ISSN: 2038-0925

“Scienza, tecnica, industria in Italia durante la Grande Guerra”

10 novembre 2014 –

Brescia – Chiesa di San Giorgio, Piazzetta San Giorgio – Via Gasparo da Salò – 

 

La Grande Guerra fu il conflitto più devastante fino allora conosciuto dall’umanità anche perché i mezzi messi allora a disposizione delle forze belligeranti ebbero una potenza mai prima raggiunta. E ciò per il nesso sempre più stretto che nel corso del secolo precedente si era creato fra scienza, tecnica e industria. Negli oltre quattro anni del conflitto gli ambienti tecnico-scientifici furono ampiamente mobilitati nei diversi Paesi, con esiti di vario ordine, destinati a far sentire i loro effetti anche a molta distanza di tempo.

Partendo da queste premesse, il convegno intende approfondire: i modi in cui avvenne la mobilitazione delle diverse categorie di tecnici e di scienziati in Italia; gli specifici problemi che le diverse categorie di esperti, e le istituzioni in cui operavano, si trovarono ad affrontare durante gli anni del conflitto; le forme di integra- zione che, per impulso degli organi politici e militari, furono realizzate dagli ambienti tecnico-scientifici fra di loro e con i settori produttivi maggiormente sollecitati dalle esigenze della guerra; l’impegno e gli atteg- giamenti che singole personalità, particolarmente rappresentative in campo scientifico e tecnico, tennero nei confronti del conflitto e dei problemi che questo pose al centro del dibattito pubblico.

 

 

PROGRAMMA

Ore 9.00

Saluti

Introduzione al Convegno, Valerio castronovo

Prima sessione

Carlo lacaita, Giuseppe Colombo e la Guerra

Giovanni Paoloni, Volterra, la Sips e la Guerra

Paolo Bagnoli, Filippo Burzio e la Guerra

Michela minesso, Giuseppe Belluzzo e la Guerra

Ore 11.30

Seconda sessione

Gli scienziati italiani di fronte alla Guerra, tavola rotonda

Coordina: Emilio Chirone

Partecipano: Giovanni Battimelli, Barbara Bracco, Luigi Cerruti, Luigi Pepe

Ore 15.00

Terza sessione

Vittorio marchis, Il Politecnico di Torino

Andrea Silvestri, Il Politecnico di Milano

Stefano Morosini, La mobilitazione di studenti e professori del Politecnico di Milano

Nicoletta Nicolini, La chimica di guerra

Marcello Zane, L’apporto dell’industria bresciana alla mobilitazione bellica

Fabrizio Trisoglio, L’Azienda elettrica municipale di Milano e la Guerra

Amilcare Mantegazza, Gianni Caproni e l’industria aeronautica italiana

Giorgio de Vecchi, La grande industria di Sesto e la Pirelli negli anni della Guerra

Ore 18.30

Conclusioni

 

 

Si chiede conferma della partecipazione a: micheletti@fondazionemicheletti.it

 

Segreteria organizzativa: Fondazione Luigi Micheletti, Via cairoli 9 – 25122 Brescia – tel. 030 48 578 – Fax 030 45 203 – micheletti@fondazionemicheletti.it – www.fondazionemicheletti.eu

 

 

Scrivi un commento