de obras como: «Prensa y dictadura: la mirada de La Nación y de La Opinión sobre el Chile de Pinochet (1973-1978)», in BATTCOCK, Clementina, DÁVILO, Beatriz, GERMAIN, Marisa, GOTTA, Claudia, MANAVELLA, Analía, MÚGICA, Maria Luisa (coords.), Espacio, Memoria e Identidad. Perspectivas teóricas y análisis de casos, Rosario, UNR Editora, 2002.

Rafaella BETTAMIO è dottoranda del Corso di specializzazione in Storia, Politica e Beni Culturali (PPHPBC) del Centro de Pesquisa e Documentação em História Contemporânea do Brasil (CPDOC) della Fundação Getúlio Vargas (FGV) e ricercatrice della Fundação Biblioteca Nacional (FBN) del Brasile.

Cecilia BIAGGI sta concludendo un dottorato di ricerca in Storia presso l’Università di Oxford. La sua tesi si occupa di forme di partecipazione politica non tradizionali in Irlanda del Nord tra il 1920 ed il 1932. In precedenza, ha passato un anno al Trinity College di Dublino come studente Erasmus, dove ha svolto ricerca per la tesi di laurea magistrale sui Troubles, conseguita presso l’Università di Siena nel 2011. Ha conseguito la laurea triennale nel 2008 all’Università di Bologna.

Marco BIZZOCCHI si è laureato in Scienze Storiche a Bologna con una tesi di laurea magistrale dal titolo Il Touring Club e la Libia. Nazionalismo e culto dei caduti in colonia. Dal 2011 collabora con la rivista online “Almatourism. Journal of Tourism, Culture and Territorial Development” del polo di Rimini dell’Università di Bologna e con la rivista online “Storia e Futuro” con la quale ha pubblicato un lavoro sui luoghi della memoria italiani in Tripolitania. Dal 2012 è socio dell’Istituto per la storia della Resistenza e dell’Italia contemporanea della provincia di Rimini con il quale ha appena avviato un lavoro per la messa in rete di un dizionario biografico dei “sovversivi” della Provincia di Rimini.

Cinzia BONATO è dottoressa di ricerca in storia moderna. Si interessa di storia sociale, dell’assistenza, del lavoro, di genere. Ha pubblicato diversi articoli ed è in corso di stampa il suo libro sul rapporto tra la popolazione e il sistema assistenziale della Repubblica di Genova.

Salvatore BONFIGLIO è docente di Diritto costituzionale italiano e comparato, ed è direttore del Laboratorio Multimediale di Comparazione Giuridica nell’Università degli Studi “Roma Tre”. Dal 2011 è direttore del periodico scientifico «Democrazia & Sicurezza-Democracy and Security Review». Tra le sue pubblicazioni ricordiamo: Forme di governo e partiti politici. Riflessioni sull’evoluzione della dottrina costituzionalistica italiana (Roma, Giuffrè, 1993); Controfirma ministeriale e responsabilità politica nel regime parlamentare. Il dibattito in Francia e in Italia (Roma, Giuffrè, 1997); Costituzione e forma di governo nel quadro del processo di integrazione europea (Roma, Philos, 1999); Il Senato in Italia. Riforma del bicameralismo e modelli di rappresentanza (Roma-Bari, Laterza, 2007); Composizione e funzioni delle Seconde Camere. Un’analisi comparativa (Padova, Cedam, 2008); I partiti e la democrazia. Per una rilettura dell’art. 49 della Costituzione (Bologna, Il Mulino, 2013); Costituzionalismo meticcio. Oltre il colonialismo dei diritti umani (Torino, Giappichelli, 2016).

Paolo BORIONI ha compiuto studi di storia all’Università La Sapienza di Roma e alla KUA Copenhagen University. Ha condotto ricerche sulla storia dei paesi scandinavi e in particolare sulla Danimarca, sulle socialdemocrazie nordiche, sul welfare state e sulla storia economica del Novecento. È membro del comitato scientifico della Fondazione Giacomo Brodolini e redattore della rivista Economia e Lavoro. Tra le sue pubblicazioni: Svezia (Milano, UNICOPLI, 2005); Risorse per la politica: il finanziamento dei partiti fra tradizione e innovazione (Roma, Carocci, 2005); Solo il re ha il potere delle armi. Copenaghen, 18 ottobre 1660: gli Stati Generali di Danimarca e l’instaurazione dell’assolutismo monarchico, Bologna, Il Mulino, 2008. Ha curato i volumi: Revisionismo socialista e rinnovamento liberale: il riformismo nell’Europa degli anni Ottanta, Roma, Carocci, 2001; Welfare scandinavo: storia e innovazione, Roma, Carocci, 2003; Welfare scandinavo, welfare italiano: il modello sociale europeo, Roma, Carocci, 2005.

Gaia BOTTONI è diplomata in pianoforte al Conservatorio Santa Cecilia di Roma. Nel 2007 si è laureata al D.A.M.S. in «Storia e critica del testo musicale» presso l’Università di “Tor Vergata”. Nel 2003 ha iniziato l’attività concertistica e da allora si esibisce in diversi festival e stagioni concertistiche nazionali e internazionali.

Carlo BOVOLO si è laureato nel 2013 in Storia del Risorgimento all’Università di Torino. Attualmente è dottorando presso l’Università del Piemonte Orientale con un progetto di ricerca sui cattolici e la scienza tra Otto e Novecento attraverso le riviste cattoliche. I suoi interessi di ricerca sono il Risorgimento e il suo uso politico e culturale, i processi di nation building, l’approccio dei cattolici alla scienza. È membro della “European Society for the History of Science”.

Kaspar BRASKÉN è ricercatore post-doc presso la Åbo Akademi University di Turku, Finlandia. È uno storico specializzato in storia tedesca, transnazionale e dei movimenti sociali. Braskén è co-editore di H-Socialisms e autore di diversi articoli sulla solidarietà internazionale, sul comunismo e sull’antifascismo. La sua tesi di dottorato è stata pubblicata nel 2015 col titolo: The International Worker’s Relief, Communism and Transnational Solidarity: Willi Münzenberg in Weimar Germany (Basingstoke, Palgrave Macmillan, 2015).

Gianluigi BRIGUGLIO ha conseguito la laurea triennale in Storia presso l’Università degli Studi di Messina con una tesi intitolata Cesare Mori e la campagna antimafia del fascismo. Attualmente è iscritto al corso di laurea magistrale in Scienze Storiche dell’Università di Bologna.

Enrico BULLIAN, classe 1983, ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Scienze Umanistiche a indirizzo storico presso l’Università degli Studi di Trieste. Ha pubblicato monografie e saggi storici in particolare sull’emergenza amianto e sulle condizioni di lavoro nella cantieristica navale. Attualmente è borsista presso il Consorzio per l’AREA di ricerca scientifica e tecnologica di Trieste. 

Cécile BUREL es licenciada en Historia y Geografía (2004), DEA en Historia Medieval (2005) por la Université Lyon 3 Jean Moulin con la tesina Les marchands de la Ville de Lyon au XVème siècle. También es máster en Arqueología y Patrimonio (2006). En 2007 obtiene el CAPES en Historia y Geografía y actualmente es profesora titular de secundaria y miembro del equipo de redacción de la revista de historia Lligams

Priscila CABRAL ALMEIDA, dopo avere conseguito la laurea in Memória Social presso il PPGMS dell’UNIRIO è attualmente dottoranda in História, Política e Bens Culturais del Centro de Pesquisa e Documentação de História Contemporânea do Brasil (CPDOC). Nel 2015 ha preso parte, come consulente al “Projeto de Cooperação Técnica BRA/08/021 – Cooperação para o intercâmbio internacional, desenvolvimento e ampliação das políticas de Justiça Transicional do Brasil”, stipulato tra il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) e la Comissão de Anistia del Ministero della Giustizia brasiliano, che ha come obiettivo la creazione di processi di conservazione della memoria degli spazi e degli avvenimenti legati alla repressione politica e alla lotta resistenziale nello Stato di Bahia.

Giorgio CACCAMO è dottore magistrale in Cooperazione internazionale (Bologna, 2008). Si è laureato in Antropologia culturale e processi di migrazione presso l’Università di Bologna, con una tesi su Black Italians e Bleus Noirs: dall’interdizione razziale all’integrazione dei calciatori di colore italiani e francesi. Ha collaborato con la rivista del Mulino «Studi Culturali» e con «PeaceReporter». Attualmente si occupa di giornalismo internazionale e di storia sociale e culturale dello sport.

Rebeca CAMAÑO SEMPRINI es Profesora y Licenciada en Historia por la Universidad Nacional de Río Cuarto (Córdoba, Argentina), Maestranda en Partidos Políticos en el Centro de Estudios Avanzados de la Universidad Nacional de Córdoba. Adscripta en esa misma unidad en el programa de investigación Historia Política de Córdoba, dirigido por el Dr. César Tcach (CEA-UNC/CONICET). Es becaria de posgrado del Consejo Nacional de Investigaciones Científicas y Técnicas. Ha co-compilado Río Cuarto en tiempos del peronismo. Aproximaciones desde la Historia (Córdoba, Ferreyra Editor, 2011) y publicado capítulo de libro en La invención del peronismo en el interior del país (Santa Fe, Universidad Nacional del Litoral, 2013). Es secretaria adjunta del Centro de Investigaciones Históricas de la Facultad de Ciencias Humanas de la UNRC.

Antonio CANOVI si occupa di storiografia della memoria nelle realtà italiana, francese, argentina e belga. Coordina il Laboratorio geostorico Tempo Presente del Centro di Documentazione Storica di Villa Cougnet di Reggio Emilia. Tra le sue pubblicazioni: Pianure migranti. Un inchiesta geostorica tra l’Emilia e l’Argentina, Reggio Emilia, Diabasis, 2009; (con Marco Fincardi), La repubblica sulla riva del Po, Bologna, CLUEB, 2009; (con Nora Sigman) Altri modenesi. Temi e rappresentazioni per un atlante della mobilità migratoria a Modena, Torino, Edizioni Gruppo Abele, 2005.

Jimena CARAVACA è ricercatrice e docente universitaria. Frequenta un dottorato in cotutela tra la Universidad de Buenos Aires e quella di Paris 7; è inoltre membro del Comitato direttivo nell’Instituto de Desarrollo Económico. Ha pubblicato articoli sull’Argentina del periodo 1870-1930 e sul pensiero economico liberale nel paese latinoamericano. 

Stefania Elena CARNEMOLLA, laureatasi a Pisa con una tesi sul primo viaggio di Vasco da Gama in India, è stata borsista della Fundação Calouste Gulbenkian, Biblioteca Nacional de Portugal, Comissão Nacional para as Comemorações dos Descobrimentos Portugueses e dello Instituto Camões. È autrice di articoli e saggi accademici, nonché di due opere in volume fra cui Fonti italiane dei secoli XV-XVII sull’espansione portoghese (Pisa, ETS, 2000). Ha partecipato come relatrice a conferenze, seminari, workshop. Giornalista pubblicista, dal 2011 è membro della Research Users Advisory Committee e della European Holocaust Research Infrastructure.

Nicola CAROLI ha conseguito la laurea triennale in Scienze Storiche e Sociali presso l’Università degli Studi di Bari con una tesi dal titolo La discussione parlamentare sull’adesione italiana al Sistema Monetario Europeo nel 1978. Frequenta il corso di laurea magistrale in Scienze Storiche presso l’Università di Bologna e il secondo anno del corso di laurea presso l’Universität Bielefeld.

Ana Beatriz CARVALHO BAIOCCHI si è laureata presso l’Universidade Federal de Goiás (UFG) ed è borsista CAPES. 

Giulia CASADEI è iscritta al primo anno del corso di Laurea Magistrale in Scienze storiche presso l’Università di Bologna.

Enrico CASTELLI di GATTINARA, filosofo, è stato per anni docente di Epistemologia della storia all’Università degli Studi di Roma la Sapienza e professore invitato presso l’École des Hautes Études en Sciences Sociales a Parigi. Dirige la rivista di filosofia, arte e letteratura Aperture. Punti di vista a tema e ha pubblicato numerosi libri e articoli su temi all’incrocio fra epistemologia, scienze ed estetica. Si occupa di epistemologia delle scienze umane.

Valentina CATELAN è laureanda (Laurea Specialistica) in “Storia delle civiltà e delle culture dell’età moderna e contemporanea” presso l’Università La Sapienza di Roma. 

Alessandro CATTUNAR (Gorizia, 1983) ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia Contemporanea a Napoli ed è borsista presso il dipartimento di Storia dell’Università di Padova. E’ presidente dell’Associazione Quarantasettezeroquattro di Gorizia con cui sta sviluppando numerosi progetti di ricerca ed educativi focalizzati sulla storia del Novecento nell’area di confine tra Italia e Slovenia. Ha recentemente pubblicato il volume Il confine delle memorie. Racconti di vita e narrazioni pubbliche tra Italia e Jugoslavia (1922-1955) (Firenze, Le Monnier, 2014).

Andrea CAVALETTO, diplômé de l’Université de Turin, est doctorant en histoire contemporaine auprès de l’Université Lumière Lyon 2, rattaché au Laboratoire de Recherches Historiques Rhône-Alpes (LARHRA). Sa thèse, dirigée par Laurent Douzou, porte sur l’évolution de la droite française entre les années 1930 et le régime de Vichy.

Piera CAVENAGHI è dottoranda di ricerca (PhD Student) in Storia, culture e strutture delle aree di frontiera presso il Dipartimento di Studi Umani dell’Università di Udine; sta sviluppando un progetto di ricerca sul tema degli honour killings nelle comunità immigrate in Italia. Nel 2007 ha conseguito un dottorato di ricerca presso l‟Università la Sapienza di Roma con una tesi dal titolo Origine e sviluppo del nazionalismo pukhtun tra Afghanistan e India dal periodo coloniale alla metà del Novecento. 

Alessandro CELI,è dottore di ricerca in storia contemporanea (Università di Udine, 2012) e archivista paleografo (Archivio di Stato di Torino, 2011). Cultore della materia presso la cattedra di Storia contemporanea del corso di laurea in Scienze Politiche dell’Università della Valle d’Aosta, socio della SISSCO e di numerose Accademie e Società storiche italiane e francesi, ha pubblicato oltre trenta tra articoli e monografie, tra le quali La Visitation d’Aoste. Histoire d’un monastère et de son époque (1631-1642) (Aosta, Le Chateau, 1999) e I seicento giorni della Chiesa di Aosta. La Chiesa cattolica valdostana durante la Resistenza (Aosta, Le Chateau, 2008). Si interessa di storia della Chiesa e storia militare, con particolare attenzione nei confronti delle regioni alpine.

Daniel Santiago CHAVES RIBEIRO è professore associato di Storia contemporanea dell’Universidade Federal do Amapá (Unifap). Ha conseguito il Dottorato di ricerca in Storia comparata presso l’UFRJ (Universidade Federal do Rio de Janeiro), ed è un membro permanente del corpo docente del Corso di specializzazione Master in sviluppo regionale (PPGMDR); è ricercatore senior dell’Observatório de Fronteiras do Platô das Guianas (OBFRON) e del Círculo de Pesquisas do Tempo Presente (CPTP), entrambi afferenti all’Unifap.

Davide CHIEREGATTI nasce a Sermide (MN) si è laureato nel 2008 all’Università degli Studi di Bologna con una tesi su L’Operato del Ministero dei Lavori Pubblici nella ricostruzione dei danni di guerra: il caso particolare degli edifici universitari di Bologna, sotto la direzione della Prof.ssa Francesca Sofia. Nel 2009 ha conseguito inoltre il diploma di Archivistica, Paleografia e Diplomatica presso l’Archivio di Stato di Bologna (ASBO). Impegnato nella ricerca inerente gli studi di storia delle istituzioni e storia italiana, attualmente, è impiegato presso la cooperativa sociale Le Pagine, dove si occupa di censimento, riordino ed inventariazione di archivi di enti pubblici e privati.

Guido CIMADOMO è architetto laureato al Politecnico di Milano e dottore di ricerca all’Università di Siviglia. È Profesor Asociado alla Facoltà di Architettura dell’Università di Malaga, dove insegna Storia dell’Architettura; coordinatore accademico per la mobilità internazionale, expert member del comitato scientifico CIPA per la documentazione del patrimonio culturale, sotto l’egida di ICOMOS, e membro attivo del Forum Unesco Università e Patrimonio. Ha pubblicato numerosi articoli sul patrimonio culturale, patrimonio industriale e su altri temi vincolati con l’architettura e i grandi eventi. Come architetto svolge la libera professione nell’ambito degli impianti sportivi e culturali, e nella documentazione e restauro del patrimonio architettonico.

Marco CINI è ricercatore di Storia economica presso il Dipartimento di Scienze politiche dell’Università di Pisa. Fra i suoi interessi figurano l’analisi della cultura economica dei ceti dirigenti italiani fra Ottocento e Novecento e lo studio dei rapporti politici ed economici intercorsi fra la Corsica e l’Italia in età moderna e contemporanea. Fra le sue monografie più recenti si segnalano: Corsica e Toscana nell’Ottocento. Relazioni politiche, economiche e culturali fra due regioni del Mediterraneo, Genova, Ecig, 2009, e Finanza pubblica, debito e moneta nel Granducato di Toscana (1815-1859), Pisa, ETS, 2011.

Valentin CIONINI est titulaire d’un Master de l’Université de Provence en 2008, il axe ses recherches sur Solidarité Internationale Antifasciste et le soutien humanitaire du mouvement anarchiste international aux libertaires espagnols. Il est enseignant d’Histoire-Géographie en classes internationales espagnoles. 

Frédéric CLAVERT a étudié les sciences politiques et l’histoire de l’intégration européenne à l’Université de Strasbourg et à l’Université de Leeds. Après sa thèse sur «Hjalmar Schacht, financier et diplomate» soutenue à l’Université de Strasbourg en décembre 2006, ses recherches s’orientent aujourd’hui vers les relations entre les banquiers centraux et la construction européenne. Il a enseigné l’histoire des relations internationales, l’histoire de la construction européenne et les sciences politiques de l’Europe à l’Institut des Hautes Études Européennes et à l’Institut d’Études Politiques de l’Université de Strasbourg. Il est maintenant chercheur au Centre Virtuel de la Connaissance sur l’Europe. Il y développe notamment une réflexion méthodologique sur la pratique de l’histoire contemporaine à l’ère numérique. Ses récents publications incluent: Contemporary history in the digital age, PIE Peter Lang (2011) et Hjalmar Schacht, financier et diplomate: 1930-1950, Bruxelles, PIE – Peter Lang (2009). 

Jean CLOT es doctorante en Estudios Regionales en la Universidad Autónoma de Chiapas, México. Sus líneas de investigación incluyen, entre otros temas, economía informal, frontera y migración.

Maurizio COCCO frequenta il secondo anno del Dottorato di ricerca in Storia Moderna e Contemporanea presso l’Università di Cagliari. Il suo campo di ricerca è l’antipolitica e il qualunquismo storico.

Mario COGLITORE è docente a contratto di Relazioni internazionali a Venezia presso l’Università Ca’ Foscari. Autore di saggi e articoli di argomento storico con particolare riferimento allo sviluppo dei sistemi di comunicazione tra Ottocento e Novecento, ha recentemente pubblicato I confini dell’Europa. Globalizzazioni, conquiste, tecnologie tra Ottocento e Novecento (Venezia, Cafoscarina, 2012).

Štefan ČOK nato a Trieste il 4/7/1983. Consegue la laurea in Storia contemporanea e la laurea specialistica in Storia della Società e della Cultura contemporanea presso l’Università degli Studi di Trieste. Nel 2015 conclude il proprio dottorato di ricerca in Storia dell’Europa e del Mediterraneo presso l’Università del Litorale di Koper-Capodistria, Slovenia, con un lavoro sulle elites liberalnazionali italiane triestine a cavallo fra XIX e XX secolo. Collabora con lo SLORI-Istituto Sloveno di Ricerche e la Sezione Storia ed Etnografia della Biblioteca nazionale slovena e degli studi di Trieste. Negli ultimi anni ha partecipato a vari progetti legati alla trasmissione della storia e delle memorie alle giovani generazioni, con particolare attenzione all’area altoadriatica e ai rapporti fra le diverse comunità che la popolano. 

