ISSN: 2038-0925

Numero 44 | Invio di contributi

[2019-03-28] Guaranis na Prefeitura - São Paulo_045_Romerito Pontes by Romerito Pontes on Flickr (CC BY 2.0)

“[2019-03-28] Guaranis na Prefeitura – São Paulo_045_Romerito Pontes” by Romerito Pontes on Flickr (CC BY 2.0)

IT | EN | FR
.
.
.
«Can the Subaltern Speak» attraverso l’ambiente?.
Tra storia dell’ambiente e subaltern studies.
.
A CURA DI ELISA TIZZONI; GUEST EDITOR: ROBERTA BIASILLO

Nel 1988, Gayatri Chakravorty Spivak pubblica il suo saggio essai più influente nel campo degli studi post-coloniali e della teoria critica. Spivak si è spinto aldilà della scena della ricerca accademica sul colonialismo e le sue dinamiche : ha spiegato per quale ragione una sola narrazione della realtà sia stata fissata come normativa e abbia al contempo spianato la strada al superamento di una simile normativizzazione (Spivak, 1988). «Can the Subaltern Speak? » ha avviato un dibattito su comunità ridotte al silenzio, colonizzate, inascoltate, invisibili e non rappresentate e, sin dalla sua pubblicazione, è stato citato, invocato, imitato e criticato (Morris, 2010).

Le questioni sollevate da Spivak ci appaiono essere cruciali e attuali nel quadro delle ricerche emergenti in storia ambientale e invitano gli storici dell’ambiente a essere critici, a interessarsi alle emergenze ecologiche attuali, ad avvicinarsi alle origini ecologiste della disciplina (Egan, 2002; Offen, 2004; Armiero, 2008; Barca, 2014). Le tendenze recenti della ricerca sulla natura, la cultura e la storia dell’ambiente chiariscono il passato degli essere umani le cui prospettive sono state negate e non inserite in archivi ufficiali, l’azione / il ruolo di soggetti ecologici nella costituzione del passato, i mezzi potenziali per decolonizzare le pratiche e gli approcci filosofici della ricerca (Thorpe, Rutherford et Sandberg, 2017).

Inoltre, tutte le iniziative coloniali e imperiali – che sono una componente essenziale dei subaltern studies – sono inseparabili dalla storia dei cambiamenti ambientali su scala globale. Gli storici hanno indagato, tra gli altri fenomeni, il flusso di materie prime, i nuovi metodi agricoli, le migrazioni delle popolazioni indigene, la fondazione di città coloniali (Beinart e Hughes, 2007; Beckert, 2014).

Con questo numero monografico, miriamo a riorientare e interpretare il termine subalterno in senso lato mettendolo in relazione con l’ambiente e vedendo in questo l’occasione per uno scambio di idee e un dibattito nel campo di studi della storia ambientale coloniale e postcoloniale. Accoglieremo contributi che trattino queste due domande fondamentali: che cosa aggiunge un focus specifico sulla storia dell’ambiente al dibattito sulla subalternità? Quale tipo di implicazioni metodologiche e teoriche hanno i subaltern studies sulla storia dell’ambiente intesa come disciplina?

Sollecitiamo perciò proposte di contributi che mettano in discussione questi punti (l’elenco non è esaustivo):

  • rimettere in discussione l’idea di ambiente come subalterna in ambito storico;
  • indagare l’era coloniale e postcoloniale attraverso la chiave ambientale (Sluyter, 2001; Sen, 2009);
  • rivelare il coloniale e il subordinato nelle disparità dinamiche socio-ecologiche dei contesti non coloniali;
  • sottolineare le dimensioni dell’ecologia politica delle storie ambientali (Hornborg, 2007);
  • lottare per la giustizia ambientale e climatica: le risposte delle comunità ai rischi ambientali (Ziglioli, 2016; Dawson, 2017; Malavasi, 2018);
  • (un)gendering nature: ecofemminismo ed ecologia queer: (Scharff, 2003; Mortimer-Sandilands et Bruce Erickson, 2010);
  • interpretare il legame ambiente-indigenità (Heatherington, 2010);
  • ricollegare la storia ambientale alla storia pubblica (Melosi, 1993).

