ISSN: 2038-0925

In chiave musicale: Giovanni Giuriati

Diacronie > La trama e l’ordito: l’impresa di Fiume > Giovanni Giuriati > In chiave musicale: Giovanni Giuriati

Inno a FiumeAmilcare Mauri, Inno a Fiume (1924)

testo di Ebe Romano, musica di Amilcare Mauri, voce di Fabio Ronchi

Era un grido che invocava
ne la notte, giù nel mare
era un grido che chiamava
in sua voce sconsolata !
Santa Fiume abbandonata, Alala!

E la madre non udiva,
non udivano i fratelli;
muta e triste era la riva
e, la Madre, addormentata?
Santa Fiume desolata, Alala!

Ma una fiamma viva ardente
sorse un giorno dalla riva
una fiamma incandescente,
qual mai luce s’era alzata?
Santa Fiume innamorata, Alala!

Tutta un grido l’altra sponda,
tutta un canto di riscossa!
Tacque il pianto dentro l’onda
ed attese, ormai placata;
Santa Fiume appassionata, Alala!

E l’attesa fu martirio,
fu dolore ardente e fiero,
e l’attesa fu delirio
per la Madre tanto amata !
Santa Fiume incatenata, Alala!

E fur gravi le catene
peso ingrato a tanto ardore,
e terribili le pene,
ma la Fede, sconfinata!
Santa Fiume disperata, Alala!

Ma pei Vivi, ma per Morti
Venne il dì della Vittoria!
Or si cangian le tue sorti;
alla Madre ridonata,
Santa Fiume liberata, Alala!

Audio

Amilcare Mauri, Inno a Fiume (1924)

È possibile ascoltare la canzone – nell’interpretazione del tenore Fabio Ronchi – sulla piattaforma Canzone italiana.

> Torna alla pagina iniziale di Giovanni Giuriati
> Torna alla homepage del progetto La trama e l’ordito: l’impresa di Fiume

Scrivi un commento