Roberto COLOZZA è ricercatore post-doc presso il Centre d’Histoire de Sciences Po di Parigi nell’ambito di una borsa Marie Curie dell’UE (7° PQ). Tra le sue principali pubblicazioni: Repubbliche rosse. I simboli nazionali del Pci e del Pcf (1944-1953), Bologna, CLUEB, 2009 e Lelio Basso. Una biografia politica (1948-1958), Roma, Ediesse, 2010. 

Georgios CONTOGEORGIS, professore dell’università Panteion di Atene, è stato rettore nello stesso ateneo, direttore di ricerca del Centro Nazionale per la ricerca scientifica francese (CNRS), e per molti anni visiting professor presso l’Istituto di Studi Politici (IEP) di Parigi, titolare della cattedra Francqui presso l’Université Libre de Bruxelles, membro del Consiglio superiore e del Consiglio per la ricerca dell’Istituto universitario europeo (EUI) di Firenze. Esperto in materia universitaria nell’Unione europea è stato uno dei membri fondatori di EPSNET e della Società di scienze politiche greca (IPSA). Ha insegnato come visiting professor presso numerose università straniere, mentre i lavori sono stati pubblicati in molti paesi. È membro del Consiglio Scientifico e docente del Master di Studi Europei dell’Università di Siena, dottore honoris causa dell’Università di Oradea e membro corrispondente dell’Accademia Internazionale di Cultura portoghese. Tra i suoi lavori in lingua greca: Το ελληνικό κοσμοσύστημα [Il cosmosistema ellenico], 2 τ., Αθήνα, Σιδέρης, 2006-2014; Η δημοκρατία ως ελευθερία. Δημοκρατία και αντιπροσώπευση [La democrazia come libertà. La democrazia e la rappresentanza], Αθήνα, Πατάκης, 2007; Η ελληνική δημοκρατία του Ρήγα Βελεστινλή [La democrazia greca di Riga Velestinlis], Αθήνα, Παρουσία/Αρμός, 2008; Πολίτης και πόλις. Έννοια και τυπολογία της πολιτειότητας [Cittadino e città. Concetto e tipologia di cittadinanza], Αθήνα, Παπαζήσης, 2003; Η θεωρία των επαναστάσεων στον Αριστοτέλη [La teoria delle rivoluzioni in Aristotele], Αθήνα, Λιβάνης, 1982; Η ελληνική λαϊκή ιδεολογία. Κοινωνικο-πολιτική μελέτη του Δημοτικού Τραγουδιού [L’ideologia popolare greca. Studio socio-politico della canzone popolare], Αθήνα, Λιβάνης, 1979; Κοινωνική δυναμική και πολιτική αυτονομία. Οι ελληνικές κοινότητες της τουρκοκρατίας [Dinamica sociale e autonomia politica. Le comunità cittadine greche durante il dominio ottomano], Αθήνα, Λιβάνης, 1982; Περί έθνους και ελληνικής συνέχειας [Sulla nazione e sulla continuità greca], Αθήνα, Ιανός, 2011; Οικονομικά συστήματα και ελευθερία [I sistemi finanziari e la libertà], Αθήνα, Σιδέρης, 2010; Το αυταρχικό φαινόμενο [Il fenomeno autoritario], Αθήνα, Παπαζήσης, 2003.

Robert Douglas COPE is an associate professor of History at Brown University. His research and teaching focuses on the creation and development of multi-ethnic societies in Mexico and Central America, with particular emphasis on the lived experience of the urban poor.

Andrea CORDA è nato a Carbonia (CA) nel 1981. Si è laureato in Scienze della comunicazione all’Università “La Sapienza” di Roma nel dicembre 2005. Ha pubblicato il libro La formazione al giornalismo. Dal praticantato alle scuole (Cagliari, Cuec, 2011). Dal 2015 è dottore di ricerca in Storia moderna e contemporanea presso il Dipartimento di Storia, Beni culturali e territorio dell’Università degli Studi di Cagliari.

Lucileide COSTA CARDOSO è professoressa associata del Dipartimento di Storia – all’interno del corso di specializzazione – dell’Universidade Federal da Bahia. Si è addottorata in Storia sociale presso l’Universidade de São Paulo (2004). Autrice del libro Criaçoesda memoria: Defensores e Críticos da Ditadura (1964-1985) (Cruz das Almas, Editora UFRB, 2012), di saggi in opere miscellanee e articoli, tra gli altri sulla «Revista Brasileira de História» (1994 e 2011), «Revista da ABHO» (2012), «Revista Anos 90» (2013), «Revista Antíteses» (2013), «Revista da FLUP, U. Porto» (2014). È a capo del gruppo di ricerca Memórias, Ditaduras e Contemporaneidades, UFBA/CNPq.

Luca COSTANTINI si è addottorato presso l’Università di Bologna e, in cotutela, con la Universidad Nacional de Educación a Distancia. È membro del Centro de Investigaciones Históricas de la Democracia Española e della Asociación de Historiadores del Presente. Collabora con le riviste «Ricerche di Storia Politica» e «Historia del Presente». Si occupa prevalentemente di partiti socialisti e socialdemocratici europei e di analisi politiche comparate in Italia e Spagna.

Kimberly COULTER ha ottenuto un dottorato di ricerca in geografia sulla produzione e distribuzione dei prodotti culturali (UW-Madison) ed è il Project Director dell’Environment & Society Portal. 

Guido CRAINZ ha insegnato Storia contemporanea presso l’Università degli studi di Teramo e da anni collabora al quotidiano «la Repubblica». Inoltre ha fondato e dirige l’Archivio audiovisivo della memoria abruzzese. Tra i suoi principali libri ricordiamo: Padania. Il mondo dei braccianti dall’Ottocento alla fuga dalle campagne (Roma, Donzelli, 1993); Storia del miracolo italiano Culture, identità, trasformazioni fra anni Cinquanta e Sessanta (Roma, Donzelli, 1996); L’Italia repubblicana (Firenze,Giunti, 2000); Il paese mancato Dal miracolo economico agli anni ottanta (Roma, Donzelli, 2003); Il dolore e l’esilio. L’Istria e le memorie divise d’Europa(Roma, Donzelli, 2005); L’ombra della guerra. Il 1945, l’Italia (Roma, Donzelli, 2007); Autobiografia di una repubblica. Le radici dell’Italia attuale (Roma, Donzelli, 2009); Il paese reale. Dall’assassinio di Moro alla stagione di Berlusconi (Roma, Donzelli, 2012); Diario di un naufragio. Italia 2003-2013 (Roma, Donzelli 2013); Storia della Repubblica. L’Italia dal 1945 ad oggi (Roma, Donzelli, 2016).

Sante CRUCIANI è docente di Storia delle relazioni internazionali presso l’Università della Tuscia. Si occupa dell’integrazione europea, della guerra fredda e dello spazio mediterraneo, privilegiando la comparazione tra Italia e Francia. Tra le sue pubblicazioni: L’Europa delle sinistre. La nascita del Mercato Comune Europeo attraverso i casi francese e italiano (1955-1957), Roma, Carocci, 2007; Passioni politiche in tempo di guerra fredda. La Repubblica di San Marino e l’Italia repubblicana tra storia nazionale e relazioni internazionali (1945-1957), San Marino, Università della Repubblica di San Marino, 2010; (a cura di), Bruno Trentin e la sinistra italiana e francese, Roma, École Française de Rome, 2012. È condirettore della rivista digitale «Officina della Storia» (http://www.officinadella storia.info).

Isaac CURTIS (http://www.isaaccurtis.com/) est doctorant en histoire à l’Université de Pittsburgh. Ses recherches portent sur l’histoire des Caraibes du XVIIe siècle; sa thèse de doctorat est intitulée The Common Sea: Masterless People and the Making of the Colonial Caribbean, 1620-1730. Il a publié Masterless People: Maroons, Pirates, and Commoners in PALMIÉ, Stephan, SCARANO, Francisco A., The Caribbean : A History of the Region and its Peoples, Chicago, The University of Chicago Press, 2011, pp. 149-162.

Maria D’AMURI si è laureata in Lettere moderne all’Università degli Studi di Torino, presso cui ha conseguito il dottorato in Studi storici. Ha svolto attività di ricerca principalmente in ambito di storia urbana, raccogliendo gli esiti di tali studi nella pubblicazione di diversi saggi e tre monografie dedicate all’esperienza dell’edilizia popolare a Torino e in Italia tra la metà dell’Ottocento e il primo dopoguerra.
.

Romina DE CARLI, laureatasi in storia presso l’Università degli Studi di Trieste con una tesi sulla storia contemporanea della Spagna, ha seguito gli studi di dottorato presso la Universidad Computense de Madrid dove ha ottenuto il dottorato con menzione europea nel 2007. Nel 2011 si è associata come Professore Aiutante Dottore presso il dipartimento di Geografia e Storia della Universidad Pública de Navarra. La sua linea di ricerca verte sull’azione internazionale della Santa Sede nel XX secolo e sulle relazioni Stato-chiesa in Spagna nello stesso periodo.

Marina de GHANTUZ CUBBE ha conseguito la laurea triennale in Lettere moderne presso l’Università la Sapienza. Studia Scienze storiche presso l’Università di Bologna con particolare interesse per la storia e il diritto del lavoro. Attualmente collabora con l’associazione Articolo 21.

Nicola DEGLI ESPOSTI holds a Bachelor’s and a Master’s degrees in History from the University of Bologna. He is now a student of the Master programme in Middle Eastern Studies at Leiden University, and currently a visiting student of the Middle Eastern Technical University (METU) in Ankara. His research interests stretch from the international relations of the Middle East, to Turkey’s politics and foreign policy and to the transnational Kurdish issue.

Alessandro DE LUCA, nato nel 1979, è docente di materie storiche e letterarie presso le scuole medie superiori. Addottoratosi in Storia presso l’Università di Parma nel 2012, ha scritto vari saggi e monografie sull’età napoleonica in Italia, trattata dal punto di vista politico ed economico. Tra i suoi interessi di ricerca relativi alla storia del novecento vi è il socialismo autogestionario.

Carlo DE MARIA ha conseguito il titolo dottore di ricerca nel 2005 presso l’Università di Siena; dal 2006 è assegnista di ricerca in storia contemporanea all’Università di Bologna. Collabora come archivista (ha conseguito nel 2009 il diploma presso la scuola speciale per archivisti e bibliotecari, SSAB, di Roma) con la Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. Tra le sue pubblicazioni: Alessandro Schiavi. Dal riformismo municipale alla federazione europea dei comuni, Bologna, Clueb, 2008 (libro vincitore del premio ANCI-Storia); Spirito liberale e tradizioni comunitarie. Storia e ordinamenti del mutuo soccorso nel forlivese-cesenate e nel riminese (1840-1915), Bologna, Clueb, 2008; Camillo Berneri. Tra anarchismo e liberalismo, Milano, Franco Angeli, 2004.

Stefania DE NARDIS è dottore di ricerca in Storia contemporanea, collabora con la cattedra di Storia contemporanea dell’Università G. d’Annunzio di Chieti-Pescara e con la Fondazione per le scienze religiose Giovanni XXIII di Bologna.

Simeone DEL PRETE ha conseguito la Laurea triennale in Storia presso l’Università di Bologna con una tesi di laurea in storia economica sul conflitto nordirlandese, frutto di ricerche effettuate presso l’University College Cork. Attualmente frequenta il corso di Laurea Magistrale in Scienze Storiche presso il medesimo ateneo.

Christiane DEMEULENAERE-DOUYÈRE est archiviste paléographe et docteur en histoire de l’Université Paris I, conservateur général du patrimoine et chercheur associé au Centre Alexandre Koyré de Paris. Elle a dirigé, seule ou en collaboration, plusieurs ouvrages sur les expositions: Exotiques expositions: Les expositions universelles et les cultures extra-européennes, France, 1855-1937, Paris, Somogy, 2010; Les expositions universelles en France au XIXe siècle. Techniques. Publics. Patrimoines, Paris, CNRS Éditions, 2012 ; «The World’s Exhibitions and the display of science, technology and culture: moving boundaries», en Quaderns d’Historia de l’Enginyeria, 13, 2012; Les expositions universelles. Les identités au défi de la modernité, Rennes, PUR, 2014.

Chantal DENNIN-LALART est Docteur en histoire contemporaine, Professeur d’histoire Agrégée, et maitre de Laboratoire HLLI à ULCO, Lille université Charles de Gaulle, France.

Barbara DE POLI insegna Storia contemporanea dei paesi islamici all’Università Ca’ Foscari di Venezia. Ha pubblicato, tra l’altro, I musulmani nel Terzo Millennio (Roma, Carocci, 2007) e Il sorriso della mezzaluna (Roma, Carocci, 2011).

Massimiliano DE PRÀ ha conseguito la Laurea Triennale in “Studi storici e filologico-letterari” presso l’Università di Trento; è attualmente iscritto alla Laurea Magistrale per frequentare in Scienze storiche dell’Università di Bologna.

Mario DE PROSPO, dottorando (Phd student) in Storia Contemporanea presso L’Istituto Italiano di Scienze Umane – SUM (Firenze, Napoli), dove sta svolgendo una ricerca dal titolo Mezzogiorno 1943. Soldati allo sbando sotto la tutela di Paolo Macry. Ha conseguito la laurea magistrale nel 2007 presso l’Università degli Studi di Napoli – Federico II con una tesi in Storia Contemporanea dal titolo Dall’asse alla cobelligeranza. I prigionieri di guerra italiani negli Stati Uniti (rel. Paolo Macry).

Alice de RENSIS(Bolzano, 1984) ha conseguito la laurea in Storia d’Europa nel 2009 con la tesi “Salotti e scritture di courtisanes nella Parigi della seconda metà dell’Ottocento”. Nel 2011 ha cominciato a collaborare con varie realtà museali altoatesine, prima come mediatrice museale presso il Museo archeologico dell’Alto Adige, poi come membro del Consiglio direttivo del Museo delle donne di Merano. Attualmente lavora presso la Biblioteca Civica di Bolzano.

Vitor Leandro de SOUZA è specializzando del corso di Pós-Graduação in “História Social” (PPGHIS) della Universidade Federal do Rio de Janeiro (UFRJ); si è laureato in História presso l’Universidade Federal Fluminense (2011).

Wlaumir Donisete de SOUZA è Professore presso il Centro Universitario Barão de Mauá di Ribeirão Preto. Dopo essersi laureato in Filosofia alla PUC di Belo Horizonte e avere conseguito la specializzazione in Storia presso la UNESP, si è addottorato in Sociologia presso lo stesso ateneo.

Francisco Miguel DE TORO MUÑOZ es Doctor en Historia Moderna y Contemporánea por la Universidad Autónoma de Barcelona. Su tesis doctoral, “Nazismo y resistencia en Austria. Oposición, disentimiento, consenso y policía política. Viena (1938-1942)”, recibió excelente cum laude, con Premio Extraordinario de doctorado. Paralelamente ha publicado distintos artículos de investigación en revistas científicas como «Historiar», «Historia Social», «Segle XX», etc. Se ocupa de temas relacionados con la historia del Tercer Reich y el Nacionalsocialismo, dedicándose especialmente al análisis del sistema de represión.

Darío DIEZ MIGUEL está Licenciado en Historia por la Universidad de Valladolid desde 2011 y cursa actualmente el 5º año de la licenciatura de Filosofía por la UNED. En 2012 realizó el “Máster de Europa y Mundo Atlántico: Poder, Cultura y Sociedad” (Programa de Doctorado del Instituto de Historia Simancas, UVa) y en el año 2013 el “Máster de Formación del Profesorado en la especialidad de Hª, Hª del Arte y Geografía” (UVa). En la actualidad (desde marzo de 2013) es becario de investigación en la Universidad de Valladolid, donde está realizando el doctorado con un proyecto de tesis titulado: “Adolfo Suárez y el Centro Democrático y Social, 1982-1991”.

Vicente Jesús DÍAZ BURILLO es licenciado en Filosofía por la Universidad de Salamanca y máster en Historia Contemporánea por la Universidad Autónoma de Madrid. En la actualidad forma parte del personal docente e investigador de esta última universidad, a cuyo departamento de Historia Contemporánea está adscrito. Ha sido investigador visitante en la Universidad de Roma «La Sapienza», la Universidad de Leeds, y la Universidad de Buenos Aires. Participa en diversos proyectos de investigación, como, por ejemplo, Historia del futuro: la utopía y sus alternativas en los horizontes de expectativa del mundo contemporáneo (siglos XIX-XXI) (HAR2015-65957-P). Su investigación gira en torno al estudio de las diferentes estrategias políticas que la Iglesia católica implementó en España en los años de la Transición política y posterior consolidación democrática.

Michelangela DI GIACOMO (Roma, 1983) si è addottorata presso l’Università di Siena; è Borsista presso l’Institut d’Estudis Catalans di Barcellona, è Cultore della materia presso il Dispi-Università di Siena. Ha vinto con le sue tesi il premio della Presidenza della Repubblica/Fondazione Spadolini nel 2012 e di quello del Senato della Repubblica nel 2009. È autrice del volume Da Porta Nuova a Corso Traiano. Movimento operaio e immigrazione meridionale a Torino. 1955-1969 (Bologna, BUP, 2013). Ha pubblicato saggi sulle riviste «Storiografia» (2009), «Studi Storici» (2010), «Memoria e Ricerca» (2012), «Historia, Trabajo y Sociedad» (2013).

Lorenzo DI STEFANO sta conseguendo la laurea magistrale in Scienze politiche internazionali e delle amministrazioni presso l’Università degli studi di Teramo. Nel 2013, nella medesima università, ha conseguito la laurea triennale in Scienze politiche con una tesi sull’emigrazione italiana di massa inBelgio, redatta nel corso di un programma Erasmus presso l’Università di Liegi.

Natália do CARMO LOUZADA, è dottoranda presso l’Universidade Federal de Goiás (UFG) e borsista del CNPq.

Arnaud DOLIDIER est doctorant à l’université Michel de Montaigne Bordeaux 3 avec une thèse intitulée : «Repartir à l’assaut du ciel ! Les mouvements libertaires durant la transition démocratique espagnole : ordre public et actions collectives (1975-1982)», sous la direction de M. François Godicheau. Domaine de recherche: histoire contemporaine de l’Espagne. Il a réalisé les Master 1 et Master 2 entre 2008 et 2010 sous la direction de M. Jean François Soulet et M. François Godicheau à l’université Toulouse 2 Le Mirail sur le thème : «La construction des identités collectives dans le milieu rural andalou pendant la Seconde République». Il est membre de l’association « Adelante ».

Gemma DOMÈNECH CASADEVALL è dottore di Ricerca in Storia dell’Arte presso l’Universitat Autònoma de Barcelona (2000). Ha quindi svolto un post-dottorato nel Institut Català de Recerca en Patrimoni Cultural (ICRP – Istituto Catalano di Ricerca in Patrimonio Culturale). Ha pubblicato diversi saggi sul patrimonio dell’epoca moderna e sull’architettura e gli architetti catalani della prima metà del secolo XX. Ha pubblicato, fra altri testi: «Fragile heritages: an architecture between disappearance and reutilization», in Amoêda, Rogério, LIRA, Sérgio, Pinherio, Cristina, Heritage 2010. Heritage and sustainable development, Barcelos [Portugal], Green Lines Institute for Sustainable Development, 2010, p.837-844; «Republicanisme i renovació arquitectònica», in PUJOL, Enric, El somni republicà. El republicanisme a les comarques gironines [1900-1936], Girona, Ed. Viena-Diputació de Girona, 2009; con Carles Ribera: «Camins de sortida. L’exili gironí del 1939 » In Girona 1939-1953. Exilis, repressions i complicitats, Girona, Ajuntament de Girona, 2009; e con Rosa María Gil: Nou model d’arquitectura al servei d’una idea de país. Barcelona, Fundació Josep Irla – Duxelm, 2010; e Josep Claret Rubira: Arquitecte entre la República i la dictadura, Girona, Ajuntament de Girona – COAC, 2009. 

