ISSN: 2038-0925

8/ RECENSIONE: Stefano MANCUSO, La pianta del mondo, Roma-Bari, Laterza, 2020, 200 pp.

di Lucia TEDESCO

Diacronie. Studi di Storia Contemporanea, N. 51, 3|2022

.

RECENSIONE: Stefano MANCUSO, La pianta del mondo, Roma-Bari, Laterza, 2020, 200 pp.

RECENSIONE: Stefano MANCUSO, La pianta del mondo, Roma-Bari, Laterza, 2020, 200 pp.

Immaginiamo una ipotetica istituzione rappresentativa composta da 500 membri, ciascuno impegnato a rappresentare il proprio regno di appartenenza. Animali, vegetali, funghi e altri microrganismi riuniti per decidere le sorti del pianeta Terra. Quali fra loro avrà più voce in capitolo? Contrariamente a quanto accade nella realtà, in un organo come quello appena descritto le piante avrebbero a disposizione una rappresentanza di 425 membri (85%), seguita da 2 seggi per gli animali (0,3%), e la restante parte spetterebbe ai funghi e ai vari microrganismi. Con questa analogia, nel suo ultimo libro Stefano Mancuso vuole rendere evidente agli occhi del grande pubblico quanto gli esseri umani abbiano marginalizzato la vita e le attività delle principali abitanti del globo terracqueo. Neurobiologo vegetale nonché scienziato e divulgatore di fama mondiale, Mancuso racconta di provare un certo imbarazzo quando risponde alla domanda dei colleghi sul suo lavoro:

“Mi occupo di piante. Sono un agronomo”, infatti, è una risposta non prevista dal canone. Un medico, un fisico, un chimico, un giurista, un architetto, un ingegnere sono tutti rispettabili professionisti, finanche filosofi, matematici, geografi e geologi, sebbene visibilmente stravaganti, sono ammessi fra le discipline accademiche. Ma un agronomo, via, che razza di professione sarebbe? Nel momento in cui lo pronunci, capisci che ti stai ponendo fuori dalla decenza.
[…]

[» Scarica l’articolo in PDF]

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.


Testo integrale


Download (PDF, Sconosciuto)

.


L’autrice


Lucia Tedesco ha conseguito la laurea magistrale in Scienze Filosofiche presso l’Università di Bologna con una tesi sulla giustizia ambientale in collaborazione con l’Environmental Humanities Laboratory di Stoccolma. È appassionata di Science and Technology Studies, di studi di genere, di ecologia politica urbana e di Environmental Humanities.

.


Per citare questo articolo


TEDESCO, Lucia, «RECENSIONE: Stefano MANCUSO, La pianta del mondo, Roma-Bari, Laterza, 2020, 200 pp.», Diacronie. Studi di Storia Contemporanea, N. 51, 3|2022

URL: <http://www.studistorici.com/2022/10/29/tedesco_numero_51/>

.


Licenze


Creative Commons License«RECENSIONE: Stefano MANCUSO, La pianta del mondo, Roma-Bari, Laterza, 2020, 200 pp.» by Lucia Tedesco / Diacronie. Studi di Storia Contemporanea is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 4.0 Unported.

.

Scrivi un commento