ISSN: 2038-0925

10/ L’espansione della Banca Commerciale Italiana in Europa orientale durante il fascismo

di Alessandro Iacopini

Diacronie. Studi di Storia Contemporanea, N. 15, 3|2013

.

.

ABSTRACT TESTO INTEGRALE L’AUTORE REFERENZE LICENZE

.

.

"Banca Commerciale Italiana, Milan, Italy" by Dzhingarova on Flickr (CC BY 2.0)

“Banca Commerciale Italiana, Milan, Italy”
by Dzhingarova on Flickr (CC BY 2.0)

.

.


Abstract


Italiano

Dopo il Trattato di Versailles, la Banca Commerciale Italiana diede avvio a una vigorosa espansione nell’Europa Orientale e Balcanica e creò, in poco meno un decennio, una fitta rete di filiali e consorelle. Le banche affiliate alla Commerciale divennero in breve tempo istituti di riferimento nel mercato creditizio finanziando la ricostruzione economica di questi Stati. L’ascesa al potere di Benito Mussolini e del fascismo decretò un cambiamento di rotta della tradizionale politica estera italiana nei Balcani che, dal 1925, assunse toni più spregiudicati e aggressivi. Grazie a complesse e spesso contraddittorie manovre diplomatiche, Mussolini attirò verso l’Italia, l’Austria e l’Ungheria, creando un “asse trasversale” da opporre all’alleanza filofrancese della “Piccola Intesa” e alle strategie tedesche.

Parole chiave: fascismo, Banca commerciale Italiana, politica di potenza fascista, Europa orientale, periodo interbellico.

English

After the Versailles treaty, the Italian Commercial Bank (Comit) started a vigorous expansion in Eastern Europe and the Balkans. The Comit created, in less than a ten years, a dense network of branches and affiliated that soon became a reference in the credit market of the successor states. At the same time, the rise to power of Benito Mussolini provoked a change in the course in the traditional Italian foreign policy in the Balkans that, since 1925, assumed more aggressive tones. Through complex and often contradictory diplomatic manoeuvres, Mussolini attracted Austria and Hungary toward Italy, and created a “transverse axis” to oppose pro-French alliance of the “Little Entente” and Germany’s strategies.

Keywords: fascism, Italian Commercial Bank, policy of power, Eastern Europe, Interwar period.


.


Testo integrale


[» Scarica l’articolo in PDF]


Download (PDF, 784KB)

.


L’autore


Alessandro Iacopini ha conseguito la Laurea magistrale in Storia economica nell’ottobre del 2012 presso l’Università di Roma “Tor Vergata”, con una tesi sul ruolo della Banca Commerciale Italiana nell’espansionismo italiano nei Balcani tra le due guerre.
.


Per citare questo articolo


Iacopini, Alessandro, «L’espansione della Banca Commerciale Italiana in Europa orientale durante il fascismo», Diacronie. Studi di Storia Contemporanea, N. 15, 3|2013

URL: <http://www.studistorici.com/2013/10/29/iacopini_numero_15/>

.


Licenze


Creative Commons License«L’espansione della Banca Commerciale Italiana in Europa orientale durante il fascismo» by Alessandro Iacopini / Diacronie. Studi di Storia Contemporanea is licensed under a Creative Commons Attribuzione 2.5 Italia License.

.

tag_red , , , , , , , , ,

Scrivi un commento