Petrônio DOMINGUES si è addottorato in Storia presso l’USP (Universidade de São Paulo). Dal 2006 è professore dell’Universidade Federal de Sergipe e membro permanente del corpo docente del corso di Laurea specialistica in Storia (PROHIS) della stessa istituzione. Visiting Scholar della Rutgers – The State University of New Jersey (Stati Uniti),presso il Department of African Studies (2012-2013), è autore del libro, insieme a Flávio dos Santos Gomes, Da nitidez e invisibilidade: legados do pós-emancipação no Brasil, Belo Horizonte, Fino Traço Editora, 2013 e curatore – sempre assieme a Flávio Gomes – della raccolta Políticas da raça: experiências e legados da abolição e da pós-emancipação, São Paulo, Selo Negro Edições, 2014.

Rubén DOMÍNGUEZ MÉNDEZ es Doctor Europeo en Historia Contemporánea; ha conseguido el título bajo la dirección de la Profesora Elena Maza Zorrilla (Universidad de Valladolid) y del Profesor Maurizio Ridolfi (Università della Tuscia). Es autor de numerosos artículos sobre política cultural italiana en el extranjero, con especial atención a la época fascista. Su última publicación sobre el fascismo, como coordinador del número, ha sido: «Los fasci italianos en España. Aproximación al conocimiento de sus grupos y actividades», en Pasado y Memoria, 11/2012.

Raffaello Ares DORO è dottore di ricerca in Storia d’Europa presso l’Università della Tuscia di Viterbo in cotutela con l’Université Paris 2 Panthéon-Assas, si occupa di storia della radio e della televisione e di propaganda politica in Italia e in Europa nella seconda metà del XX secolo. Membro della redazione della rivista «Officina della Storia», fa parte del Groupe d’Etude et de Recherche sur la Radio (GRER). Tra le sue principali pubblicazioni L’immagine televisiva e la rappresentazione mediatica del Capo dello Stato, in RIDOLFI, Maurizio (a cura di), Presidenti. Storia e costumi repubblicani nell’Italia democratica, Roma, Viella, 2014; La radio dalla stagione delle radio libere agli anni Novanta: sviluppo e consumo culturale nella società italiana, in ANANIA, Francesca (a cura di), Consumi e mass media, Bologna, Il Mulino, 2013; La presse alternative dans l’Italie des années soixante-dix: le cas du quotidien Lotta Continua, in LE MAREC, Joëlle, PUCCIARELLI, Mimmo (sous la dir. de), La presse alternative entre la culture d’émancipation et les chemins de l’utopie, Lyon, Atelier de création libertaire, 2013.

Pedro EGEA BRUNO es Catedrático de Historia Contemporánea en la Universidad de Murcia. Pertenece a diferentes asociaciones y entidades científicas. Es Académico Correspondiente por Murcia de la Real Academia de la Historia. Su labor investigadora se ha traducido hasta el momento en un centenar de artículos en revistas científicas y 57 libros sobre temas de su especialidad, entre los que destacan: El distrito minero de Cartagena en torno a la Primera Guerra Mundial (1909-1923); La represión franquista en Cartagena (1939-1945); La política y los políticos en la Cartagena de Alfonso XIII (1902-1923); Apuntes para la historia del movimiento obrero en la industria naval de Cartagena (1898-1923); Cartagena. Imagen y memoria, una historia gráfica en cuatro tomos, y La enseñanza primaria en Cartagena durante la II República y la Guerra Civil (1931-1939). Es coautor – con Juan B. Vilar y Diego Victoria – de La minería murciana contemporánea I (1840-1930) y II (1930-1985) y de El movimiento obrero en el distrito minero de Cartagena-La Unión (1840-1930). A él corresponde el estudio de la Edad Contemporánea en la obra colectiva Manual de Historia de Cartagena. En la actualidad su obra se centra en II República, Guerra Civil y etapa franquista, avanzando en estudios sobre la economía, la política, la ideología, la cultura, la vida cotidiana, las emigraciones y la mujer. 

Esteban ELENA GONZÁLEZ es Licenciado en Historia por la Universidad de Valladolid, aunque su formación como licenciado estuvo a caballo entre ésta y la Universidad Autónoma de Madrid. Es DEA por el Instituto Universitario de Historia Simancas y Máster en Política y Democracia por la Universidad Nacional de Educación a Distancia. De igual modo, ha realizado varias estancias de investigación en centros de reconocido prestigio, como el Cañada Blanch Centre for Contemporary Spanish Studies de la London School of Economics and Political Science, el Instituto de Políticas y Bienes Públicos del Centro de Ciencias Humanas y Sociales del CSIC y en el History Department de Yale University. Es miembro del proyecto de investigación HAR2010-20762 “La Presidencia de Gobierno de Leopoldo Calvo Sotelo (1981-1982)” del Plan Nacional de I+D+i 2008-2011 del Ministerio de Ciencia e Innovación. Sus líneas de investigación giran en torno a la historia reciente de España y la construcción del Estado Autonómico Español. En 2010 fue distinguido con un accésit en el XI Premio Jóvenes Investigadores de la Asociación de Historia Contemporánea. Entre sus publicaciones destaca «El Día de la Región en Castilla y León: división y lucha partidista en torno a un símbolo autonómico (1983-1987)» en Ayer, 80, 2010, pp. 215-237.

Antônio Manoel ELÍBIO JÚNIOR ha conseguito un dottorato in Storia sociale presso l’Universidade Estadual de Campinas-UNICAMP e un post-dottorato in Scienze politiche presso l’Universidade Federal de Pernambuco-UFPE. Attualmente è professore nel Dipartimento di Storia nell’Universidade Estadual da Paraíba-UEPB.

Alejandra ESTEVEZ è ricercatrice post-doc del Centro de Pesquisa e Documentação de História Contemporânea do Brasil della Fundação Getúlio Vargas (CPDOC/FGV) ed è titolare di una borsa di CAPES. Nel 2014 è stata ricercatrice per conto della fondazione Getúlio Vargas sul tema della Repressione dei lavoratori e del movimento sindacale all’interno della Comissão Nacional da Verdade (CNV). Si è addottorata in Sociologia e laureata in Storia sociale presso l’Universidade Federal do Rio de Janeiro (UFRJ).

Lorenzo ETTORRE si è Laureato in Storia presso l’Università Tor Vergata di Roma con una tesi sul Partito comunista italiano; ora è dottorando presso l’Università della Tuscia di Viterbo. Dopo aver approfondito alcune tematiche relative ad aspetti specifici del colonialismo europeo in Africa, il suo ambito di interesse attuale è incentrato sull’analisi dei rapporti tra “mondo cattolico” e “mondo comunista” nell’Italia repubblicana.

Francescomaria EVANGELISTI, PhD in “Comunicazione e critica della cultura” presso l’Università di Siviglia, è ricercatore in “Storia della propaganda ed analisi della comunicazione politica” per COMPOLITICAS. Attualmente dirige la comunicazione del Movimento Cinque Stelle Lazio.

Mariano FABRIS es Doctor en Historia (Universidad Nacional de Mar del Plata, 2011). Fue Becario postdoctoral en CONICET (2011-2013) y actualmente docente en Historia Social General en la carrera de Sociología (UNMdP) y en Historia Argentina de la carrera de Historia (UNMdP). Se especializa en historia del catolicismo desde el retorno de la democracia en 1983. Ha publicado numerosos artículos en revistas especializadas en Argentina, Chile, México y Brasil y ha colaborado en publicaciones colectivas. Actualmente se encuentra desarrollando un proyecto de investigación sobre la prensa católica en la historia reciente.

Giulia FASSIO è dottoranda in Antropologia Culturale presso l’Università di Torino e in Storia presso l’Université Pierre Mendès-France di Grenoble. Si occupa prevalentemente di immigrazione italiana e nuove mobilità.

Bettina FAVERO es Profesora y Licenciada en Historia por la Universidad Nacional de Mar del Plata y Doctora en Historia por la Universidad Nacional del Centro (Tandil). Desde el año 1999 hasta el 2006 fue becaria doctoral y posdoctoral del CONICET. Entre los años 2008 y 2009 consiguió una beca superior de posdoctorado de la Agencia Nacional de Promoción Científica y Tecnológica. En el año 2007 recibió el premio “Tesi di Ph.D discussa in un’università straniera” – Concorso del Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane e la Fondazione Agnelli, Torino. En el año 2011 ingresó como investigadora asistente en la carrera de Investigador del CONICET. Desde hace más de 10 años es docente en la Facultad de Humanidades, UNMdP. Ha publicado libros, artículos en revistas científicas especializadas y capítulos de libros en diversas compilaciones de nivel local, nacional e internacional.

Patrizia FAZZI, docente a contratto di Storia contemporanea presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Torino, insegnante di materie letterarie in un liceo torinese, si occupa di didattica della storia e di sociologia delle migrazioni. Tra le pubblicazioni si segnalano: Migrazioni e trasformazione sociale in Italia. Dall’età moderna a oggi, Milano, FrancoAngeli, 2008; in collaborazione con il Dipartimento di Scienze sociali dell’Università di Torino: Il Movimento degli obiettori alle spese miliari in Italia, in ANFOSSI, Anna, OOMMEN, Tharailath Koshy (a cura di), Azioni politiche fuori dei partiti, Milano, FrancoAngeli, 1997, pp. 85-105; tra i saggi si segnala: «La guerra in Cecenia: un nazionalismo mai sopito», in Giano, 22, 1996, pp. 19-31. In ambito didattico: «Problemi, metodi e didattica della storia moderna e contemporanea», in Storia e Futuro, 35, 2/2014, pp. 1-24.

Greta FEDELE è studentessa del corso integrato franco-italiano Histoire et civilisations comparées. Precedentemente ha conseguito la laurea triennale in Storia presso l’Università degli Studi di Milano discutendo una tesi dal titolo Storia e globalizzazione nella recente produzione storiografica.

Milena FERNANDES de OLIVEIRA Milena Fernandes de Oliveira è professoressa dell’Universidade Estadual de Campinas (Stato di São Paulo). La sua attività di ricerca è incentrata sull’analisi del rapporto tra l’idea di nazione e l’economia politica nel passaggio dal XVIII al XIX secolo. Lo studio delle precondizioni alla base della presa di coscienza del passaggio da colonia a regno in Brasile è stato al centro del suo lavoro di mestrado; nel dottorato si è occupata della formazione di una cultura del consumo nel Brasile del XIX secolo, prendendo in esame le difficoltà nello sviluppo di un capitalismo nazionale. Si occupa di storia economica, principalmente dei secoli XVIII e XIX e in particolare dei processi di formazione del capitalismo.

Iñigo FERNÁNDEZ es maestro en historia por la Universidad Iberoamericana de México y doctor en biblioteconomía y documentación por la Universidad Complutense de Madrid. Es miembro de la Asociación Méxicana de Investigadores de la Comunicación y de la Red de Historiadores de la Prensa. Su tesis doctoral se intituló El debate fe razón en la prensa católica y liberal de la capital mexicana (1833-1857) y su línea de investigación se centra en la historia del periodismo mexicano del siglo XIX, si bien ha desarrollado algunos estudios en torno a los estereotipos del mexicano. Su publicación más reciente es ¿Cómo se ha escrito la historia?: Una alternativa para la enseñanza de la historiografía a preuniversitarios (Madrid, EAE, 2011) y actualmente encabeza un seminario en torno al análisis de las historias del periodismo mexicano.

José Luis FERNÁNDEZ JEREZ (Oviedo, 1978), es licenciado en Historia por la Universidad de Oviedo. Su tema principal de investigación se ha centrado en la historia de la Iglesia católica en Asturias durante la edad contemporánea, abarcando múltiples aspectos (relación Iglesia-Estado, secularización, anticlericalismo, religiosidad popular, sindicalismo católico y relación con organizaciones de clase, destrucción del patrimonio religioso, etc.), temas que aborda en su tesis doctoral. Sobre estos temas tiene diversas publicaciones, destacando el libro La Iglesia en Asturias (1957-1978). El fin del nacional-catolicismo y los orígenes de una Iglesia conciliar (Oviedo, RIDEA, 2011), colaboraciones en obras colectivas, junto con diversos artículos en revistas especializadas y prensa, siendo colaborador habitual del periódico La Nueva España. Ha participado en diversos congresos nacionales e internacionales.

Nicolas FERRAND, licencié en Histoire et en Géographie, est Docteur en Géographie et Aménagement. Sa thèse – Approche Morphologique de l’urbanisation: Lyon et son agglomération de 1945 à 2005 – a été soutenue au mois de juin 2010 à l’Université Jean Moulin Lyon 3.

Filippo FERRARA ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione, indirizzo politico-istituzionale, presso l’Università degli studi di Roma Tor vergata, con una tesi sulla continuità e la rottura della politica staliniana rispetto i principi ispiranti la rivoluzione d’ottobre e la politica di Lenin. Ha collaborato con un quotidiano locale, a cadenza settimanale, scrivendo articoli di politica e di sport. Attualmente è iscritto alla Laurea Magistrale in Scienze storiche dell’Università di Bologna.

Steven FORTI – dottore di ricerca per l’Universidad Autónoma de Barcelona con una tesi sulla questione del passaggio di dirigenti politici di sinistra al fascismo nell’Europa interbellica – è attualmente ricercatore presso l’Instituto de História Contemporanea dell’Universidade Nova de Lisboa (IHC-UNL). Membro del CEFID (Centre d’Estudis sobre les Epoques Franquista i Democràtica), del gruppo HISPONA, del SIdIF (Seminario Interuniversitario de Investigadores del Fascismo) e dell’Asociación de Historia Contemporánea (AHC) spagnola. Tra le sue più recenti pubblicazioni: El peso de la nación. Nicola Bombacci, Paul Marion y Óscar Pérez Solís en la Europa de entreguerras (Santiago de Compostela, Universidade de Santiago de Compostela, 2014), Otra deriva fascista. Paul Marion en la Francia de entreguerras, in GALLEGO, Ferran, MORENTE, Francisco (editores), Rebeldes y reaccionarios. Intelectuales, fascismo y derecha radical en Europa, 1914-1956 (Barcellona, El Viejo, 2011) e con TAPPI, Andrea, 1919-1920 y 1968-1969: De un biennio rosso a otro. Sindicalismo y derechos de ciudadanía en la Italia del siglo XX, in BABIANO MORA, José (ed.), El papel de los sindicatos en la construcción de la ciudadanía en la Europa del siglo XX (Madrid, Fundación 1o de Mayo, 2014).

Itamar FREITAS is Professor in History Department of University of Brasília (UnB).

Barbara GALIMBERTI è stata collaboratrice presso l’Archivio Storico della Città di Lugano, dove era incaricata della gestione e della conservazione dei documenti iconografici, attualmente sta completando la sua formazione nel corso di un Master in studi museali presso l’Università di Neuchâtel ed è documentalista presso il Musée international d’horlogerie de La Chaux-de-Fonds. Ha conseguito nel 2008 la Laurea Specialistica in Storia d’Europa all’Università di Bologna, con una tesi di laurea sul Il Consiglio d’Europa e l’insegnamento della storia. Nel 2007 ha partecipato ad un programma di scambio Erasmus presso l’École Normale Supérieure (ENS) di Parigi, sotto la direzione del Prof. Gilles Pécout (ENS-EPHE)

Carlo GALLI è docente di Storia delle dottrine politiche all’Università di Bologna. È direttore della rivista «Filosofia Politica». Dal 2006 al 2009 è stato membro della direzione della rivista «il Mulino», e dal 2006 al 2012 presidente del consiglio editoriale della casa editrice Il Mulino. Dal 2009 è presidente della Fondazione Gramsci Emilia-Romagna. Ha ideato e dirige numerose collane scientifiche presso editori come Il Mulino e Laterza. Tra i suoi libri ricordiamo: Genealogia della politica. Carl Schmitt e la crisi del pensiero politico moderno (Bologna, Il Mulino, 1996); Spazi politici. L’età moderna e l’età globale (Bologna, Il Mulino, 2001); Lo sguardo di Giano. Saggi su Carl Schmitt (Bologna, Il Mulino, 2008); Contingenza e necessità nella ragione politica moderna (Roma-Bari, Laterza, 2009); Perché ancora destra e sinistra (Roma-Bari, Laterza, 2010); Il diritto e il suo rovescio (Udine, Forum 2010); Il disagio della democrazia (Torino, Einaudi, 2011); I riluttanti. Le élites italiane di fronte alla responsabilità (Roma-Bari, Laterza, 2012); Sinistra. Per il lavoro, per la democrazia (Milano, Mondadori, 2013). Insieme a Roberto Esposito ha diretto l’Enciclopedia del pensiero politico (Roma-Bari, Laterza, 2000). Dal 2013 è membro della Camera dei Deputati.

Daniel GALVÁN DESVAUX es beneficiario del programa de Becas FPU del Ministerio de Educación, Cultura y Deporte. Realiza su tesis doctoral en la Universidad de Valladolid bajo la dirección del Dr. Antonio Cabeza Rodríguez. Desarrolla su línea de investigación en torno a la evolución de la monarquía española durante el Antiguo Régimen, sobre todo respecto al siglo XVII.

Carmen GARCÍA MONERRIS, es profesora Titular del Departamento de Historia Contemporánea de la Universitat de València. Su línea de investigación prioritaria está centrada en la crisis del Antiguo Régimen y los orígenes de la sociedad liberal. Desde este punto de vista, ha tratado aspectos como el de la peculiaridad patrimonial de la formación socioeconómica valenciana, la relación entre la Ilustración y el primer liberalismo, o los orígenes de la cultura constitucional en España. Es autora de Rey y Señor (Valencia, Excmo. Ayuntamiento de València, Delegación Municipal de Cultura, 1985), La Corona contra la Historia. José Canga Argüelles y la reforma del Real Patrimonio valenciano (Valencia, PUV, 2005), junto con Encarna García Monerris, La Nación secuestrada (Valencia, PUV, 2008) y coordinadora de Guerra, Revolución, Constitución (1808 y 2008) (Valencia, PUV, 2012).

Encarna GARCÍA MONERRIS, es profesora Titular del Departamento de Historia Contemporánea de la Universitat de València. Su principal línea de investigación se centra en los aspectos políticos de la crisis del Antiguo Régimen y el primer liberalismo, ocupándose de la naturaleza de la Monarquía absoluta, las identidades políticas y el discurso institucional desde el espacio local, o de la peculiar dialéctica entre los discursos liberales y reaccionarios. Es autora entre otros de La Monarquía Absoluta y el municipio borbónico (Madrid, Consejo Superior de Investigaciones Científicas, 1991), junto con Justo Serna Alonso de La crisis del Antiguo Régimen y los absolutismos (Madrid, Sintesis, 1994), junto con Carmen García Monerris de La Nación secuestrada (Valencia, PUV, 2008) y coordinadora de Guerra, Revolución, Constitución (1808 y 2008) (Valencia, PUV, 2012).

Alessandro GHIGNOLI si è addottorato presso l’Università Complutense di Madrid, è docente presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Malaga. Ha pubblicato diversi studi critici, fra cui: La notte dell’assedio. Quattro poeti spagnoli contemporanei, Cosenza, Orizzonti Meridionali, 2005; Un diálogo transpoético. Confluencias entre poesía española e italiana (1939-1989), Vigo, Academia del Hispanismo, 2009; (con Llanos Gómez) Futurismo. La explosión de la vanguardia,Madrid, Vaso Roto, Madrid, 2011. Ha curato e tradotto numerose edizioni di poeti spagnoli, ispanoamericani e portoghesi all’italiano. È codirettore della Collana ‘Quaderni di poesia europea’ (Cosenza, Orizzonti Meridionali), ed è redattore della rivista «L’area di Broca». I suoi scritti sono stati tradotti in polacco, spagnolo e tedesco. Come autore ha pubblicato La prossima impronta, Firenze, Gazebo, 1999; Silenzio rosso, Pistoia, Via del Vento, 2003; Fabulosi parlari, Firenze, Gazebo, 2006; Amarore, Bologna, Kolibris, 2009. È stato vincitore del Premio di Poesia Lorenzo Montano 2010. È vicedirettore del programma radiofonico ‘Sala de Ensayo” (Círculo de Bellas Artes de Madrid).