 

Riferimenti bibliografici

  • ARMIERO, Marco, «Seeing Like a Protester: Nature, Power, and Environmental Struggles», in Left History, 13, 1/2008, pp. 59-76.
  • BARCA, Stefania, «Laboring the Earth: Transnational Reflections on the Environmental History of Work», in Environmental History, 19, 1/2014, pp. 3-27.
  • BEINART, William, HUGHES, Lotte (edited by), Environment and Empire, Oxford, Oxford University Press, 2007.
  • BECKERT, Sven, Empire of Cotton. A Global History, New York, Vintage Books, 2014.
  • DAWSON, Ashley, Extreme Cities. The Peril and Promise of Urban Life in the Age of Climate Change, New York, Verso, 2017.
  • EGAN, Michael, «Subaltern Environmentalism in the United States: A Historiographic Review», in Environment and History, 8, 1/2002, pp. 21-41.
  • HEATHERINGTON, Tracey, Wild Sardinia: Indigeneity and the Global Dreamtimes of Environmentalism, Seattle, University of Washington Press, 2010.
  • HORNBORG, Alf, Introduction: Environmental history as political ecology, in HORNBORG, Alf, McNEILL, John, MARTINEZ-ALIER, Joan R. (edited by), Rethinking environmental history: World-system history and global environmental change, Plymouth, AltaMira Press, 2007, pp. 1-24.
  • MALAVASI, Giulia, Manfredonia: storia di una catastrofe continuata, Milano, Jaca Book, 2018.
  • MELOSI, Martin, «Public History and the Environment», in The Public Historian, 15, 4/1993, pp. 10-20.
  • MORRIS, Rosalind C. (edited by), Can the Subaltern Speak? Reflections on the History of an Idea, New York, Columbia University Press, 2010.
  • MORTIMER-SANDILANDS, Catriona, ERICKSON, Bruce Erickson, Queer Ecologies: Sex, Nature, Politics, Desire, Bloomington (IN), Indiana University Press, 2010.
  • OFFEN, Karl H., «Historical political ecology: an introduction», in Historical Geography, 32, 2004, pp. 19-42.
  • SCHARFF, Virginia J. (edited by), Seeing Nature Through Gender, Lawrence (KS), University Press of Kansas, 2003.
  • SEN, Malcom, «Spacial justice: The ecological imperative and postcolonial development», in Journal of Postcolonial Writing, 45, 4/2009, pp. 365-377.
  • SLUYTER, Andrew, Colonialism and Landscape. Postcolonial Theory and Applications, Lanham, Rowman & Littlefield Publishers, 2001.
  • CHAKRAVORTY SPIVAK, Gayatri, Can the Subaltern Speak?, in NELSON, Cary, GROSSBERG, Lawrence (edited by), Marxism and the Interpretation of Culture, Basingstoke, Macmillan, 1988, pp. 271-313.
  • THORPE, Jocelyn, RUTHERFORD, Stephanie, SANDBERG, L. Anders Sandberg (edited by), Methodological Challenges in Nature-Culture and Environmental History Research, London – New York, Routledge, 2017.
  • ZIGLIOLI, Bruno, Sembrava nevicasse. La Eternit di Casale Monferrato e la Fibronit di Broni: due comunità di fronte all’amianto, Milano, Franco Angeli, 2016.

Come inviare

Gli autori possono inviarci abstract e articoli in italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, tedesco o greco (gli articoli in portoghese, tedesco e greco saranno tradotti dalla redazione). Gli articoli saranno sottoposti a una doppia valutazione anonima (revisione tra pari a doppio cieco) e dovranno essere compresi tra 35.000 e 55.000 caratteri e rispettare le norme editoriali e le istruzioni per gli autori qui descritte. Abstract e articoli dovranno essere inviati all’indirizzo: redazione.diacronie[at]hotmail.it.
Vi preghiamo di farci avere un abstract di 1000 battute (massimo) entro il 15 aprile 2020; vi comunicheremo l’accettazione o il rifiuto della vostra proposta entro il 30 aprile 2020. La data entro la quale far pervenire gli articoli è il 30 giugno 2020. Il numero della rivista uscirà nel dicembre 2020.
Per qualsiasi informazione supplementare potete scrivere all’indirizzo: redazione.diacronie [at] hotmail.it

Scrivi un commento