ISSN: 2038-0925

2/ Uscire dalla catastrofe. La città di Napoli fra guerra aerea e occupazione alleata

di Martina Gargiulo

Diacronie. Studi di Storia Contemporanea, N. 33, 1|2018

.

.

ABSTRACT TESTO INTEGRALE L’AUTORE REFERENZE LICENZE

.

.

“Children In Naples, Italy” by Lieutenant Wayne Miller, July 1944. U.S. Navy Photograph, now in the collections of the National Archives on Flickr (CC by-SA 2.0)

.

.


Abstract


Italiano

Questo articolo costituisce una prima rilettura, in chiave locale, della congiuntura storica del secondo conflitto mondiale e in particolar modo degli effetti sul piano materiale e morale scaturiti dai bombardamenti su larga scala dei centri abitati. Il processo di sdoganamento dei raid aerei contro la popolazione nei termini di un lecito strumento di guerra affondava le proprie radici dall’esigenza di rompere la “catena di solidarietà” che legava il fronte interno ai soldati impegnati nei combattimenti. Lo scoppio del nuovo conflitto mondiale coincise con una forte saldatura fra la pianificazione degli attacchi aerei su larga scala e il perfezionamento dei dettami della guerra psicologica. Durante la prima fase del conflitto, le città meridionali furono duramente colpite dalle campagne di bombardamento inglesi, a cui sarebbe seguite di lì a poco quelle americane. Per la sua posizione strategica e per il ruolo giocato dal porto, Napoli subì una lunga serie di rovinosi attacchi, con gravi danni inflitti all’intero tessuto urbano e in particolare al patrimonio artistico. Con l’ingresso degli eserciti alleati in città e la fine anticipata delle ostilità belliche si aprì per la popolazione napoletana una nuova fase della sua storia, che non coincise tuttavia con un miglioramento immediato delle sue condizioni di vita. Il problema abitativo rappresentava allo stesso tempo la prima emergenza da affrontare e una sfida contro il tempo aggravata dalle parallele requisizioni a tappeto messe in moto dalle nuove forze occupanti.

Parole chiave: Napoli, Seconda guerra mondiale, guerra aerea, bombardamento, ricostruzione.

 

English

This article is a first reading in local key historical conjuncture of World War II and especially of the material and moral effects arising from the bombing of villages on a large scale. The process of customs clearance of air raids against the population in terms of a legitimate weapon of war sank their roots from the need to break the “chain of solidarity” that tied the home front to soldiers involved in the fighting. The outbreak of world war coincided with a strong weld between the planning of air strikes on a large scale and the refinement of principles of psychological warfare. During the first phase of the conflict, southern cities were hard hit by the British bombing campaigns that would follow shortly after the American ones. For its strategic position and the role played by the harbour, Naples suffered a series of devastating attacks, with serious damage to the whole urban building and in particular to the artistic heritage. With the arrival of the Allied armies in the city and the early end of hostilities wartime Neapolitan population opened a new phase in its
history, not coincided however with an immediate improvement of their living conditions. The housing problem was at the same time the first emergency to deal with and a challenge exacerbated by parallel requisitions set in motion by the new occupying forces.

Keywords: Naples, World War II, aerial warfare, bombing, post-war reconstruction.

 
 

.


Testo integrale


[» Scarica l’articolo in PDF]

Download (PDF, 653KB)

.


L’autore


Martina Gargiulo ha conseguito, nel marzo 2017, la laurea magistrale in Scienze Storiche e Orientalistiche presso l’Università di Bologna. I suoi interessi di ricerca spaziano dalla storia sociale alla storia militare, con un accento particolare sulle dinamiche politico-sociali innescate dal secondo conflitto mondiale e sui rapporti intercorsi fra lo scenario internazionale e i contesti locali dei paesi belligeranti.
.


Per citare questo articolo


Gargiulo, Martina, «Uscire dalla catastrofe. La città di Napoli fra guerra aerea e occupazione alleata», Diacronie. Studi di Storia Contemporanea, N. 33, 1|2018

URL: <http://www.studistorici.com/2018/03/29/gargiulo_numero_33/>

.


Licenze


Creative Commons License«Uscire dalla catastrofe. La città di Napoli fra guerra aerea e occupazione alleata» by Martina Gargiulo / Diacronie. Studi di Storia Contemporanea is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.

.

Scrivi un commento