Mirko GIANCOLA è dottorando presso l’EHESS di Parigi. Nel 2011 consegue la Laurea Magistrale in Scienze Storiche nell’ambito del progetto di doppio diploma tra l’Università di Bologna e l’Università Paris Diderot di Parigi, con una tesi sulla circolazione delle idee in campo militare tra Europa e Sud America nella seconda metà del Novecento. Attualmente sta preparando una tesi sulle relazioni tra la Chiesa cattolica e i regimi militari in Argentina e Cile negli anni Settanta del Novecento, in cotutela con l’Università Roma Tre.

Francesco GIOIELLO è nato a Forlimpopoli (FC) nel 1990. Laureato con lode in Lettere moderne, frequenta il primo anno di Scienze storiche a Bologna. Ha vinto nel 2013 il concorso bandito in occasione del 25 aprile dal Comune di Forlì, con un saggio sul ruolo delle donne nella Resistenza.

Fabio GIOMI (CNRS), è ricercatore presso il Centre d’Études Turques, Ottomanes, Balkaniques et Centrasiatiques (CNRS, EHESS, Collège de France) a Parigi. Si occupa di storia sociale, culturale e politica dello spazio jugoslavo dalla fine del XIX alla metà del XX secolo.

Benedetta GIULIANI ha conseguito nel 2014 la laurea in Storia, Antropologia e Religioni presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, discutendo una tesi sul rapporto tra la Gran Bretagna e l’integrazione europea. Ha collaborato con la rivista «Eurostudium». Attualmente è iscritta alla laurea magistrale in Scienze Storiche presso l’università di Roma “La Sapienza”.

Llanos GÓMEZ MENENDÉZ, Doctora por la Universidad Complutense de Madrid, centra sus investigaciones en la escena futurista y su repercusión en la política y en las expresiones artísticas contemporáneas. Es autora del ensayo La dramaturgia futurista de Filippo Tommaso Marinetti. El discurso artístico de la modernidad, Academia del Hispanismo (2008), de Expresiones sintéticas del futurismo, Ediciones DVD (2008) y de Futurismo. La explosión de la vanguardia, Vaso Roto (2011), junto a Alessandro Ghignoli; ha dirigido junto al Profesor Joaquín Aguirre las Jornadas 100 años de Futurismo (2009) celebradas en la Universidad Complutense de Madrid. Actualmente, es Profesora en la Facultad de Filosofía y Letras de la Universidad de Valladolid, donde imparte, entre otras asignaturas, Teoría de la Comunicación o Teoría de la Escena en el Máster en Investigación de la Comunicación como Agente Histórico-Social. Asimismo, Llanos Gómez dirige el programa de radio Sala de Ensayo [URL:<http://www.saladensayo.wordpress.com>], en Radio Círculo, en el Círculo de Bellas Artes de Madrid, dedicado al ensayo crítico.

Cécile GONÇALVES est doctorante en Etudes politiques à l’École des Hautes Études en Sciences Sociales, Paris; rattachée au Centre d’Études Sociologiques et Politiques Raymond Aron (CESPRA); doctorante en Histoire contemporaine à l’Université Picardie Jules Vernes, Amiens; et rattachée au Centre d’Histoire des Sociétés, des Sciences et des Conflits, Faculté d’histoire et de géographie.

Alberto GONZÁLEZ GONZÁLEZ ha sido Personal Investigador en Formación en la Universidad de Castilla-La Mancha. Actualmente se encuentra finalizando su tesis doctoral cuyo tema de investigación es la cuestión religiosa en la provincia de Toledo en la Segunda República y la guerra civil. Participa en los proyectos de investigación «¿Hacia una superación del conflicto catolicismo-laicismo? España 1960-1975» (HAR2014-55393-C2-1-P) y «Cambio religioso en España. Secularización, diversidad religiosa e Islam» (PPII-2014-020-P).

Carmen GONZÁLEZ MARTÍN es profesora de Historia Contemporánea en la Universidad de Murcia (España), ha dictado conferencias en Inglaterra, Francia, México, Chile, Cuba y Brasil. Su investigación responde a la doble perspectiva de la Historia Regional y la Historia Comparada. Este artículo profundiza en la línea de investigación abordada en Guerra Civil en Murcia. Un análisis sobre el Poder y los comportamientos colectivos (Murcia, 1999) y «El Frente Popular en España: de estrategia interclasista a su superación por la táctica de ‘tomar el cielo por asalto’» (Revista de Historia Social y de las Mentalidades, vol. 14, 2010, Chile). Ha sido coeditora del Dossier: Procesos de Construcción de la democracia en España y Chile (Ayer, nº 79, 3, 2010).

Carlos GONZÁLEZ MARTÍNEZ es licenciado (2007) y doctor en Historia (2014) por la Universidad de Valladolid con la tesis Salvador Sánchez-Terán, una biografía política (1934-1982), dirigida por el catedrático Pablo Pérez López. También es licenciado en Ciencias Políticas (2014), en la actualidad está finalizando sus estudios de grado en Sociología y estudia la labor política de Rafael Calvo Ortega dentro del Grupo de Investigación en Historia Reciente (GIHRE). Entre sus publicaciones destacan: «La intervención estatal en el Metro de Madrid (1980-1982)» en Modernización Urbana en la España Contemporánea, Historia Actual, 2010; «Salvador Sánchez-Terán, presidente de Telefónica (1980-1982)» en XI Congreso de Historia Contemporánea, Comares, 2013; colaborador en Diccionario biográfico de parlamentarios españoles. 1820-1854, Cortes Generales, 2013; colaborador en Elites parlamentarias de Castilla la Vieja y León en las Cortes Generales (1810-1874), Universidad de Valladolid, 2014.

Wilko GRAF VON HARDENBERG è uno storico ambientale e dottore di ricerca in geografia (Cambridge) che lavora come Digital Humanities Research Specialist presso il Rachel Carson Center. 

Paolo GRASSI è dottorando in antropologia all’Università di Verona (Scuola di Dottorato di Studi Umanistici). Sta attualmente compiendo le sue ricerche a Città del Guatemala. I suoi temi d’interesse sono: potere, contro-potere ed utilizzo del territorio urbano, violenza, banditismo giovanile transnazionale (maras e pandillas).

Edoardo GRASSIA, diploma di laurea in Sociologia e laurea in Storia medievale, moderna e contemporanea presso l’Università La Sapienza di Roma, è dottorando di ricerca in Storia dell’Europa presso lo stesso ateneo. Si è occupato dell’Aviazione Legionaria da Bombardamento, da cui è nata la pubblicazione L’Aviazione Legionaria da bombardamento (Spagna 1936-1939). Iniziare da stanotte azione violenta su Barcellona, Roma, IBN Editore, 2009 ed è autore di alcuni articoli editi da «Diacronie. Studi di Storia Contemporanea». Membro della Società Italiana di Storia Militare (SISM), svolge regolarmente attività di studio e di ricerca in ambito storico-sociale e storico-militare.

Diane GRILLÈRE è Attaché Temporaire d’Enseignement et de Recherche (ATER) presso l’università Paris IV Sorbonne e attualmente sta preparando una tesi di dottorato, dal titolo L’occupation italienne en France métropolitaine pendant la Seconde Guerre mondiale, de 1940 à 1943 sotto la direzione di Georges-Henri Soutou.

Justine GUITARD est doctorante contractuelle à l’Université de Perpignan Via Domitia. Sa thèse porte sur la tauromachie et le régime franquiste, et plus précisément sur la figure de trois toreros majeurs, dont elle entend démontrer qu’à la fois ils incarnent les phases successives de la dictature, et qu’ils s’en écartent, à titre individuel, créant un véritable « appel d’air » dans celui, plus ou moins raréfié, du franquisme.

María Eugenia GUTIÉRREZ JIMÉNEZ è laureata in Giornalismo e docente nella facoltà di Comunicazione dell’Università di Siviglia. È membro del gruppo di ricerca “Storia del giornalismo e Letture popolari in Andalusia”. Coordina la sezione “Bibliografica” della pubblicazione «I/C. Revista Científica de Información y Comunicación».

Redi HALIMI è dottorando in Storia Sociale Europea dal Medioevo all’età contemporanea presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Si è laureato all’università di Padova con una tesi su “La costruzione della nazione in Albania, 1878-1912”. Si occupa di ricerche inerenti la storia dei Balcani e in particolar modo dell’Albania.

Matthias HÄUSSLER ha studiato presso la facoltà di Filosofia, Sociologia e Scienze Politiche della Goethe-Universität Frankfurt am Main, dove – nel 2003 – ha conseguito la laurea in Filosofia e Sociologia. Dal 2004 è divenuto collaboratore scientifico presso la Facoltà di Sociologia della Universität Siegen e, nel 2006, ha conseguito il Dottorato di ricerca. Nel 2014 è diventato collaboratore scientifico presso l’“Hamburg Institute for Social Research (HIS)”. Le sue attività di ricerca, arricchite da lunghi soggiorni in Namibia, Botswana e Sud Africa, vertono sulle guerre coloniali e il genocidio nell’Africa sud-occidentale tedesca.

Franziska HEIMBURGER is a PhD student at the EHESS Paris working under the joint supervision of Christophe Prochasson (EHESS Paris) and John Horne (Trinity College Dublin). Her thesis, Language questions in the Allied coalition on the Western Front during the First World War, focuses on military interpreters and, more generally, on languages in Allied coalition warfare during the First World War. She held a French government “allocation de recherche” from 2008 to 2011 and she is currently Attaché Temporaire d’Enseignement et Recherche at the EHESS. The multidisciplinary approach leading her research allowed her to intervene in various international conferences on history and humanities, such as the International Society for First World War Studies 6th Biennial Conference (Innsbruck, 2011). Among her forthcoming publications: Fighting Together: Language Issues in the Military Coordination of First World War Allied Coalition Warfare, in Languages at War. Policies and Practices of Language Contacts in Conflict, Basingstoke, Palgrave Macmilliman.

Maria Ángeles HIJANO PÉREZ ha conseguito il Dottorato di ricerca presso l’Universidad Autónoma de Madrid, con una tesi intitolata El Gobierno municipal de la Corona de Castilla: del Antiguo Régimen a la revolución liberal sotto la direzione di Miguel Artola Gallego. È titolare dell’insegnamento di Storia contemporanea nella stessa Università e ha participato a numerosi progetti di ricerca. Tra le sue pubblicazioni: Los ciclos revolucionarios: 1820-1830-1848 (Madrid, EUDEMA, 1992); El Pequeño Poder: El Municipio en la Corona de Castilla, Siglos XV Al XIX (Madrid, Fundamentos, 1992); Victoria Eugenia de Battenberg: una reina exiliada, 1887-1969 (Madrid, Alderabán, 2000); Las ordenanzas municipales como norma del gobierno local (Granada, Centro de Estudios Municipales y de Cooperación Internacional, 2001); Las revoluciones europeas de 1820 a 1848 (Madrid, Dilema, 2012).

Sara del HOYO MAZA es licenciada de grado en Historia del Arte por la Universidad de Oviedo, donde obtuvo el premio fin de carrera y el premio extraordinario de licenciatura. Máster Universitario en Patrimonio Histórico y Territorial por la Universidad de Cantabria, en la actualidad, es doctoranda en el Programa de Doctorado con Mención hacia la Excelencia en Historia del Arte y Musicología, en la Universidad de Oviedo. Sus principales líneas de investigación se relacionan con la ciudad, la historia del trabajo y el patrimonio industrial.

Carlos Fernando HUDSON es profesor en Historia, UNMdP, Argentina. Becario doctoral de CONICET, ha publicado diversos artículos académicos en torno a lo que es su investigación actual, el gobierno de José María Guido.

Nadine HUNT Nadine Hunt teaches African History at York University, Canada. She is co-editor, with Olatunji Ojo of Slavery in Africa and the Caribbean: a history of enslavement and identity since the 18th century, London, I.B. Tauris, 2012.

Alessandro IACOPINI ha conseguito la Laurea magistrale in Storia economica nell’ottobre del 2012 presso l’Università di Roma “Tor Vergata”, con una tesi sul ruolo della Banca Commerciale Italiana nell’espansionismo italiano nei Balcani tra le due guerre.

Daniel IGLESIAS è dottorando (PhD student) e ricercatore associato al laboratorio SEDET dell’Université Paris VII – Denis Diderot. Le materie su cui ha concentrato i suoi studi sono la storia e la politologia; in particolare si occupa di sociostoria.

Lidia JUREK ha studiato storia presso l’Università di Łódź (Polonia) e all’European University Institute di Firenze dove, dopo essersi innamorata della città, ha conseguito il titolo di dottore di ricerca (PhD) con una tesi intitolata “Risorgimento and the Polish visions of the nation and national liberation” (2010). I suoi interessi si concentrano nei campi del cultural transfer e dei rapporti tra nazionalismo e religione, con particolare attenzione al cattolicesimo e all’ebraismo.

Lorenzo KAMEL is a Postdoc Fellow at Harvard University’s Center for Middle Eastern Studies and a Senior Fellow at the Istituto Affari Internazionali (IAI). Among his most recent books: Imperial Perception of Palestine: British Influence and Power in Late Ottoman Times, London-New York, I.B. Tauris, 2015; (co-ed. with HUBER, Daniela) Arab Spring and Peripheries: A Decentring Research Agenda, London, Routledge, 2016; (ed. by), Changing Migration Patterns in the Mediterranean, Roma, Nuova Cultura, 2016.

Olga KAZAKOVA est Docteur en Histoire. Sa thèse Les Etats-Unis devant l’opinion publique russe des années 1850-1860: des socio-culturels aspects de la perception a été soutenue au mois de décembre 2000 à l’Université d’Etat d’Orel. Son intérêt principal est l’imagologie des relations internationales. Surtout spécialiste du XIX siècle elle étudie les différentes institutions et formes de la présentation et de la perception de l’image de l’Autre. Actuellement elle s’occupe de l’image de la Russie à travers des Expositions Universelles.

Pedro Vinicius Asterito LAPERA si è addottorato in Scienze della Comunicazione presso il PPGCOM dell’Universidade Federal Fluminense ed è ricercatore della Fundação Biblioteca Nacional (FBN) afferente al Ministero della Cultura brasiliano. I suoi campi di ricerca sono la storia del cinema brasiliano, il rapporto fra cinema e antropologia e fra cinema e storia oltre alla storia delle scienze della comunicazione.

Caroline LAURENT est titulaire d’un master recherche mention «Espaces, Sociétés, Cultures dans les Amériques» délivré par l’Institut Pluridisciplinaire pour les Études sur les Amériques de l’Université de Toulouse-II le Mirail. Ses recherches concernent la piraterie caribéenne à l’époque coloniale, mais également la piraterie informatique, plus particulièrement les phénomènes de désobéissance civile électronique aux États-Unis et au Mexique avec le mouvement zapatiste. Actuellement étudiante en Anthropologie à l’UTM.

Renzo LECARDANE è architetto e dottore di ricerca all’Università di Palermo e all’École Nationale des Ponts et Chaussées (ENPC-Paris). È Professore Associato di «Composizione architettonica e urbana» presso la Scuola Politecnica dell’Università di Palermo. Membro del Dipartimento di Architettura (d’ARCH-UNIPA) e del Laboratoire Infrastructure Architecture et Territoire (ENSA Paris-Malaquais), dal 2009 è componente del Collegio del Dottorato di Ricerca in «Recupero e fruizione dei contesti antichi». L’attività di ricerca si rivolge prevalentemente al rapporto fra progetto di architettura e forma urbana, con particolare riferimento al ruolo dei grandi eventi culturali e sportivi nella trasformazione della città contemporanea, al patrimonio architettonico militare e alle mutazioni urbane nel Mediterraneo.

Antonio LENZI è nato a Palermo e si è laureato in Scienze Politiche a Firenze. Attualmente sta concludendo il dottorato di ricerca in Storia dei partiti e dei movimenti politici presso l’Università degli Studi di Urbino con uno studio sulla sinistra extraparlamentare in Italia. Ha pubblicato recentemente Il Manifesto, tra dissenso e disciplina di partito, Reggio Calabria, Città del Sole Edizioni, 2011.

Rosaria LEONARDI Rosaria Leonardi è Dottore di Ricerca in Storia dell’Europa Moderna e Contemporanea. Dopo la laurea triennale in Scienze Storiche e Sociali presso l’Università degli Studi di Bari, ha conseguito, presso la medesima università, la laurea specialistica in Storia e Società, con una tesi in Storia delle Relazioni internazionali sul conflitto arabo-israeliano e la questione dei rifugiati palestinesi, e il Dottorato di Ricerca con una tesi sulla politica arabo-mediterranea e atlantica dell’Italia negli anni Cinquanta, nella quale ha analizzato, in modo particolare, le posizioni della Democrazia Cristiana. Nel 2012 ha partecipato al VII Seminario nazionale Dottorandi organizzato dalla SISSCO e alla Summer School organizzata presso la London University dall’ASMI (Association for the Study of Modern Italy) di cui tuttora è membro. Ad oggi continua le sue ricerche sulla Democrazia Cristiana e sulla politica estera della DC.

Marie-Claude LEPELTIER è nata nel 1962 nella regione della Basse-Normandie. Giunta in Corsica, ha ripreso i suoi studi storia conseguendo la laurea nel 1997, presentando una tesi dal titolo: Image de la Corse et des Corses à travers la caricature insulaire sous la IIIe République. Attualmente è bibliotecaria dell’Université Pascal Paoli di Corté. Responsabile del fondo regionale, lavora all’attuazione di un “piano di conservazione condivisa dei periodici corsi” in collaborazione con le biblioteche pubbliche e gli Archivi dipartimentali dell’isola.

Mathieu LE TALLEC a étudié à la Faculté de Droit et Science Politique de l’Université de Rennes. Il a publié «Le trotskysme ou l‟éthique de la conviction», in Dissidences: Trotskysmes en France, n. 6, pp. 92-106; «Le Surréalisme, l‟Opposition de gauche et ses suites. Trajectoires croisées, entre attraction et répulsion (1928-1938)», in Aden – Paul Nizan et les années Trente: Artistes, engagez-vous!, n. 10.

Antonis LIAKOS (1947) è professore di storia e storia della storiografia contemporanea presso l’Università di Atene (Ethnikon kai Kapodistriakon Panepistimion Athinon), presidente della Commissione Internazionale per la Storia e Τeoria della storiografia (2010-2015) e caporedattore di «Historein». Nato ad Atene nel 1947, è stato imprigionato dalla giunta militare nel 1969, quando era studente di storia all’Università di Salonicco. Liberato nel 1973 ha conseguito la laurea nel 1977 e il dottorato di ricerca nel 1984. Docente e assistente professore presso l’Università di Salonicco dal 1980 al 1990, tra gli altri incarichi, è attualmente membro della Commissione di Dottorato europea in Storia sociale. Tra le sue  pubblicazioni più recenti: Αποκάλυψη, Ουτοπία και Ιστορία. Οι μεταμορφώσεις της ιστορικής συνείδησης [Rivelazione, utopia e storia. Le trasformazioni della coscienza storica], Αθήνα, Πόλις, 2011; Πώς το παρελθόν γίνεται ιστορία; [Come diviene storia il passato?], Αθήνα, Πόλις, 2007; Η επιστροφή της Κοκκινοσκουφίτσας. Η Αριστερά και πώς να την σκεφτούμε σε κρίσιμους καιρούς [Il ritorno di Cappuccetto Rosso: La sinistra e il modo di pensare nei momenti critici], Αθήνα, Πόλις, 2014.

Emanuela LOCCI Emanuela Locci è dottore di ricerca presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Cagliari. Il suo principale filone di ricerca riguarda la storia della massoneria nell’Impero Ottomano e nell’area del Mediterraneo, con particolare attenzione ai paesi musulmani. È autrice di diversi paper e di Il cammino di Hiram. La massoneria dall’Europa all’Impero Ottomano (Foggia, Bastogi Editrice Italiana, 2013).

Marina LOFFREDO si è laureata in Storia con una tesi sulla pittura di paesaggio statunitense; nel 2011 ha conseguito la Laurea magistrale in Storia della Civiltà Cristiana presso l’Università Europea di Roma con un lavoro di ricerca sulle opere del pittore piemontese Bartolomeo Boggio, successivamente pubblicato (Bartolomeo Boggio pittore. Dal Piemonte alle Americhe, Roma, Aracne, 2012). Attualmente continua a studiare il filone di indagine legato alla vita degli italiani in America e alla semiotica dell’arte.

