ISSN: 2038-0925

13/ Libertà e identità: la fede e l’arte nelle colonie italoamericane negli anni dell’emigrazione di massa. L’esempio di Bartolomeo Boggio

di Marina Loffredo

Diacronie. Studi di Storia Contemporanea, N. 15, 3|2013

.

.

ABSTRACT TESTO INTEGRALE L’AUTORE REFERENZE LICENZE

.

.

"Basilica of Saints Peter & Paul" by jpellgen on Flickr (CC BY-NC-ND 2.0)

“Basilica of Saints Peter & Paul”
by jpellgen on Flickr (CC BY-NC-ND 2.0)

.

.


Abstract


Italiano

Le vere opere d’arte, persino quelle di carattere popolare, rivelano sempre qualcosa di più di un semplice intento decorativo. La Santa Barbara dipinta dal pittore Bartolomeo Boggio (1875-1950) per il santuario piemontese di Cuceglio, su richiesta di ottantuno minatori emigrati, è una delle testimonianze della progressiva ripresa di vitalità degli impulsi intellettuali e spirituali nelle comunità dei nostri connazionali negli anni difficili dell’emigrazione di massa e del loro adjustment to America. Nel quadro della fiorente costruzione di parrocchie nazionali sul suolo statunitense nei primi decenni del Novecento, i pittori d’arte sacra come il Boggio svolsero infatti un ruolo fondamentale nel restituire dignità alle Little Italies attraverso il ricorso a un consolidato patrimonio iconografico. L’identità degli Stati Uniti come “nazione della speranza” spianò la strada alla loro intensa attività, ma quest’ultima non potrebbe essere correttamente compresa al di fuori del concetto definito da Madre Cabrini dell’inseparabilità della cultura italiana dalla sua tradizione religiosa.

Parole chiave: Stati Uniti, immigrazione italiana negli USA, percezione dell’identità italiana, arte, spiritualità.

English

Great artworks, even those addressed to a popular public, have not only a simple decorative aim. An interesting example is Bartolomeo Boggio’s canvas of Saint Barbara. The canvas of Saint Barbara painted by this artist (1875-1950) for the Piedmontese Shrine of Cuceglio, at the istance of 81 emigrated miners, reveals the gradual recovery of the intellectual and spiritual impulses in the Italian-American colonies in the difficult years of mass migration and the immigrants’ adjustment to America. In the contest of the flourishing building of national parishes in the first decades of the Twentieth century, the role played by the painters of sacred art as Boggio was fundamental in returning dignity to the Little Italies through a consolidate iconographical heritage. The identity of the United States as “nation of hope” smoothed the way to their activity, but these important works can be correctly understood only in relation to the fundamental concept – defined by Mother Cabrini – of the inseparability of the Italian culture from its religious tradition.

Keywords: United States of America, Italian immigration in the USA, perception of the Italian identity, art, spirituality.


.


Testo integrale


[» Scarica l’articolo in PDF]


Download (PDF, 1.48MB)

.


L’autore


Marina Loffredo si è laureata in Storia con una tesi sulla pittura di paesaggio statunitense; nel 2011 ha conseguito la Laurea magistrale in Storia della Civiltà Cristiana presso l’Università Europea di Roma. Attualmente continua a studiare il filone di indagine legato alla vita degli italiani in America e alla semiotica dell’arte.
.


Per citare questo articolo


Loffredo, Marina, «Libertà e identità: la fede e l’arte nelle colonie italoamericane negli anni dell’emigrazione di massa. L’esempio di Bartolomeo Boggio», Diacronie. Studi di Storia Contemporanea, N. 15, 3|2013

URL: <http://www.studistorici.com/2013/10/29/loffredo_numero_15/>

.


Licenze


Creative Commons License«Libertà e identità: la fede e l’arte nelle colonie italoamericane negli anni dell’emigrazione di massa. L’esempio di Bartolomeo Boggio» by Marina Loffredo / Diacronie. Studi di Storia Contemporanea is licensed under a Creative Commons Attribuzione 2.5 Italia License.

.

tag_red , , , , , , , , ,

Scrivi un commento