Misael Arturo LÓPEZ ZAPICO es licenciado con grado en Historia por la Universidad de Oviedo con premio fin de carrera y premio extraordinario de licenciatura y Doctor por la Universidad de Huelva con premio extraordinario de doctorado en Arte y Humanidades. Ha sido profesor asociado en las Universidades de Oviedo y Murcia y ha realizado estancias como investigador visitante en SUNY New Paltz, UMASS at Amherst y University of Leeds. En la actualidad es Profesor-tutor del centro asociado de la UNED en Asturias.

Jacopo LORENZINI , ha conseguito la Laurea Magistrale in Scienze Storiche con lode presso l’Università di Bologna nel 2012 e, in cotutela, presso l’Université Paris VII – Denis Diderot. Attualmente è dottorando all’Università di Siena, con un progetto di tesi intitolato L’élite militare nella nazione. Il caso italiano in prospettiva comparata 1860-1939. Fa parte del collettivo bolognese di giovani storici «Il Caso S».

Chiara LOSCHI è attualmente laureanda presso il corso di Laurea Magistrale in Antropologia Culturale ed Etnologia dell’Università di Torino. Nel corso dell’anno accademico 2009/2010 collabora alla gestione e organizzazione di un laboratorio interdisciplinare rivolto agli studenti in collaborazione con il Dipartimento di Storia dell’ateneo di Torino; alla conclusione dei lavori sarà sotto la sua curatela il volume Le città (in)visibili. Nuove mete e percorsi (Antares Edizioni). I suoi interessi spaziano dalla storia coloniale italiana e delle memorie degli ex coloni, in particolare nel contesto libico, ai temi dell’antropologia religiosa. Alterna alla ricerca l’attività di giornalismo free lance sul tema della multiculturalità, e collabora con associazioni torinesi all’interno dei progetti europei del programma “Youth in Action”.

Christelle LOZÈRE est maître de conférences en histoire de l’art à l’Université Antilles Guyane (pôle Martinique, laboratoire EA 929 AIHP-GEODE). Sa thèse, soutenue à l’Université Michel de Montaigne Bordeaux III, en décembre 2009, sur les ‘expositions coloniales’ de province au XIXe siècle, a reçu le Prix Musée d’Orsay 2011. Elle se consacre aujourd’hui à l’étude du patrimoine artistique des Antilles et notamment à l’histoire des artistes et des représentations en contexte colonial.

Stefano LUCONI insegna storia degli Stati Uniti presso l’Università di Padova. I suoi principali campi di studio sono l’emigrazione italiana negli Stati uniti e il sistema politico americano. Tra le sue pubblicazioni: L’immigrazione negli Stati Uniti, Bologna, Il Mulino, 2008; La questione razziale negli Stati Uniti. Dalla ricostruzione a Barack Obama, Padova, Cluep, 2008; (con Guido TINTORI) L’ombra lunga del fascio: canali di propaganda fascista per gli italiani d’America, Milano, M&B publishing, 2004; From Paesani to White Ethnics, New York, State University of New York Press, 2001.

Federica LUZI è dottoranda in Anthropologie Sociale et Ethnologie all’École des Hautes Études en Sciences Sociales a Parigi. Sotto la direzione di Daniel Fabre sta lavorando ad un progetto di tesi sulla riappropriazione e la rielaborazione della memoria dei rifugiati spagnoli in Francia. È membro del consiglio di amministrazione dell’associazione Adelante (associazione internazionale e pluridisciplinare di giovani ricercatori che lavorano sulla Guerra di Spagna e le sue ripercussioni). 

Niall MacGALLOWAY MacGalloway is PhD student at the University of St Andrews in Scotland. His thesis is entitled, The Italian Occupation of South-Eastern France, 1940-43, and his interests focus on the Second World War, Italo-French relations, and inter-war Italy and France.

Julio Héctor MACÍAS es licenciado en Historia por la Universidad Nacional de Mar del Plata y además es periodista, con actuación en medios escritos, radiales y televisivos. Académicamente se desempeña en la cátedra de Historia Americana Contemporánea de la Universidad Nacional de Mar del Plata (UNMdP). Sus objetos de estudio son (en ambos casos para la América Latina) la relación de los medios de comunicación con el poder y la gravitación social de los deportes, especialmente el fútbol.

Pascal MADONNA est diplômé de l’institut d’études politiques d’Aix-en-Provence, spécialité «Histoire militaire, géostratégie, défense et sécurité» ainsi que de l’université de droit Aix-Marseille en spécialité «Droit international, droit européen et droit des étrangers». Auteur d’un mémoire sur les sociétés militaires privées en mer, il est actuellement doctorant en histoire contemporaine : sa thèse s’intitule «Les volontaires français dans les guerres de Yougoslavie, 1991-1995». Il a reçu en 2015 une bourse du ministère de la défense français.

Silvia MADOTTO è dottoranda alla Freie Universität di Berlino. Ha studiato storia antica e contemporanea presso le Università di Udine, Padova e Berlino. La sua tesi indaga forme e organizzazioni di antifascismo e Resistenza presso le Università in Europa durante la Seconda guerra mondiale. I suoi interessi includono: storia transnazionale, fascismo e antifascismo in Europa, storia delle Università, storia italiana del Ventesimo secolo. Ha pubblicato un numero monografico della rivista «Storia contemporanea in Friuli», dal titolo Le capitali della Resistenza universitaria. Padova, Oslo e Praga ed è in corso di pubblicazione un articolo su Silvio Trentin e l’antifascismo in Europa (atti del convegno “Fascism without Borders. Transnational Connections and Cooperation between Movements and Regimes in Europe from 1918 to 1945”).

Stefano MAGAGNOLI è Professore associato di Storia economica presso l’Università di Parma. Le sue ricerche vertono sul rapporto tra istituzioni e crescita economia durante il XX secolo.

Claudio MANCUSO è dottore di ricerca in Storia dei partiti e dei movimenti politici (Università degli Studi di Urbino). Si occupa dello studio dei processi di rappresentazione simbolica del potere politico e dei meccanismi di costruzione del consenso in epoca moderna e contemporanea. In particolare, nelle sue ultime ricerche, ha affrontato la questione legata all’evoluzione dei sistemi di propaganda durante la Prima guerra mondiale e negli anni della Guerra fredda.

Slobodan MANDIĆ ha conseguito la laurea presso il Dipartimento di Storia della Facoltà di Filosofia di Belgrado nel 2005. Attualmente lavora presso l’Archivio Storico di Belgrado come responsabile della Sezione per la gestione e l’utilizzo della documentazione. È autore del libroComputerizzazione e storiografia 1995-2005, pubblicato dall’Archivio storico di Belgrado (2008) e di altri contributi relativi a differenti aspetti dell’utilizzo delle nuove tecnologie in ambito storiografico e archivistico. Nel biennio 2007-2008 ha partecipato al progetto internazionale Women and Minority Documentation and Digital Presentation (Vienna, Blagoevgrad, Belgrado). 

Luca Giuseppe MANENTI ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze Storiche discutendo una tesi sull’editoria cinquecentesca (110 e lode) presso l’Università degli Studi di Milano; ha completato il ciclo magistrale nello stesso ateneo, laureandosi in Storia e Documentazione storica con una ricerca sulla magia rinascimentale (110 e lode). Nel 2010 ha vinto una borsa di dottorato presso l’Università di Trieste, dove sta sviluppando un progetto incentrato sui rapporti tra massoneria e irredentismo in Italia tra Otto e Novecento. Tra i suoi ambiti di ricerca vi sono il Risorgimento, il nazionalismo e la storia dell’Italia contemporanea.

Francesco MANTOVANI ha studiato Storia presso l’Università di Bologna, dove ha conseguito la Laurea triennale nel 2013 con una tesi sul nuovo ordine mediterraneo fascista. Iscritto a Scienze storiche nello stesso ateneo, partecipa attualmente al secondo anno del Corso di Laurea Magistrale integrato italo-tedesco in Scienze storiche (BiBoG) presso l’Universität Bielefeld.

Silvia MANZI è laureata in Lettere classiche (Università degli Studi di Parma), diplomata in Archivistica, Paleografia, Diplomatica (Archivio di Stato di Modena) e attualmente dottoranda (Università degli Studi di Teramo). Il suo progetto di ricerca riguarda la volgarizzazione delle bolle pontificie durante la Controriforma. I suoi interessi accademici vertono sugli usi del latino e del volgare nella comunicazione della Chiesa cattolica, sulla storia della censura ecclesiastica e dell’Inquisizione, sui movimenti ereticali nella prima età moderna.

Tina MARAUCCI si è laureata in Lingua e letteratura turca all’Università degli Studi di Napoli ‘L’Orientale’. Attualmente è dottoranda in Lingue e letterature comparate presso l’Università degli Studi di Firenze dove porta avanti una ricerca che ha per argomento la rappresentazione di Istanbul nella narrativa turca contemporanea. I suoi studi si concentrano sulle nuove tendenze estetiche e letterarie emerse in Turchia dopo il 1980, con particolare attenzione a temi quali l’influenza del modernismo e del postmodernismo nel romanzo turco, la relazione tra soggettività moderna, memoria e spazio urbano, la costruzione dell’identità nazionale.

Valentina MARCELLA holds a Bachelor’s degree in Middle Eastern Studies from “L’Orientale” University of Naples and a Master’s degree in Turkish Studies from the School of Oriental and African Studies, University of London. She is completing her PhD in History and Civilization at the European University Institute of Florence and is currently Research Fellow at the Istanbul Studies Center of Kadir Has University, Istanbul, where she is researching the evolution of the satirical spaces of the city in relation to its urban and political transformation.

Muriel MARCHAL, doctorante en études nordiques, travaille sur les relations entre le Danemark et la Suède entre 1563 et 1770. Elle est spécialiste en histoire moderne politique, diplomatique et des idées en Scandinavie. Sa thèse porte sur la construction des identités nationales scandinaves, à travers la propagande nationale et la diplomatie scandinave, allant de l’hostilité à la réconciliation neutre entre les deux royaumes scandinaves.

Elisa MARCOBELLI ha compiuto i suoi studi in storia e filosofia tra la Ruprecht-Karls-Universität di Heidelberg e l’EHESS di Parigi. Presso quest’ultima istituzione ha conseguito, nell’ottobre 2010 il titolo di Master 2 con una tesi intitolata «Modifications intentionelles: la traduction comme filtre. Le cheminement des teste révisionnistes de la France et l’Allemagne jusqu’aux pages de la revue Critica sociale»; attualmente sta conseguendo la laurea magistrale presso l’Università di Heidelberg. 

Concepción MARCOS DEL OLMO es Doctora en Historia Contemporánea y Profesora Titular de Historia Contemporánea en la Facultad de Filosofía y Letras de la Universidad de Valladolid. Secretaria de la revista Investigaciones Históricas. Su investigación se ha centrado en el análisis de los aspectos político-electorales de la Restauración y la Segunda República. Entre sus publicaciones destacan las obras: Las elecciones del Frente Popular en Valladolid. Voluntad popular y urnas. Elecciones en Castilla-León durante la Restauración y la Segunda República (1907-1936) y La Segunda República y la Guerra Civil (1931-1939) . Actualmente es miembro de diversos proyectos de investigación, dedicados al estudio del campesinado castellano y leonés durante la Segunda República; el análisis prosopográfico de la elite parlamentaria regional durante el siglo XIX y la historia con fuentes orales aplicada a los años finales del Franquismo y la Transición. 

Carmine MARINO (Battipaglia, Salerno, 1986) ha conseguito la laurea in Storia e Civiltà Europee presso l’Università della Basilicata con una tesi in Storia contemporanea dal titolo Per una storia del Sessantotto. Abilitato all’insegnamento di materie letterarie negli istituti di istruzione secondaria di I e II grado, ha partecipato nel settembre 2015 alla XVIII Settimana di Studi tardoantichi e romanobarbarici, organizzata a Monte Sant’Angelo (Foggia) dall’Università di Bari.

Martina MARTIGNONI è dottoranda alla School of Management della University of Leicester. Si è interessata di storia dei movimenti in Italia e attualmente si occupa di studi postcoloniali. Ha contribuito all’organizzazione dei seminari di autoformazione presso l’Università di Bologna “Global Studies” (2009) e “NuS – Nus Frammentazione delle identità fra rimozione storica e riemersione letteraria” (2011). Fa parte del collettivo Bartleby di Bologna. 

Andrea MARTINI si è laureato in Scienze storiche presso l’Università di Padova e, attualmente, è dottorando presso “L’Orientale” di Napoli dove sta conducendo una ricerca sulle Corti d’Assise straordinarie in Italia. Ha di recente pubblicato la monografia Processi alle fasciste (Verona, Scripta, 2015).

Marco MASULLI, si è laureato in Storia presso l’Università degli studi di Messina discutendo la tesi Il ruolo di Placido La Torre nel movimento anarchico italiano. È laureando in Scienze storiche presso l’Alma Mater Studiorum Università di Bologna con la tesi Il sindacalismo rivoluzionario in Francia e Italia: vite, generazioni, corrispondenze. I suoi interessi di ricerca vertono sul movimento operaio, anarchico e sulle origini del fascismo.

Andreza Santos Cruz MAYNARD si è laureata in Storia presso l’Universidade Federal de Sergipe, ha conseguito la Laurea specialsitica nell’Universidade Federal de Pernambuco e si è addottorata presso l’Universidade Estadual Paulista “Júlio de Mesquita Filho”. Ricercatrice post-dottorale in Storia dell’Universidade Federal Rural de Pernambuco, è stata borsista CNPq/FAPITEC con una borsa DCR (2014-2016). Fa parte del Grupo de Estudos do Tempo Presente (GET/UFS/CNPq) ed è professoressa del Colégio de Aplicação dell’Universidade Federal de Sergipe.

Dilton Cândido Santos MAYNARD si è laureato in Storia e ha conseguito la specializzazione in Sociologia presso l’Universidade Federal de Sergipe. Si è addottorato in Storia presso l’Universidade Federal de Pernambuco ed è stato ricercatore post-dottorale in Storia nell’Universidade Federal del Rio de Janeiro (UFRJ). Professore del Dipartimento di Storia, dei corsi di specializzazione in Scienze della formazione (PPGED/UFS) e del master professionalizzante in Storia (ProfHistória/UFS). Collabora in qualità di professore al corso di specializzazione in Storia comparata dell’UFRJ. Coordina il Grupo de Estudos do Tempo Presente (GET/UFS/CNPq).

William MAZZAFERRO è studente al secondo anno del corso di Laurea Magistrale in Scienze Storiche presso l’Università di Bologna. Ha frequentato il corso di laurea triennale in Storia presso l’Università di Torino laureandosi con una tesi di ricerca sul sindacato dal titolo Il sindacato e la ristrutturazione aziendale torinese: resistenza o subalternità? (1973-1977), sotto la supervisione del Professor Brunello Mantelli. Attualmente si occupa di storia economica con particolare attenzione nei confronti della storia del lavoro e della storia d’impresa.

Federico MAZZINI, assegnista presso l’Università di Padova, si è occupato di scrittura contadina e cultura di guerra della Prima guerra mondiale, pubblicando nel 2013 Cose de laltro mondo. Una cultura di guerra attraverso la scrittura popolare trentina (Pisa, ETS, 2013). In questo momento si occupa della divulgazione scientifica attraverso riviste illustrate durante la Grande guerra e di storia culturale della tecnologia nel corso del Novecento. 

Jonathan McCOLLUM is currently a doctoral candidate in the Department of History at the University of California Los Angeles. His PhD dissertation, tentatively entitled “Ottomanism at War: Citizenship, Nationalism, and Minorities in the Ottoman Empire, 1911-1913”, involves the Italo-Turkish War and its regional significance in the emerging nationalisms of the Mediterranean. Jonathan’s previous Master’s research at Brigham Young University approached European fascisms in a comparative framework. His research interests include colonialism and modernity in the Mediterranean, minority politics in the late Ottoman Empire, and warfare and education in nation-building. 

Nader MEDDEB est architecte diplômé en 2005 de l’École Nationale d’architecture et d’Urbanisme de Sidi Bou Saïd à Tunis. Il finalise actuellement un Ph.D en aménagement à l’Université de Montréal. Auteur de plusieurs articles, sections de livres et de communications libres, son travail est à placer dans la continuité des postcolonial studies, notamment en ce qui a trait aux répercussions de l’antécédent colonial sur les villes et l’architecture du Maghreb et du monde arabe de manière générale. Dans ce terrain précis, il s’intéresse au rapport de l’architecture de la ville à certaines notions comme l’espace public, la biopolitique, la gouvernance, le pouvoir, l’architecture des régimes totalitaires.

Francesco Maria MENGO ha conseguito la Laurea presso l’Università degli Studi di Macerata. Al momento è dottorando in Storia dell’Universitat Pompeu Fabra di Barcellona.

Jesús MILLÁN, catedrático de Historia Contemporánea de la Universitat de València, ha estudiado las transformaciones de la sociedad agraria durante el ascenso del capitalismo y el triunfo de la revolución liberal. Junto con Salvador Calatayud y Maria Cruz Romeo, ha editado Estado y periferias en la España del siglo XIX. Nuevos enfoques (Valencia, Universitat de València, 2009).

Michele MIONI è dottorando in cotutela presso l’Imt di Lucca (Political History) e presso l’Université Paris 1 Panthéon-Sorbonne, con una tesi sulle politiche in sociali in Gran Bretagna, Francia e Italia durante la Seconda guerra mondiale. I suoi principali interessi di ricerca vertono attorno alla storia del pensiero politico ed economico del XX secolo, alla storia delle politiche sociali e alla storia comparata dei partiti politici nel secondo dopoguerra.

Francesca MISIANO è dottore di ricerca in Storia contemporanea presso l’Università degli Studi di Milano. I suoi studi si rivolgono prevalentemente alla storia del capoluogo lombardo, con particolare attenzione agli aspetti sociali e culturali. Ha pubblicato “La metropoli dello spirito”. L’attività culturale delle Amministrazioni Greppi e Ferrari, in LANDI, Patrizia (a cura di), Fare impresa con la cultura. Milano nel secondo dopoguerra (1945-1960), Bologna, Clueb, 2013, pp. 44-63.

Pascale MOIRON est professeur agrégé d’Histoire dans l’enseignement secondaire. Elle est en deuxième année de thèse d’Histoire contemporaine à l’EHESS Paris. Son sujet de recherche porte sur les réfugiés espagnols dans la Loire (1936-1958). Ses travaux sont encadrés par Gérard Noiriel, et rattachés au laboratoire IRIS. De plus, elle est membre de l’association « Adelante » qui rassemble des étudiants dont les axes de recherche se rapportent à la Guerre d’Espagne. 

Gabriele MONTALBANO è studente del Master in “Histoire des sociétés occidentales contemporaines” all’Università di Parigi 1 Panthéon-Sorbonne e all’École Normale Supérieure di Parigi, dove sta svolgendo ricerche sulla storia politica e culturale del Mediterraneo sotto la tutela di Gilles Pécout e di Pascal Ory.

Fabio MONTELLA è laureato in Scienze Politiche all’Università di Bologna con David W. Ellwood. Ha collaborato con le riviste Limes e Ricerche di Storia Politica. È autore di volumi sul Novecento, tra i quali “Una regione ospedale” (Bologna, CLUEB, 2010). Collabora con l’Istituto Storico di Modena.

Constantino Gonzalo MORELL se licenció en Historia en la Universidad de Valladolid (2005) y es Doctor en Historia por la misma Universidad desde 2011. Fue doctorando del Instituto Universitario de Historia Simancas y ha expuesto sus trabajos de investigación sobre el movimiento vecinal vallisoletano en múltiples congresos, conferencias y artículos.
En breve aparecerá su primer libro sobre la aportación a la democracia del movimiento asociativo vecinal de Valladolid.

Antonio César MORENO CANTANO es doctor en Historia Contemporánea por la Universidad de Alcalá de Henares (2008). Miembro del grupo de investigación CEFID (Centre d’Estudis sobre les Èpoques Franquista i Democràtica) y GREF (Grup de Recerca sobre l’Època Franquista), adscritos a la Universidad Autónoma de Barcelona; del grupo de investigación Catolicismo y laicismo en la España del siglo XX, vinculado a la Universidad de Alcalá, y al grupo Estudios del Tiempo Presente, dirigido por el catedrático Rafael Quirosa, de la Universidad de Almería. Ha coordinado en Trea una trilogía sobre las culturas bélicas y la propaganda en España entre 1936 y 1945. En la actualidad se encuentra investigando – junto al profesor Misael Arturo López Zapico – las exposiciones anticomunistas en la Europa del Eje.

Francisco MOSIEWICKI es Profesor en Historia por la Universidad Nacional de Mar del Plata. En la actualidad está realizando su tesis de Licenciatura. Desde el año 2013 hasta el 2015 fue becario CIN. Fue ayudante alumno de la Facultad de Humanidades durante los años 2013 y 2014. Ha publicado artículos y reseñas de libros en revistas científicas especializadas.

Giuseppe MOTTA è ricercatore di Storia dell’Europa orientale presso La Sapienza Università di Roma. Si occupa in nazionalismi, minoranze e rapporti interetnici in Europa orientale, tema ha cui ha dedicato le ricerche dei suoi ultimi anni. Fra le numerose pubblicazioni, si segnalano le monografie: La diaspora australiana degli ebrei dell’Europa centro-orientale (1914-1938), Roma, Nuova Cultura, 2015; The Legacy of the First World War. The Minority Question in Transylvania, Targu Mures, Petru Maior University Press, 2014; Less than Nations. Central-Eastern European Minorities after WW1, 2 voll., Newcastle, Cambridge Scholars Publishing, 2013; Robie. La schiavitù dei rom in Valacchia e Moldavia, Roma, Aracne, 2013; Le minoranze nel XX secolo. Dallo Stato nazionale all’integrazione europea, Milano, Franco Angeli, 2006.

Federico NANNI è dottorando (Ph.D.) in Science, Cognition and Technology presso l’Università di Bologna. Ha conseguito la Laurea Triennale in Lettere a Bologna nel 2010, con una tesi in Informatica Umanistica sulla digitalizzazione degli atlanti storici. Nel 2013 si è laureato in Scienze Storiche discutendo una tesi in Archivistica Informatica dal titolo: “Metodi per la preservazione e l’accesso ai documenti digitali di quotidiani online”. Si occupa principalmente di web history, semantic web e archivistica informatica, con particolare attenzione all’utilizzo di nuove tecnologie nei processi di preservazione, analisi e individuazione delle risorse native digitali.

Bastien NOËL est diplômé en histoire de l’art et muséologie à l’Ecole du Louvre (Paris); il a rédigé en 2011 un mémoire d’étude portant sur Les antiques à l’Exposition universelle de 1878, à Paris, sous la direction d’Edouard Vasseur. En 2012, dans le cadre de la journée d’étude «Les expositions universelles – nouveaux chantiers de recherche», il présente une partie de ses travaux à travers une communication sur Le quotidien antique à l’Exposition universelle de 1878 (en juin 2014).

Bill O’DRISCOLL is Arts & Entertainment Editor of Pittsburgh City Paper, a weekly newspaper for which he writes about books, theater, film and visual art, as well as about environmental issues.

Michele PANDOLFO ha conseguito la Laurea Specialistica in Filologia Moderna; è oggi Dottorando in Storia Culture e Strutture delle Aree di Frontiera, Università degli Studi di Udine, in cotutela con l’Université Paul Valery di Montpellier.

Giacomo PARRINELLO, iscritto alla Scuola di Dottorato in Scienze Storiche in età contemporanea dell’Università di Siena, sta conducendo una ricerca sul terremoto di Messina del 1908 e sul terremoto della Valle del Belice del 1968. I suoi attuali interessi di ricerca si collocano al confine tra la storia ambientale, la storia urbana e i disaster studies. Si è anche occupato di movimenti politici degli anni Sessanta e Settanta, argomento sul quale ha scritto la propria tesi di laurea magistrale, sotto la direzione di Mariuccia Salvati. È autore del saggio «La sinistra rivoluzionaria italiana dopo il Sessantotto. Esperienze, orizzonti, linguaggi», Storicamente, 4 (2008), http://www.storicamente.org/05_studi_ricerche/parrinello.htm.

Dario PASQUINI ha conseguito nel 2010 un dottorato di ricerca in Storia Contemporanea presso l’Università di Torino e la Freie Universität di Berlino (in “cotutela di tesi”). Fra il 2007 e il 2008 è stato Marie-Curie-Fellow presso l’Università di Bielefeld.

José-Vidal PELAZ LÓPEZ es Profesor Titular de Historia Contemporánea en la Facultad de Filosofía y Letras de la Universidad de Valladolid. Entre sus líneas de investigación preferentes destacan la Historia de la comunicación social y la Historia política reciente. En relación a la primera podemos citar sus libros Caciques, apóstoles y periodistas. Medios de comunicación, poder y sociedad en Palencia (1898-1939) (2000) y Ver cine. Los públicos cinematográficos en el siglo XX (2002). Respecto a la segunda El Estado de las Autonomías. Nacionalismos y regionalismos en la Historia Contemporánea de España (2002), Winston Churchill. Auge y declive del Imperio británico (2003) y Castilla y León en democracia. Partidos, elecciones y personal político (1977-2007) (2007). Ha publicado también numerosos capítulos de libros y artículos en publicaciones especializadas.

Anna PELLEGRINO, assegnista di ricerca Senior presso l’Università degli studi di Padova, è dottore di ricerca dell’Istituto Universitario Europeo (2004). Ha conseguito il DEA in Histoire et civilisation presso L’EHESS di Parigi (1999). Dal 2008 è chercheur associé al “Conservatoire National des Arts et Métiers” di Parigi, e dal 2010 all’Université Paris Diderot 7. Si occupa di storia delle culture del lavoro nella società industriale, di associazionismo operaio e popolare fra Otto e Novecento e di esposizioni universali fra XIX e XX secolo.

Carla PEÑALOZA PALMA (Santiago de Chile, 1973) doctora en historia por la Universidad de Barcelona y académica de la Universidad de Chile, lugar donde hizo sus estudios de licenciatura en Historia, y licenciatura en Sociología, y maestría en Historia. Sus principales temas de investigación son Memoria y derechos humanos, en los contextos de dictaduras del cono sur. En 2015 publico el libro El Camino de la memoria: de la represión a la justicia en Chile. 1973-2013, Santiago de Chile, Editorial Cuarto Propio, 2015.

Maila PENTUCCI, insegnante di storia, è responsabile della sezione didattica dell’Istituto storico della Resistenza e dell’Età contemporanea di Macerata e formatrice di docenti. Collabora con la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Macerata ed è tutor regionale in diversi progetti del MIUR relativi al miglioramento della didattica e dell’inserimento delle tecnologie nella scuola. A livello di ricerca storica, si è occupata del fenomeno migratorio, soprattutto in chiave locale e delle specificità di genere all’interno dei flussi migratori in uscita. Attualmente segue i percorsi di della costruzione dell’identità nazionale successivamente all’Unità d’Italia. Tra le sue pubblicazioni: Realtà e voci politiche nel contesto del fenomeno migratorio: gli anarchici di Barre Vermont e “Cronaca Sovversiva”, in BRUSA, Carlo, GHIRINGHELLI, Robertino, Emigrazione e territorio: tra bisogno e ideale, Varese, Lativa, 1995. Con CECCACCI, Laura, Una proposta di lettura dell’emigrazione marchigiana in chiave micro territoriale, in SORI, Ercole, Le Marche fuori dalle Marche. Migrazioni interne ed emigrazione all’estero tra XVIII e XIX secolo, t. II, Ancona, Proposte e ricerche, 1998; «Sindacati ed emigrazione nelle Marche», in Prisma, 10/11, 1999; La metà silenziosa. Donne dell’alto maceratese nella Grande Emigrazione, in CEGNA, Annalisa, Ai margini della storia. Percorsi individuali e collettivi delle donne in provincia di Macerata, Macerata, ISREC, 2010.

Jacopo PERAZZOLI si è laureato in storia presso l’Università degli Studi di Milano con una tesi sul rinnovamento della Socialdemocrazia tedesca nel corso degli anni cinquanta. Dal novembre 2011 è dottorando di ricerca in scienze storiche presso l’Università degli Studi del Piemonte Orientale e dal febbraio 2013 al luglio 2013 è stato visiting student presso la Kingston University di Londra. Il suo progetto di ricerca è dedicato allo studio comparato dell’evoluzione del partito laburista inglese, della SPD e del PSI a cavallo tra gli anni cinquanta. Ha curato il volume Antonio Greppi. Novant’anni di socialismo. Scritti scelti (Milano, Edizioni l’Ornitorinco, 2012) e contribuito alla stesura del saggio La sinistra arancione. Da Milano all’Italia? (Milano, Edizioni l’Ornitorinco, 2012).

David PÉREZ GUILLÉN es licenciado en Historia por la Universidad de Murcia (España). Ha cursado el Máster en Historia Social Comparada y recientemente ha emprendido sus estudios doctorales en la Universidad de Murcia, donde pretende analizar la posición de los regímenes fascistas (la Italia de Mussolini, la España de Franco y el Portugal de Salazar) ante las comunidades judías y el Holocausto.

Pablo Javier PÉREZ LÓPEZ es Doctor en Filosofía por la Universidad de Valladolid (España). Las temáticas esenciales de sus publicaciones han sido la Infancia, la dialéctica Filosofía-Poesía, el pensamiento trágico, la filosofía de la cultura portuguesa y la dimensión filosófica de Fernando Pessoa. Entre sus publicaciones en forma de libro pueden destacarse: (ed.) Viajes, Literatura y Pensamiento, Valladolid, Uva, 2009, El pensar poético de Fernando Pessoa, Madrid, Manuscritos, 2010 y (ed.) Filosofía y Literatura: diálogo recobrado, Madrid, Manuscritos, 2011. 

Paolo PERRI è laureato in storia presso l’Università della Calabria con una tesi sui rapporti tra socialismo e nazionalismo nell’Irlanda di inizio Novecento ed è attualmente dottorando in Scienze storiche in età contemporanea presso l’Università degli Studi di Siena.
Studia i nazionalismi periferici dell’Europa Occidentale, avendo, inoltre, svolto ricerche storiografiche presso il Trinity College of Dublin, l’International Institute of Social History of Amsterdam, il National Archives of Dublin, l’International Conflit Research Institute of Belfast e la Universidad del Pais Vasco-Euskal Herriko Unibertsitatea di Bilbao. Responsabile dell’Osservatorio sulle Politiche Comunitarie in tema di Minoranze (OsPCoM) dell’Università degli Studi di Siena. Ha pubblicato un saggio dal titolo «Un punto di svolta nella questione irlandese: il socialismo gaelico e il pensiero di James Connolly», in Storia e futuro, 27 (2011), http://www.storiaefuturo.com/it/numero_27/articoli/1_irlanda-socialismo-gaelico-connolly~1438.html

Andrea PERRONE è dottorando in “Beni culturali e Territorio” presso l’Università di Roma “Tor Vergata” con una tesi dedicata alle origini della geopolitica italiana. Ha al suo attivo una serie di articoli e di saggi dedicati alla storia della geopolitica e allo studio analitico di alcune aree di crisi a livello mondiale.

Alessandro PES, ricercatore in Storia Contemporanea presso il Dipartimento di Scienze Sociali e delle Istituzioni dell’Università di Cagliari, si occupa di storia del fascismo e del colonialismo italiano. Su questi temi ha pubblicato: La costruzione dell’impero fascista. Politiche di regime per una società coloniale (Roma, Aracne Editrice, 2010); Bonificare gli italiani. La Società Bonifiche Sarde tra risanamento e colonizzazione nell’Italia fascista (Cagliari, Am&D Edizioni, 2013).

Alessandro PETRALIA ha conseguito nel 2009 la laurea in Storia d’Europa (Curriculum contemporaneo) presso il Dipartimento di Scienze storiche dell’Ateneo di Bologna. Ha sempre prestato particolare attenzione alla storia politica d’Italia e i suoi ultimi interessi si focalizzano sulla storia della mafia e dell’antimafia, concretizzandosi in alcune ricerche sull’evoluzione della legislazione antimafia. Tra il 2008 e il 2009 ha lavorato a Bologna con la rivista mensile Le vie della Storia, presso la quale ha partecipato, in qualità di collaboratore, alla pubblicazione del volume La Storia del PEEP, e attualmente collabora a Catania con il Quotidiano di Sicilia.

Gian Luca PODESTÀ is full Professor of Economic History at the University of Parma and Contract Professor of Economic History at Bocconi University. His research areas are Public Finance in the Modern Era; Economics, Employment, politics and Society in the Italian Colonies in the XIX and XX Centuries; the Italian Public Industry during the Second world War; the Italian Iron and Steel Industry after the War of Ethiopia.

Paolo POMBENI è studioso esperto di sistemi politici comparati e di storia del costituzionalismo e docente emerito presso l’Università di Bologna, è direttore dell’Istituto Storico Italo-Germanico di Trento. È stato direttore del Centro Ricerche per il Progetto Europeo (Bologna) e dell’Istituto di Studi Avanzati dell’Università di Bologna per il Triennio 2010-2012. È fondatore e membro della direzione della rivista Ricerche di Storia Politica» e fa parte dell’editorial board del «Journal of Political Ideologies». È membro della Società italiana per lo studio della Storia contemporanea, dell’Associazione di Cultura e Politica “Il Mulino” e dal novembre 2012 è membro del Consiglio Editoriale delle edizioni Il Mulino. Tra le sue principali opere: Partiti e sistemi politici nell’Europa contemporanea (Bologna, Il Mulino, 1994); Il primo De Gasperi. Formazione e apprendistato di un politico di professione 1881-1918 (Bologna, Il Mulino, 2007); La ragione e la passione. Le forme della politica nell’Europa contemporanea (Bologna, Il Mulino 2010); Giuseppe Dossetti. L’avventura politica di un riformatore cristiano (Bologna, Il Mulino, 2013); [in dialogo con Michele Marchi], La politica dei cattolici dal Risorgimento ad oggi (Roma, Città Nuova, 2015); The historiography of Transition. Critical Phases in the Development of Modernity, 1494-1973 (London, Routledge, 2016); La questione costituente in Italia (Bologna, Il Mulino, 2016).

Enrico PONTIERI frequenta attualmente il secondo anno del Master in “Histoire et civilisations comparées” presso l’Université Paris Diderot – Paris 7, nell’ambito di un programma di scambio dell’Università di Bologna. Si occupa prevalentemente di storia delle migrazioni internazionali, di storia politica e di storia dell’urbanistica.

Andrea POZZETTA ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Europa Moderna e Contemporanea nel 2012 presso l’Università degli studi di Pavia con una tesi sulla biografia politica del dirigente comunista Luigi Longo in una prospettiva internazionalistica. Ha seguito un Master in Editoria presso il Collegio S. Caterina da Siena – Università degli studi di Pavia ed è attualmente collaboratore presso la casa editrice Giunti.

Lourdes PRADES-ARTIGAS es Doctora en Historia Contemporánea y Directora de la Biblioteca del Pavelló de la República (Universitat de Barcelona). Actualmente participa en la investigación en el Proyecto: “La memoria histórica y las Brigadas Internacionales: diseño de un sistema digital para la transferencia del conocimiento sobre el patrimonio histórico español” (Reconocido como Proyecto I+D+I del Ministerio de Ciencia y Tecnología, (HAR2010-20983-subprograma HIST). Entre sus principales publicaciones recordamos: «I Miliziani delle Brigate Internazionali della Guerra civile spagnola e la memoria storica: SIDBRI, un sistema di informazione digitale», Spagna Contemporanea, núm. 36, 2009, pp. 193-216 (con Montserrat Sebastiá); «El fons documental de l’arxiu-biblioteca del Pavelló de la República de la Universitat de Barcelona», en Espai, art i memòria: el Pavelló de la República(París 1937-Barcelona 2007), Barcelona, Publicacions i Edicions de la Universitat de Barcelona, 2008, pp. 103-115 (con Olga Giralt);Els Brigadistes de la Guerra Civil espanyola en les fonts documentals: un prototipus de sistema d’informació digital, Tesi doctoral. Barcelona, Universitat de Barcelona, 2008; «Fons hemerogràfic de la Biblioteca del Pavelló de la República (Universitat de Barcelona): VI Colloqui Aula d’Història del Periodisme Diari de Barcelona», Treballs de comunicació: Societat Catalana de Comunicació (Barcelona), núm, 18, (desembre) 2003, pp. 193-196. En publicación: «‘Forjant’ El imperio del libro católico y españolísimo” l’edició a Catalunya durant els primers anys del Franquisme» dins Congrés Internacional La dictadura franquista: la institucionalització d’un règim, Barcelona, Universitat de Barcelona, Facultat de Geografia i Història, 2011. 

Monica PRIANTE, dottore di ricerca in storia moderna e contemporanea presso i Hrvatski studiji (Università di Zagabria), tema della ricerca i rapporti tra la Chiesa ortodossa e cattolica nel XIX secolo e l’operato del vescovo croato Josip Juraj Strossmayer in Serbia. Successivamente, le sue ricerche si sono concentrate sulla storia culturale italiana ed europea nell’Ottocento, specialmente sulla ricezione della simbologia del Risorgimento italiano in Croazia centrale e Serbia. Negli ultimi anni, i suoi interessi di studio si sono spostati alla tanatologia culturale, con particolare attenzione al legame tra la storia della morte e la costruzione delle identità nazionali in Croazia tra il XIX secolo e il XX secolo. Attualmente collabora come docente a contratto con l’Università Cattolica di Zagabria.

Nicolas PROGNON est docteur en histoire de l’Amérique latine, enseignant, chercheur et membre du GRHI de l’Université Jean Jaurès de Toulouse et du groupe Histoire en Débat de Saint-Jacques-de-Compostelle (Espagne). Est auteur de plusieurs articles sur l’exil chilien, le retour, ses représentations en France, et sur l’histoire immédiate du Chili.

Enrico PUGLIESE Enrico Pugliese si è laureato nel 2008 in storia contemporanea presso l’università di Roma Tre con una tesi su Il Movimento di Unità Popolare 1953-1957. È attualmente dottorando presso l’Università di Reading. Collabora con la Fondazione Lelio e Lisli Basso di Roma. È stato PhD visiting presso l’Università di Amsterdam con una ricerca su Il nazionale e l’internazionale nel pensiero socialista europeo del secondo dopoguerra.

Grégory QUIN est docteur en Sciences du Sport et l’Education Physique (Université de Lausanne) et en Sciences de l’Education (Université Paris Descartes). Assistant-diplômé à l’institut des sciences du sport de l’Université de Lausanne, il est spécialiste de l’histoire des pratiques d’exercice corporel aux XIXe et XXe siècles, il a rédigé plusieurs travaux sur l’histoire du football en Suisse dans l’entre-deux-guerres, dont : QUIN, Grégory, « La Suisse face à la Grande Allemagne (1933-1942). Eléments pour une histoire du football helvétique », in ATTALI, Mickaël (sous la direction), Sports et médias, XIXe – XXe siècles, Biarritz, Atlantica, 2010, pp. 761-770.

Laurent QUISEFIT est Chercheur associé de l’UMR 8173 – Chine, Corée, Japon et chargé de cours à l’INALCO et à l’Université Bordeaux-Montaigne.

Marcus REDIKER Markus Rediker è professore di storia all’Università di Pittsburgh. In lingua italiana sono usciti: Sulle tracce dei pirati. La storia affascinante della vita sui mari del ’700 (Casale Monferrato, Piemme, 1996); con Peter Linebaugh, I ribelli dell’Atlantico. La storia di un’utopia libertaria (Milano, Feltrinelli, 2004); Canaglie di tutto il mondo. L’epoca d’oro della pirateria (Milano, Eleuthera, 2005).

César RINA SIMÓN es beneficiario del programa de Becas FPU del Ministerio de Educación. Realiza su tesis doctoral en la Universidad de Navarra bajo la dirección del Prof. Francisco Javier Caspistegui Gorasurreta. Desarrolla su línea de investigación en torno a los imaginarios públicos de legitimación política y la construcción de los fenómenos identitarios en la contemporaneidad.

Camillo ROBERTINI si è laureato in storia a Perugia e Venezia; ha svolto un periodo di studio in Argentina (doble titulación) durante il quale ha realizzato un primo programma di interviste a militanti rivoluzionari e sindacali. Ha presentato i primi risultati delle proprie ricerche al XXXV Convegno internazionale di americanistica di Perugia (maggio 2013). Collabora con la rivista argentina «Prohistoria» e recentemente ha curato la pubblicazione del volume Questa terra è la mia terra, storie dal Veneto dal Salento e dall’America Latina (Latina, La Toletta, 2013).

Francesca ROLANDI ha conseguito il dottorato di ricerca in Slavistica presso l’Università degli studi di Torino nel 2012 con una tesi incentrata sull’influenza della cultura di massa italiana in Jugoslavia, vincitrice nel 2014 del premio Vinka Kitarović. Attualmente è research fellow presso l’Università di Fiume nell’ambito del programma Newfelpro con un progetto sui richiedenti asilo jugoslavi in Italia durante la guerra fredda.

Maria Cruz ROMEO, profesora titular de Historia Contemporánea de la Universitat de València, ha investigado las bases sociales del liberalismo y las culturas políticas asociadas a la formación del Estado nacional. Junto con Salvador Calatayud y Jesús Millán, ha editado Estado y periferias en la España del siglo XIX. Nuevos enfoques (Valencia, Universitat de València, 2009).

Valerio ROMITELLI ha insegnato Metodologia delle Scienze Sociali e Storia dei Movimenti e dei Partiti Politici presso l’Università di Bologna. Ha fondato e diretto il Gruppo di Ricerche di Etnografia del Pensiero (Grep) presso il Dipartimento di Discipline Storiche Antropologiche e Geografiche dell’Università di Bologna. Ha tradotto e introdotto assieme ad Alessandro Russo il primo libro in italiano di Alain Badiou e Sylvain Lazarus, La politica è pensabile? (Milano, Franco Angeli, 1987), ha scritto assieme a Mirco degli Esposti Quando si è fatto politica in Italia. Storia di situazioni pubbliche (Soveria Mannelli, Rubbettino, 2001). Tra i suoi libri: Gli dei che stavamo per essere (Bologna, Gedit, 2004); Etnografia del pensiero. Ipotesi e ricerche (Roma, Carocci, 2005); Fuori dalla società della conoscenza (Castel Gandolfo, Infinito, 2009); L’odio per i partigiani. Come e perché contrastarlo (Napoli, Cronopio, 2007); L’amore della politica. Pensiero passioni e corpi nel disordine mondiale (Modena, Mucchi, 2014); La felicità dei partigiano e la nostra (Napoli, Cronopio, 2015).

Jordi RUBIÓ es licenciado en Historia (2006) y DEA en Historia Contemporánea (2008) por la Universidad de Girona. Des de septiembre de 2011 es doctor en Historia. Su tesis doctoral, L’èxode català de 1939 a través dels Pirineus. De la derrota a la victoria, recibió el excelente cum laude con mención europea. Paralelamente, ha publicado distintos artículos de investigación en revistas científicas como Ayer o Ibix. También ha participado como profesor invitado, entre otros, en el congreso internacional La dictadura franquista: La institucionalización de un régimen organizado por la Univeridad de Barcelona (2011) y ha realizado distintas estancias de investigación a Paris, en la École des Hautes Études en Sciences Sociales. Presidente de la asociación Lligams, también es miembro de la comisión España de la asociación Adelante

Rebeca SAAVEDRA ARIAS si è laureata in Storia preso l’Università di Cantabria (Santander, Spagna), dove attualmente è ricercatrice specializzata in Storia Contemporanea. Ha conseguito il titolo di Master Europeo in Gestione e Conservazione dei Beni Culturali e Master Interuniversitario in Storia Contemporanea. Dal 2008 è ricercatrice borsista del Ministerio de Educación con lo scopo di sviluppare il suo progetto di tesi di dottorato El Patrimonio Artístico durante la Guerra Civil (1936-1939): política e ideología en las «dos Españas». Ha svolto stage nell’Università di Salamanca, preso i Musei Capitolini, ecc. Negli ultimi mesi ha collaborato nell’organizzazione del X Congreso de la Asociación de Historia Contemporánea. Tra le sue publicazioni più recenti si trova «El Patrimonio Artístico español en 1939: ¿Cambio de rumbo en la política cultural republicana?», Tzintzun Revista de Estudios Históricos del Instituto de Investigaciones Históricas de la Universidad Michoacana de San Nicolás de Hidalgo (Morelia, Michoacán, México), número 50, julio-diciembre 2009. I suoi interessi spaziano dalla storia delle politiche culturali contemporanee, in particolare nel contesto spagnolo degli anni Trenta, ai temi degli usi propagandistici ed economici della Cultura.

Giorgio SACCHETTI è professore associato di Storia contemporanea (abilitazione scientifica nazionale 2012 – 11/A3) e docente a contratto di Storia delle ideologie del Novecento in Europa presso il dipartimento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali dell’Università di Padova.

María Pilar SALOMÓN CHÉLIZ es profesora titular de Historia Contemporánea en la Universidad de Zaragoza. Autora del libro Anticlericalismo en Aragón. Protesta popular y movilización política (1900-1939) (Zaragoza, 2002), es especialista en la movilización anticlerical y en la identidad nacional española que construyeron los sectores laicistas republicanos y obreros en el primer tercio del siglo XX en España. En la actualidad investiga las culturas políticas del catolicismo español en dicho periodo.

Fabricio Gabriel SALVATTO es Profesor y Licenciado en Historia por la Universidad Nacional de la Plata (UNLP). Becario Doctoral del CONICET bajo la dirección de Dr. María Inés Carzolio y el Dr. Guillermo Banzato; es miembro del Centro de Historia Argentina y Americana (CHAyA-IdIHCS CONICET) y de la Asociación Argentina de Investigadores en Historia (AsAIH). Es Profesor de Historia del siglo XX en el Instituto José Manuel Estada (IJME, City Bell). Entre sus líneas de investigación están: Vecindad, naturaleza y ciudadanía en mundo hispánico (XVIII y XIX siglos); Inclusión y exclusión de cargos públicos en ciudades, villas y pueblos en los cambios de regímenes en el litoral rioplatense (1808-1831).

Francesca SANNA ha conseguito la Laura Triennale in Storia presso l’Università degli studi di Milano nel 2012 con una tesi sul profilo storico-economico dell’industria estrattiva sarda del secondo dopoguerra. Ha poi ottenuto nel 2014 il doppio diploma (Laurea Magistrale e Master 2 Recherche) del «Master italo-francese di Storia e Civiltà Comparate», in cotutela fra l’Université Paris Diderot – Paris 7 e l’Università degli Studi di Bologna con una tesi sull’applicazione dei sistemi di scientific management nell’industria mineraria. Dopo un Master di II livello in «Conservazione gestione e valorizzazione del patrimonio industriale» all’Università di Padova, è attualmente dottoranda all’Université Paris Diderot Paris 7 con un contratto dottorale «USPC Paris Sorbonne Cité – volet international».

Martina SANNA – Alghero (SS) – ha conseguito nel 2008 la Laurea Specialistica in Storia d’Europa presso l’Università di Bologna con un lavoro di ricerca sull’insediamento degli esuli giuliano-dalmati nella città di Alghero in Sardegna nel secondo dopoguerra. Nel 2009 si è occupata della catalogazione, della digitalizzazione e della valorizzazione del patrimonio documentario relativo alle delibere municipali ottocentesche presso l’Archivio di Stato di Sassari. Nel 2010 ha conseguito il Master in Comunicazione storica dell’Università di Bologna.

Guglielmo SANO si è laureato in “Filosofia, conoscenza e comunicazione” presso l’Università di Palermo, con un lavoro sulla filosofia del linguaggio di Michel Foucault. Attualmente frequenta il corso di Laurea Magistrale in “Scienze Filosofiche” presso l’Università di Bologna.

Francisco das Chagas F. SANTIAGO JÚNIOR si è addottorato in storia presso l’Universidade Federal Fluminense, Niterói/Brasil con una tesi sull’appropriazione delle religioni afro-brasiliane nel cinema del periodo del regime dittatoriale degli anni Settanta. Lavora sulla relazione fra storia e cinema a partire da differenti assi di ricerca: il cinema e l’afro-brasilianità, la negoziazione del patrimonio culturale all’interno del cinema brasiliano, l’uso del passato nel cinema nazionale. Ha pubblicato numerosi articoli sulla cultura visuale, la teoria dell’immagine e la metodologia della ricerca multimediale.

Art historian and curator, Lora SARIASLAN is a PhD candidate at the University of Amsterdam. She went to Knox College in Illinois, U.S.A., where she received her B.A. in Art History and Integrated International Studies, and received her M.A. in Art History from the University of Texas at Austin, U.S.A. She has worked at the Dallas Museum of Art in Texas, U.S.A. (2001-2005) and later was curator at Istanbul Modern, Turkey (2005-2011). She was the co-curator of the 2nd Mardin Biennial taking place in 2012. As an independent curator she has curated exhibitions both in Turkey and abroad. She has been the Turkish National Correspondent of the European Museum Forum since 2009. Sarıaslan has participated and lectured in numerous conferences in Turkey as well as abroad, and serves on the board of numerous international juries.

Brian SARNACKI is a Ph.D. student at the University of Nebraska-Lincoln where he obtained his M.A. in August 2011. He received his B.A. in history from the University of Notre Dame du Lac in May 2009.

Alfredo SASSO è borsista post-doc presso il CAS-Università di Rijeka (2016), dottore di ricerca in Storia Contemporanea presso l’Università Autonoma di Barcellona (2015). I suoi interessi di ricerca si concentrano sui movimenti politici nello spazio jugoslavo e post-jugoslavo contemporaneo. Ha svolto attività di ricerca in Bosnia-Erzegovina, Serbia, Croazia e Messico. È redattore della rivista accademica spagnola «Tiempo Devorado» e del magazine italiano «East Journal».

Magdalena SCHELOTTO es Doctora en Humanidades (Universidad Carlos III de Madrid), licenciada y Master en Humanidades y Master en Gestión y Producción en e-learning. Miembro investigador del Instituto de Cultura y Tecnología de la UC3M miembro externo del Instituto de Estudios Ibéricos y Latinoamericanos de la Universidad Sorbonne-Paris IV, Francia. Ha desarrollado su actividad docente en la Universidad Paris Descartes (2015/2016), en la Universidad Carlos III de Madrid (2012/2014) y en la Universidad Sorbonne Paris IV (2009/2011). Su actividad investigadora se centra en la Historia contemporánea latinoamericana, en particular, el Cono Sur y sus relaciones con España. Utiliza la metodología de análisis del discurso y se interesa por la educación digital del futuro, los nuevos paradigmas pedagógicos y el soporte audiovisual como documento para la Historia Contemporánea.

Elena SCHLEIN è nata e cresciuta a Lugano (Svizzera). Si è laureata in Giurisprudenza (Bologna, 2009) con una tesi in Criminologia dal titolo Criminalità, criminalizzazione e sovrarappresentazione dei migranti tra la situazione italiana e quella svizzera. Ha collaborato come critica cinematografica e fotografa con alcune testate giornalistiche. Attualmente sta frequentando un corso di laurea specialistico in Giurisprudenza con indirizzo internazionale, ed è responsabile Comunicazione e grafica per un’associazione studentesca che opera nell’ateneo bolognese. 

Karl SCHURSTER è stato ricercatore post-doc e ha conseguito il dottorato in Storia presso l’UFRJ (Universidade Federal do Rio de Janeiro). Insegna come professore dell’Universidade de Pernambuco nel campo di studi della Storia del Tempo presente ed è membro permanente del corso di Laurea in Scienze della Formazione presso la stessa università. Attualmente sta realizzando un secondo stage postdottorale presso la Freie Universität Berlin sotto la direzione del professor Stefan Rinke. I suoi interessi sono rivolti allo studio della politica internazionale, con particolare interesse sui conflitti, in particolare le guerre mondiali e l’olocausto. È stato vincitore del 2° posto al Premio Jabuti, assieme a Francisco Carlos Teixeira e Francisco Eduardo Almeida per il coordinamento dell’Atlântico: a história de um oceano, Rio de Janeiro, Editora Civilização Brasileira, 2013.

Roberto SCIARRONE è assegnista di ricerca presso il dipartimento di Storia Culture Religioni dell’Università di Roma La Sapienza. È dottore di ricerca in Storia dell’Europa. Collabora con la cattedra di Storia dell’Europa Orientale e con l’Archivio dell’Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell’Esercito. È inoltre membro dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano e della Società Italiana di Storia Militare (SISM). Ha pubblicato le seguenti monografie: Strategie militari franco-tedesche a confronto (1905-1913), Roma, Nuova Cultura, 2013; La Repubblica di Weimar nei documenti del Servizio Informazioni Militare, Roma, Nuova Cultura, 2013; L’Italia nella Triplice Alleanza, Politica e sistema militare, Roma, Aracne, 2014. Si occupa di politica estera e storia militare italiana dall’unità alla Prima guerra mondiale, su cui ha pubblicato numerosi saggi e articoli.

Alberto SCIGLIANO è laureato in Scienze politiche presso l’Università della Calabria con una tesi sui rapporti tra socialismo e sionismo nella costruzione dello Stato d’Israele ed è attualmente laureando magistrale in Scienze storiche presso l’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna. Si è interessato di sionismo socialista, kibbutzim e identità israeliana. Attualmente si occupa di tradizione politica ebraica e studio dell’influenza delle fonti bibliche (TaNaKh) nel pensiero politico occidentale. Vincitore di borsa di studio ha trascorso un mese presso l’International School dell’Università di Haifa, in Israele, dove ha approfondito lo studio della lingua ebraica moderna e svolto alcune ricerche bibliografiche presso la Younes & Soraya Nazarian Library.

Gianluca SCROCCU si è laureato in Lettere nel 2000 presso l’Università degli Studi di Cagliari; nel 2005 ha conseguito il dottorato in Studi storici per l’età Moderna e Contemporanea presso l’Università di Firenze. Attualmente è borsista presso il Dipartimento di Storia, Beni culturali e Territorio dell’Università degli Studi di Cagliari. Ha conseguito l’Abilitazione Scientifica Nazionale a professore associato in storia contemporanea. Si occupa principalmente di storia politica, con particolare attenzione alla storia della sinistra italiana, del pensiero di Piero Gobetti, di storia della globalizzazione, di storia della Sardegna e di storia di genere. Su questi temi è autore di volumi e saggi; la sua più recente monografia è Alla ricerca di un socialismo possibile. Antonio Giolitti dal Pci al Psi (Roma, Carocci, 2012).

Montserrat SEBASTIÁ-SALAT, es Profesora Titular de la Universidad de Barcelona (Departamento de Biblioteconomía y Documentación), y es Investigadora Principal del Proyecto: “La memoria histórica y las Brigadas Internacionales: diseño de un sistema digital para la transferencia del conocimiento sobre el patrimonio histórico español”. Entre otros ha publicado: «Asociaciones profesionales y la creación de las Escuelas de Biblioteconomía y Documentación», Los estudios de Biblioteconomía y documentación, Madrid, 1983 (Fund. Univ. Empresa, 52); M. Thesaurus d’Història Social de la Dona, Barcelona, 1988; «La dona i la institucionalització de l’educació», Més Enllà del Silenci, Les Dones a la Història de Catalunya, Barcelona, 1988, pp. 206-226 (con Cortada Ester); «Los Modelos Curriculares de las Tecnologías de la Información en el área de las Ciencias de la Documentación», en Métodos Didácticos en Biblioteconomía y Documentación, Universidad Complutense, Madrid, 1997, pp. 181-197; «L’Arquitectura de la Informació i el Disseny Curricular: Competitivitat i Discontinuïtat», Bibliodoc Anuari/Anuario del Col.legi Oficial de Bibliotecaris de Catalunya, Barcelona, 2003, p. 51-75; «La Transformación de los Archivos y de la Archivística: el nuevo paradigma desde la hibridez a la metadisciplina y la metacomunicad profesional», Tabula, Revista de Archivos de Castilla y León, Asociación de Archiveros de Castilla y León, vol. 5, núm. 12, 2009, pp. 17-30.

Brian SHAEV is a doctoral candidate in Modern European History at the University of Pittsburgh. His dissertation research analyzes the attitudes and policies of the French Socialist Party (SFIO) towards Germany and European integration, as well as that of the German Social Democratic Party (SPD) vis-à-vis France and Europe in the years leading to the formation of the European Economic Community (EEC). This research focuses on the importance of inter-party relations and the background and ideas of the parties’ leaderships while seeking to balance ideological considerations with the parties’ evolving geopolitical conceptions and priorities in their respective processes of policy formation. He has also been researching how French and West African political elites sought to remake the French-West African colonial relationship in the context of colonial war, decolonization, and programs for European unity.

Kenan Behzat SHARPE is a PhD candidate in Literature at the University of California, Santa Cruz. His work focuses on literary aesthetics and Left politics in the 1960s in Turkey, Greece, and the Eastern Mediterranean.

Nedjib SIDI MOUSSA, après un Master en science politique sur le Mouvement national algérien (MNA) en France (1954-1957), poursuit sa recherche sur les messalistes avec une thèse sur les trajectoires des membres du Conseil national révolutionnaire de 1954, à l’Université de Paris 1 (CESSP-CRPS).

Juan Antonio SIMÓN es licenciado en historia por la Universidad Complutense de Madrid. Doctor en Humanidades por la Universidad Carlos III de Madrid. Desde el 2006 ha trabajado en el Departamento de Humanidades de la Universidad Carlos III de Madrid, en el Centro de Estudios Olímpicos de la Universidad Autónoma de Barcelona (CEO-UAB) y en la actualidad es profesor de historia del deporte en la Universidad Europea de Madrid (UEM). Ha publicado: SIMON, Juan Antonio, BONDINI, Gianni, Il suo nome è Pablito: l’Italia s’innamora degli azzurri e la Spagna scopre la democrazia, Roma, Absolutely Free Editore, 2014.

Igor José SIQUIERI SAVENHAGO è giornalista; si è laureato in Ciência, Tecnologia e Sociedade (CTS), curriculum Linguagens, Comunicação e Ciência, presso l’UFSCar (Universidade Federal de São Carlos). Attualmente è professore di Giornalismo nel Centro Universitário Barão de Mauá, a Ribeirão Preto, nello Stato di São Paulo. 

Josep SITJÀR es licenciado en Geografía por la Universidad de Girona (2007). Está especializado en SIG desde 2007, cuando se incorporó al Servicio de SIG (SIGTE) de la Universidad de Girona. Actualmente está cursando el Master de Medio Ambiente y Ordenación del Territorio, y es profesor en el máster UNIGIS-Girona, en el que tutoriza los módulos de “Visualización y Cartografía” y “SIG y Teledetección”. Además, ha participado en la elaboración de materiales de aprendizaje. Ha sido profesor invitado en varios seminarios y cursos de SIG en la Universidad de Girona y en la Universidad de Salzburg (Z GIS Summer School 2010). Como miembro del equipo técnico del SIGTE participa también en el desarrollo de proyectos en el ámbito de la geoinformación. 

Ariel Ignacio SLAVUTSKY es Doctor en Ciencias Sociales por la Universidad Nacional de Jujuy y desarrolla investigaciones (es Becario posdoctoral del CONICET) en torno a la relación entre cultura y dictadura militar. Ha publicado en las revistas International Journal for Humanities and Social Sciences, Cuadernos FHyCS-UNJU y Revista de la Escuela de Antropologia de la UNR.

Ana Lorym SOARES è dottoranda in Storia Sociale presso l’Universidade Federal do Rio de Janeiro – UFRJ.

Carolina SOCCIO DI MANNO DE ALMEIDA si è laureata in Scienze politiche nell’Universidade Federal de Pernambuco.

Carlos Hugo SORIA CÁCERES es actualmente estudiante de Doctorado por la Universidad de Valladolid. Sus líneas de investigación se enmarcan dentro del campo de la Geografía Humana, con estudios sobre las infraestructuras de transporte, urbanismo, política y comunicación. Dentro de sus trabajos se ocupa por investigar la relación entre las transformaciones territoriales y las estrategias de comunicación política y mediática.

Débora SOUZA CRUZ è studentessa del Programa de Pós-Graduação em História dell’Universidade Federal de Sergipe (UFS). Laureata in Storia presso l’Universidade Federal de Sergipe, ha ottenuto la specializzazione nell’insegnamento di Storia (Ensino de História: novas abordangens pela Faculdade São Luis de França).

Jens SPÄTH ha studiato storia medievale e moderna, scienze politiche e storia antica presso le Università di Heidelberg, Edimburgo e Monaco di Baviera. Ha ottenuto il dottorato di ricerca presso l’Università Ludwig Maximilian di Monaco di Baviera con una tesi sulla recezione della Costituzione di Cadice in Spagna e Italia. Dal 2009 è ricercatore presso l’Istituto Storico Germanico di Roma. Al momento sta lavorando sull’antifascismo dei socialisti e socialdemocratici tedeschi, italiani e francesi nel secondo dopoguerra. Insegna storia contemporanea presso l’Università di Monaco di Baviera.

Lorenzo SPURIO PASSAMONTI (Umbertide, 1993) si è laureato in Beni e attività culturali presso l’Università di Perugia nel novembre 2015 con il punteggio di 110. Attualmente è iscritto al corso di laurea specialistica in Scienze storiche presso l’Università di Bologna (storia contemporanea); si occupa, in particolare del periodo dei totalitarismi e del secondo dopoguerra italiano ed europeo. Lavora per la pro loco di Corciano (PG).

Carlo Andrea STAZZI è attualmente dottorando presso il SUM di Napoli dove lavora ad una tesi sulla Commissione d’Aragona e sulle politiche sociali in Italia nel secondo dopoguerra. Tra le sue pubblicazioni: «I repubblicani-federalisti lombardi (1890-1895) tra Cattaneo, Tocqueville e J.S. Mill», in Storia e Futuro, 24, 2010, http:// www.storiaefuturo.com/it/numero_24/articoli/1_federalismo-cattaneo-toqueville-mill~1357.html; «I repubblicani milanesi dalla crisi del Patto di fratellanza alla nascita del PRI», in Annali della Fondazione Ugo La Malfa. Storia e politica, 25, 2010, pp. 263-273.

Swen STEINBERG, storico, è professore associato in storia regionale alla Technische Universität di Dresda. Da ottobre 2014 fino a ottobre 2016 è ricercatore ospite presso la University of California Los Angeles con un finanziamento post-dottorale della Deutsche Forschungsgemeinschaft sul tema: Una storia transnazionale della conoscenza. Montagne, foreste e miniere tra Europa e America, 1760-1960. I suoi interessi di ricerca sono le concezioni dell’Economia del cultura, le trasformazioni economiche, la storia della conoscenza e gli studi sugli esuli. Ha pubblicato diversi libri e articoli su questi temi. Attualmente sta lavorando ad una analisi delle reti di giornalisti tedeschi esiliati in Cecoslovacchia (per Metropol, Berlin) e all’edizione dei carteggi di Kurt Eisner.

Alessandro STOPPOLONI (Roma, 1989) ha completato nel luglio del 2015 il percorso per ottenere il doppio titolo nell’ambito del corso integrato italo-tedesco organizzato dall’Università di Bologna e da quella di Bielefeld discutendo una tesi dal titolo Fra teoria e pratica: la psicologia politica di Peter Brückner (1966-1978). In precedenza ha studiato presso le Università Roma Tre e Paris X (come studente Erasmus). In questo momento si sta occupando di temi legati alla storia della psichiatria.

Giulia STRIPPOLI ha conseguito il dottorato in Studi Storici presso l’Università degli Studi di Torino con una tesi sui rapporti tra i partiti comunisti francese, italiano e portoghese e i movimenti studenteschi degli anni sessanta. Dal 2013 svolge attività di ricerca presso l’Istituto di Storia Contemporanea dell’Unversidade Nova de Lisboa. Studia soprattutto temi connessi alla storia dei partiti comunisti, dei movimenti studenteschi, delle organizzazioni della sinistra rivoluzionaria.

Davide TABOR si occupa di storia sociale della politica, di notabilato, di storia della devianza femminile tra Ottocento e Novecento. È direttore di «Contesti. Rivista di microstoria».

Giulio TATASCIORE è attualmente dottorando borsista presso l’Università degli Studi di Teramo, in cotutela con l’Université Paris VII «Denis Diderot». La sua ricerca, monitorata da Francesco Benigno e Anne-Emmanuelle Demartini, analizza i processi di rappresentazione del brigantaggio italiano nel contesto generale della costruzione di modelli politici e culturali relativi alle identità criminali durante il XIX secolo. È stato allievo del Corso integrato franco-italiano di Storia e Civiltà Comparate promosso dall’Università di Bologna e dall’Université Paris VII «Denis Diderot», conseguendo il doppio titolo di Laurea Magistrale in Scienze Storiche e di Master Recherche in Histoire et Civilisations Comparées.

Marco Antônio TEIXEIRA è dottorando in Sociologia presso l’Instituto de Estudos Sociais e Políticos dell’Universidade do Estado do Rio de Janeiro (IESP/UERJ), borsista della Fundação Carlos Chagas Filho de Amparo à Pesquisa do Estado do Rio de Janeiro (FAPERJ). Ha conseguito la laurea specialistica in Scienze sociali nell’ambito del corso di studio in Desenvolvimento, Agricultura e Sociedade dell’Universidade Federal Rural do Rio de Janeiro (CPDA/UFRRJ), dopo aver ottenuto una laurea in Scienze sociali presso la UERJ e in Storia presso l’Universidade Federal do Estado do Rio de Janeiro (UNIRIO).

Elisa TIZZONI ha conseguito il Dottorato di ricerca in Storia Contemporanea presso l’Università di Pisa ed è attualmente cultore della materia presso l’Università di Firenze; i suoi interessi di ricerca riguardano principalmente i tourism studies, analizzati da un punto di vista istituzionale e culturale, le questioni relative al rapporto città-campagna e le dinamiche del processo di integrazione europea.

Cecilia TOGNON è iscritta al corso di Laurea Magistrale in Scienze storiche presso l’Università di Bologna.

Nicola TONIETTO ha conseguito la laurea magistrale in Scienze Storiche presso l’Università di Padova nel 2014. È attualmente dottorando dell’Università di Trieste e Udine con un progetto di ricerca sulle origini del movimento neofascista in Italia.

Alejandro TORRES GUTIÉRREZ es catedrático de Derecho Constitucional en la UPNA. Licenciado en Derecho por la Universidad de Valladolid, obteniendo el Grado con calificación de Sobresaliente y el Premio Extraordinario de Doctorado en la UCM. Es Doctor en Derecho Canónico por la Universitas Catholica Tholosensis, de Toulouse, Francia, con mención de “Excelente”. Sus publicaciones versan sobre la financiación de las confesiones, los modelos de relaciones Iglesia-Estado de España, Austria y Portugal, las minorías, y la teoría de los derechos fundamentales y del derecho público.

Matteo TROILO (San Benedetto del Tronto, 1976) si è laureato in Storia all’Università di Bologna ed ha ottenuto il dottorato di ricerca in Storia Economica all’Università di Verona. Attualmente è assegnista di ricerca presso la facoltà di Economia di Rimini e di recente è stato visiting fellow alla Wilfrid Laurier University (Ontario – Canada). Si occupa di vari temi di ricerca di storia economica moderna e contemporanea. Ha pubblicato le monografie: Un’economia di famiglia. Strategie patrimoniali e di prestigio sociale degli Aldrovandi di Bologna (secoli XVII-XVIII), Bologna, Il Mulino, 2010; Storia e protagonisti del turismo a San Marino. Un contributo essenziale all’economia della Repubblica, San Marino, Collana sammarinese di studi storici, 2011.

Flavia TUDINI ha conseguito la laurea triennale in Scienze Storiche presso l’Università Roma Tre nel 2012, con una tesi basata sullo studio di una fonte diaristica inedita del Novecento. Frequenta il corso di laurea magistrale in Storia contemporanea presso l’Università di Bologna.

Aleksandra UZUNOVA ha conseguito la laurea magistrale in Scienze Politiche presso l’Università di Bologna. I suoi principali interessi accademici vertono sulle tematiche della sociologia e dell’economia dello sviluppo. Ha svolto attività di ricerca nell’ambito del progetto “Alle origini dello sviluppo economico italiano: emigrazione, disequilibrio e sviluppo tardivo” del Dipartimento di Scienze Economiche del medesimo ateneo.
.

Mairon Escorsi VALÉRIO si è addottorato in Storia culturale presso l’UNICAMP ed è professore associato dell’Universidade Federal da Fronteira Sul (UFFS) – Campus Erechim/RS. I suoi studi vertono sulla storia contemporanea dell’America Latina e sulla didattica della storia. È autore del libro Entre a cruz e a foice: D. Pedro Casaldáliga e a significação religiosa do Araguaia (Jundiaí, Paco Editorial, 2012).

Sergio VALERO, licenciado en Historia por la Universidad de Valencia, es ahora Profesor asociado en la misma Universidad. Se dedica a la investigación en el ámbito del Socialismo valenciano de los años treinta del s. XX; entre otros ha publicado: «Socialisme i democràcia a la Segona República: el caso de la Federació Socialista Valenciana, 1931- 1936», en la revista Afers. Fulls de recerca i pensament, nº 61 (2008), Catarroja, pp. 693-710. ISBN: 978-84-92542-05-5; «El discurso del socialismo valenciano, 1931-1936: un análisis de República Social», en Nicolás, E. y González Martínez, C. (coord.), Ayeres en discusión. Temas clave de Historia Contemporánea hoy, Murcia, Servicio Publicaciones de la Universidad de Murcia, 2008 (recurso electrónico). ISBN 978-84-8371-772-1; «En torno a la autonomía del País Valenciano: la posición del socialismo durante los años treinta», en Fuentes, Mª C., Contreras, J. y López Chavez, P., II Encuentro de Jóvenes Investigadores en Historia Contemporánea, Granada, Universidad de Granada, 2010 (recurso electrónico). ISBN 978-84-338-5094-2; «Socialismo valenciano y poder local. El proceso de constitución de gestoras durante 1936», en González Calleja, Eduardo, La España del Frente Popular. Política, sociedad, cultura y conflicto en la España de 1936 (en prensa).

Lisa VALLI, laureatasi in architettura nel 2010, è dottoranda in conservazione dei Beni Architettonici al Politecnico di Milano; oggetto d’indagine della sua tesi di dottorato è la ricognizione delle fonti che trattano le vicende architettoniche del complesso monumentale del Palazzo Ducale di Mantova dal XIX secolo ad oggi. 

Eduardo Henrique Barbosa de VASCONCELOS è professore del corso di Storia della Universidade Estadual de Goiás.

Rocío VELASCO de CASTRO es doctora en Estudios Árabes e Islámicos, Experta Profesional en Cultura, Civilización y Religión Islámicas, y Especialista Universitaria en las relaciones de España con el Norte de África. Desde 2003 ha impartido docencia en las Universidades de Sevilla, Abdelmalek Essâadi de Tetuán y Extremadura. Miembro del grupo de investigación International Research Group for Conflict, Borderlands and Minorities (IRG-CBM) de la Universidad Rey Juan Carlos de Madrid, sus investigaciones se centran en el Marruecos contemporáneo con dos líneas de trabajo: las relaciones hispano-marroquíes, con especial dedicación al protectorado español, y los movimientos feministas. Entre sus publicaciones destacan: Nacionalismo y colonialismo en Marruecos (1945-1951) (Sevilla, Alfar, 2012); «Las aspiraciones del nacionalismo marroquí en el marco de la Segunda Guerra Mundial», in Cuadernos de Historia Contemporánea, 34, 2012, pp. 277-305; «Una lectura conciliadora de las relaciones hispano-marroquíes: Muhammad Ibn Azzuz Hakim», in Historia Actual On-line, 29, 2012, pp. 25-35.

Giovanni VENEGONI è dottorando (PhD) dell’Alma Mater Studiorum-Università di Bologna. Per la sua tesi di dottorato sta analizzando le reti costituite dai gruppi informali di Saint-Domingue nel mar dei Caraibi e in America centrale e settentrionale.

Roberto VENTRESCA è dottorando presso la Scuola superiore di Studi storici e storico-religiosi (Università di Padova, Università di Verona, Università Venezia – Ca’ Foscari), dove sta concludendo una tesi sul ruolo dell’Italia nell’OECE durante la prima legislatura repubblicana (1947-1953). Si è laureato in Storia contemporanea presso l’Università di Bologna e in co-tutela presso l’Université Paris 7 – Denis Diderot. Nell’autunno 2014 è stato Visiting Research Student presso la London School of Economics and Political Science.

Nicola VERDERAME si è laureato in Studi Arabo-Islamici all’Università L’Orientale di Napoli, ha proseguito con un Research Master in Turkish Studies all’Università di Leiden e attualmente è Doctoral Fellow alla Berlin Graduate School Muslim Cultures and Societies. La sua ricerca si incentra sulla costruzione e restauro di fontane nel tardo periodo ottomano. Accanto alla ricerca storica svolge l’attività di traduttore di poesia contemporanea turca.

Oreste VERONESI ha conseguito la laurea in Storia presso l’Università di Padova nel luglio 2013 con una tesi dal titolo La strage di Piazza Fontana nelle pagine de «L’Arena» (1969-1972). Attualmente è iscritto al corso di inter-ateneo Verona – Trento in Scienze storiche.

Alberto VIEIRA è ricercatore con l’incarico di coordinamento presso la Secretaria Regional da Economia, Transportes e Cultura e presiede il CEHA (Centro de Estudos de História do Atlântico) dal 2008. Nativo di Madera, si è addottorato in Storia presso l’Universidade dos Açores nel 1991. Si occupa di isole – in particolare quelle atlantiche – e dei temi ad esse connesse. Ha pubblicato numerose monografie ed articoli dedicati alla Storia delle isole, dell’ambiente, della scienza e della tecnica e della schiavitù.

Manuel VIERA de MIGUEL es Colaborador honorífico del Departamento de Historia del Arte III (Contemporáneo) de la Universidad Complutense de Madrid e integrante del proyecto de investigación Los lugares del Arte (HAR2010-19406). En la actualidad se dedica al estudio de la relación entre cultura visual e identidad en el marco de las Exposiciones Universales. Entre sus publicaciones cabe destacar: «El imaginario visual español en la Exposición Universal de París de 1889: España de moda», en Anales de Historia del Arte, vol. extra 1/2011 (Saberes artísticos bajo signo y designios del Urbinate), pp. 537-550; «Estereotipos nacionales e imágenes de poder en la Exposición Universal de Barcelona de 1888: “honra y orgullo de la patria española”», en Anales de Historia del Arte, número especial (Investigaciones en Historia del Arte), 23/2013, pp. 19-35, publicación de la que también es coeditor.

Francesc VILANOVA i VILA-ABADAL (Barcelona, 1962) es Profesor Titular de Historia Contemporánea en la Universidad Autónoma de Barcelona y Director del Archivo Carles Pi i Sunyer (Fundació Carles Pi i Sunyer d’Estudis Autonòmics i Locals, Barcelon). Miembro del Grup de Recerca en l’Època Franquista (GREF) y del Centre d’Estudis sobre les Èpoques Franquista i Democràtica (UAB-CEFID). Sus últimos trabajos publicados son: La Barcelona franquista i l’Europa totalitària (1939-1946) (Barcelona, Editorial Empúries, 2005); El franquismo en guerra. De la destrucción de Checoslovaquia a la batalla de Stalingrado (Barcelona, Península, 2005); Exiliats, proscrits, deportats (Barcelona, Editorial Empúries, 2006), 1939 (Barcelona, Península, 2007); Una burgesia sense ànima. El franquisme i la traïció catalana (Barcelona, Editorial Empúries, 2010); L’any que va caure París. Aliadòfils i franquistes catalans l’estiu de 1940 (Barcelona, La Magrana, 2010).

Marco VISCARDI (1978) si è addottorato in Filologia Moderna nel 2009 (Università degli Studi di Napoli “Federico II”) discutendo una tesi sulle lezioni dantesche di F. A. Ozanam (1813-1852); attualmente borsista presso l’Istituto Italiano per gli Studi Storici, lavora ad una monografia su satira ed umorismo in Italia fra 1816 e 1861. Cultore della materia presso le cattedre di Storia della Critica Letteraria e Letteratura Italiana II, titolare il prof. Giovanni Maffei, si è occupato di romanzo storico fra Otto e Novecento e di storiografia letteraria, e ha pubblicato interventi su Tomasi di Lampedusa, Manganelli e Giuseppe Giusti.

Philippe VONNARD est doctorant en Sciences du Sport et l’Education Physique et assistant-diplômé à l’institut des sciences du sport de l’Université de Lausanne. Après un mémoire de master sur la création de la Coupe d’Europe des clubs champions dans les années 1950 (en cours de publication), il réalise actuellement un travail de doctorat sur les processus de la consolidation du champ footballistique européen dans les années 1950.

Sonia WANDERLEY si è addottorata in Storia sociale presso l’Universidade Federal Fluminense (UFF). Attualmente è professoressa dell’Universidade do Estado do Rio de Janeiro (UERJ), dove lavora all’interno dell’Instituto de Aplicação (CAp/UERJ), oltre che nel corso di Laurea magistrale in Storia sociale della Facoltà di Scienze della formazione (FFP/UERJ). Fa parte anche del corpo docente del corso di Laurea magistrale di insegnamento della Storia (ProfHist – UERJ) e dei gruppi di ricerca “Oficinas de História” e “Laboratório de Estudo das Diferenças e Desigualdades” (LEDDES).

Andrea ZAFFONATO è dottorando (PhD student) presso la Scuola Superiore di Studi storici, geografici e antropologici delle Università di Padova, Venezia e Verona. La sua ricerca è incentrata sui rapporti tra alpinismo e nazionalismo nei secoli XIX e XX e sulla percezione delle Alpi nelle testimonianze dei combattenti del primo conflitto mondiale. Ha pubblicato il saggio «Natura e storia. Le Alpi nell’immaginario dei soldati italiani della Grande Guerra», in Clio. Rivista trimestrale di studi storici, 48, 2/2012, pp. 223-239.

Costanza ZANASI ha conseguito la Laurea triennale in Lettere Moderne presso l’Università di Bologna; è iscritta al secondo anno del corso di Laurea magistrale in Scienze Storiche presso l’Università di Bologna.

Valerio ZANDONÀ, laureato in Storia Contemporanea presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, è dottorando in Storia, istituzioni e politica dell’area Euro-mediterranea nell’età Contemporanea dell’Università degli Studi di Macerata; si occupa, come oggetto d’indagine per la sua tesi di dottorato, della satira politica durante il Fascismo.

Ana Belén ZAPATA es Doctora en Historia por la Universidad Nacional de La Plata (UNLP) y docente regular de la Facultad de Filosofía y Letras en la Universidad de Buenos Aires (UBA) de la materia “Teoría e Historia de la Historiografía”. Es becaria posdoctoral del Consejo Nacional de Investigaciones Científicas y Técnicas (CONICET). Ha publicado distintos artículos sobre la temática de la conflictividad obrera en los años ’60 y ’70 en Argentina y sobre la represión en la última dictadura militar de 1976 en Argentina.

Jesús María ZARATIEGUI es profesor titular de universidad en el área de Historia e Instituciones Económicas. A su formación inicial como historiador añadió posteriormente el doctorado en Economía. Actualmente imparte docencia en la Facultad de Ciencias Económicas y Empresariales de la Universidad de Navarra (España). Ha publicado 4 monografías sobre economía de empresa y sobre la incorporación de España a la Unión Europea, así como innumerables artículos en revistas especializadas de todo el mundo. Forma parte del consejo de redacción de varias revistas de economía. Comenzó su interés por el campo de la historia religiosa al estudiar la conexión entre religión y economía en los últimos siglos; también ha publicado otros artículos sobre la vertiente política para España del concilio Vaticano II, la última en Anuario de Historia de la Iglesia.

Annarita ZAZZARONI è assegnista di ricerca in Letteratura Italiana Contemporanea presso l’Università di Bologna; si è occupata dei rapporti tra letteratura otto-novecentesca e musica e tra riscrittura del mito e antropologia.